Barr e il consigliere della Casa Bianca hanno avvertito Trump di non perdonare se stesso

Fonti dicono che Barr ha comunicato questa posizione a Trump prima di dimettersi il mese scorso.

Trump ce l’ha nelle ultime settimane Ha sollevato l’idea di perdonare se stesso, Così come i suoi familiari, anche se non è noto se lo abbia fatto da mercoledì L’attacco al Campidoglio. Trump è stato criticato per il suo ruolo nell’istigare l’attacco. Durante il fine settimana, il procuratore distrettuale degli Stati Uniti per il distretto di Columbia ha dichiarato alla National Public Radio (NPR) che i pubblici ministeri seguiranno ogni possibile percorso di indagine per determinare il ruolo delle persone nell’attacco, anche se questo include il controllo dei funzionari governativi.

I funzionari della Casa Bianca stanno anche valutando come l’inchiesta federale sull’insurrezione abbia influenzato altri perdoni di cui Trump ha discusso, come il suo avvocato personale Rudy Giuliani che ha chiesto un “processo per combattimento” in una manifestazione mercoledì prima di prendere d’assalto il Campidoglio.

Una persona vicina alla Casa Bianca ha detto: “La situazione a Washington ha sollevato problemi all’interno della Casa Bianca, anche per quanto riguarda l’amnistia”.

Un ulteriore perdono è previsto dalla Casa Bianca prima che Trump lasci l’incarico la prossima settimana.

La CNN non ha ricevuto immediatamente una risposta dalla Casa Bianca e Barr non ha fornito immediatamente un commento alla CNN.

Il potere di una grazia presidenziale non è stato testato e fonti affermano che sia Barr che Cipolloni pensavano che il tentativo di Trump di perdonare se stesso sarebbe stata una cattiva idea. Bar crede nel ministero della Giustizia nel 1974 Avviso legale La constatazione che il presidente non può perdonare se stesso dovrebbe alzarsi in piedi, e che Cipollone non ha chiesto all’ufficio del consulente legale del Dipartimento di Giustizia di riconsiderare il caso, secondo due fonti.

Tuttavia, il promemoria dice che il presidente in carica può dimettersi dalla sua posizione e poi essere graziato dal suo vice una volta che quella persona assume la presidenza. Questo è quello che è successo quando il presidente Gerald Ford ha perdonato Richard Nixon nel 1974.

READ  Il leader repubblicano al Senato statunitense vuole che il processo a Trump venga rinviato a febbraio

Due fonti separate vicine al vicepresidente Mike Pence hanno affermato che era improbabile che Pence perdonasse Trump in questo scenario. Diverse fonti hanno affermato che Pence era un fedele sostenitore del presidente, ma che ora è frustrato e deluso da Trump per il suo comportamento nei confronti dell’insurrezione e la mancanza di contatti con lui per controllarlo durante e dopo i disordini.

Trump può ancora perdonare se stesso anche se i funzionari della sua amministrazione non sono d’accordo con la misura. L’autoamnistia si estenderebbe solo ai crimini federali e non proteggerebbe Trump dalle azioni dello stato, inclusa un’indagine degli avvocati dello stato di New York sulle finanze personali e aziendali di Trump.

L’ufficio del consulente legale della Casa Bianca di solito richiede all’ufficio del consulente legale del Dipartimento di Giustizia di emettere un parere su importanti questioni legali. Questo ufficio è responsabile dell’espressione delle opinioni sull’autorità del ramo esecutivo e generalmente tende ad avere una visione più ampia dell’autorità presidenziale.

L’opposizione di Barr e Cipolone all’auto-perdono di Trump è degna di nota perché entrambi sono stati fedeli sostenitori di Trump che ha esercitato un ampio potere esecutivo sia durante l’indagine russa che durante le misure di impeachment del 2020 sulla sua chiamata con il presidente ucraino.

I due uomini sono stati recentemente in disaccordo con il presidente sulla sua menzogna elettorale. Barr ha lasciato l’incarico a dicembre dopo aver annunciato pubblicamente che non c’erano frodi diffuse nelle elezioni, e Cipolloni ha preso in considerazione le dimissioni nelle ultime settimane dopo un grave disaccordo con il presidente e il suo desiderio di utilizzare il suo ufficio per annullare i risultati elettorali.

READ  Assalto al Campidoglio, quindi la polizia ha rifiutato di aiutare l'FBI e il Pentagono

Evan Perez della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x