Agricoltura e sviluppo – Il grano assorbe il fosforo dalla polvere del deserto | Scienze e tecnologia

Agricoltura e sviluppo – Il grano assorbe il fosforo dalla polvere del deserto |  Scienze e tecnologia

W.Il caldo era È stata tra le prime piante ad essere addomesticata ed è oggi la coltura più diffusa al mondo. Quindi sembra improbabile che ci sarà molto di più da imparare su ciò che lo fa prosperare. Tuttavia, circa 12.000 anni dopo l’inizio delle relazioni tra le persone e il grano, una pianta di grano è stata scoperta mentre faceva qualcosa di inaspettato. Si è aiutata a prendere una dose di fosforo tanto necessaria quando le sue foglie hanno preso polvere del deserto.

La pianta (o meglio le piante) era a cura di Avner Gross dell’Università Ben-Gurion del Negev in Israele. Come ha detto il dottor Gross all’incontro di quest’anno dell’American Geophysical Union, che si è svolto online durante la prima metà di dicembre, il suo studio è stato motivato dalle sue visite escursionistiche vicino a Neve Shalom, il suo villaggio sulle colline della Giudea. A questo proposito, ha spesso osservato le foglie di una pianta completamente ricoperta di polvere trasportata dalle tempeste di sabbia del deserto del Sahara.

Gli venne in mente che quella polvere poteva non essere il fastidio che bloccava la luce che appariva a prima vista. Al contrario, può essere utile a causa degli elementi che promuovono la crescita come il fosforo che contiene. Fino ad allora, i botanici avevano ipotizzato che il fosforo contenuto nella polvere che cadeva sulla pianta fosse di scarso valore, perché è intrappolato in un minerale insolubile chiamato apatite. Questo lo rende non disponibile per l’assorbimento. Tuttavia, il dottor Gross ha suggerito che le piante che si sono evolute vicino ai deserti, la fonte di quasi tutta la polvere naturale nell’atmosfera, potrebbero aver sviluppato un modo per sfruttarla.

READ  Giove è più grande di alcune stelle, quindi perché non abbiamo un secondo sole?

Lui ei suoi colleghi, Sudip Tiwari, anche lui a Ben Gurion, e Ran Erell del Gelat Research Center, hanno iniziato a sperimentare un paio di varietà, grano e ceci (la diciassettesima coltura più coltivata al mondo), entrambe originarie dell’oriente levantino. Come controllo, hanno anche allevato del mais, una pianta delle Americhe che si è evoluta in un ambiente meno polveroso.

Per prima cosa, dopo averle stabilite come piantine, hanno fatto morire di fame la carica di fosforo fino a quando i segni di carenza sono apparsi come foglie gialle. Quindi spargono la polvere del deserto sulle foglie di metà dei campioni di ciascuna specie, mentre si adoperano per impedire che qualcuno di loro raggiunga il suolo. Quindi, sebbene il mais polveroso continuasse a soffrire di una carenza di fosforo, le piante di grano e ceci proliferarono e crebbero fino a più del doppio delle dimensioni dei loro colleghi di laboratorio non espatriati. Inoltre, questa specie era chiaramente pronta per l’arrivo della polvere. Una volta che la carenza di fosforo si è manifestata, sono successe due cose. Le sue foglie sono più pelose e quindi migliori a prendere la polvere. Le foglie hanno anche iniziato a produrre fluidi acidi in grado di sciogliere l’apatite in arrivo, aiutando così l’assorbimento del fosforo.

La capacità delle piante di assorbire il fosforo attraverso le foglie non è di per sé una novità per i coltivatori: questo è stato stabilito negli anni ’50. Ma finora il risultato pratico di questa conoscenza è stato quello di irrorare le colture con fertilizzanti liquidi derivati, a loro volta, da rocce contenenti apatite che sono state trattate con acido. Il dottor Gross suggerisce che la polvere di foglie potrebbe essere un modo alternativo e più efficace per fornire alle varietà di colture derivate dal deserto il fosforo di cui hanno bisogno. E forse non solo questi. Il suo prossimo piano è guardare gli alberi di avocado e cacao, che si sono evoluti nelle regioni tropicali delle Americhe che ricevono regolarmente una dose benefica attraverso l’Atlantico dalla polvere del deserto trasportata a ovest dagli alisei. Sarà interessante vedere se seguono gli stessi trucchi del grano e dei ceci.

Questo articolo è apparso nella sezione Scienza e tecnologia della versione cartacea intitolata “Buona cattura”.

Riutilizza questo contenutoProgetto di fiducia

Giustina Rizzo

<div id="tw-container" class="YQaNob" data-cp="1" data-nnttsvi="1" data-sm="1" data-sugg-time="500" data-sugg-url="https://clients1.google.com/complete/search" data-uilc="en"> <div> <div class="jhH5U"> <div id="tw-ob" class="tw-src-ltr"> <div class="oSioSc"> <div id="tw-target"> <div id="kAz1tf" class="g9WsWb"> <div id="tw-target-text-container" class="tw-ta-container hide-focus-ring tw-nfl"> <pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."</span></pre> </div> <div id="tw-target-rmn-container" class="tw-ta-container hide-focus-ring tw-nfl"> <pre id="tw-target-rmn" class="tw-data-placeholder tw-text-small tw-ta" data-placeholder=""></pre> </div> <div class="iYB33c"> <div class="dlJLJe"> <div data-cviv="false" data-ved="2ahUKEwiOx_KV_9ntAhXSh-YKHWflBCAQz_AEMAB6BAgBEA8"> <div class="U9URNb"><img id="dimg_9" class="rISBZc M4dUYb" src="image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAABQAAAAUCAQAAAAngNWGAAAA/0lEQVR4AYXNMSiEcRyA4cfmGHQbCZIipkuxnJgMStlMNmeyD2dwmc8+sZgxYJd9ErIZFHUyYYD7fkr6l4/rnvmtl7+KitrqV/fq2Y5eLY3Z9S48eRLe7BmVZ9qhTLhQ0algzZWQOVKSsCF8OjAnwbxDTWFDUhPK/jMr1H6HE/IqRky2DyvCefuwItwZzodVoYRiLqMkVCXrwpJ9twZ+sgfDYEFYl8wIWxZ9uFf7zkallxlJh4YrLGsKjZRx7VGHhLqwgFUN45DGdb8MeXGpgB4ABZdeDcpZEY51A+hyLKz4S1W4MQWm3AibWtgWmk6dyISa1pSdyWTOlLXVp0+eL9D/ZPfBTNanAAAAAElFTkSuQmCC" alt="Community-verified icon" width="16" height="16" data-atf="0" /></div> </div> </div> <div id="tw-tmenu" class="tw-menu"></div> </div> </div> </div> </div> </div> <div id="tw-images"></div> <div class="dURPtb"></div> <div> <div></div> </div> </div> </div> </div> <div class="KFFQ0c"></div>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x