Cos’è la miastenia grave, la malattia di Gattuso?

L’allenatore del Napoli soffre di una sindrome autoimmune cronica che indebolisce i muscoli degli occhi e le palpebre. Non ci sono trattamenti ma trattamenti per ridurre i sintomi

In campo con una benda sull’occhio, poi, ai microfoni Sky dopo Napoli, Torino, Reno Gattuso ha mostrato il suo problema e ha spiegato: “Ho una malattia autoimmune, la miastenia grave. Sto morendo da un mese, ma non preoccuparti, non sto morendo. Vedere il moltiplicatore è difficile. Grande e non sono stato me stesso da un mese “. Poi l’appello, Anche il ministro Spadafora lo ha elogiato, Ai più piccoli, invitandoli a “non nascondersi”.

Miastenia oculare

Ma di cosa soffre esattamente Gattuso? La miastenia grave oculare è una forma di miastenia grave in cui i muscoli oculari e le palpebre si indeboliscono. La malattia autoimmune cronica insorge perché alcuni autoanticorpi sopprimono il meccanismo neurologico che consente ai muscoli appartenenti allo spazio oculare di contrarsi. In pratica, i segnali nervosi necessari per contrarre i muscoli del compartimento oculare non vengono inviati correttamente.

Sintomi e trattamenti

Ci sono due sintomi tipici: visione doppia (o visione doppia) e ptosi (o ptosi), entrambi menzionano Gattuso. Il problema può verificarsi a qualsiasi età, ma appare più frequentemente nelle donne sotto i 40 anni e negli uomini sopra i 60 anni. Non esiste una cura definitiva per questa malattia, ma un trattamento appropriato aiuta a ridurre i sintomi. La miastenia può essere trasmessa geneticamente, ma attualmente non esistono strategie preventive per limitarne gli effetti.

READ  Arriva come un messaggio di compleanno, ma è un trucco!

Celestino Traglia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x