Gli assassini della “ Tiger Squad ” saudita perseguono obiettivi indipendentemente dal loro paese di residenza, secondo nuove esplosive accuse giudiziarie

Segui il contenuto dell’articolo

La causa sostiene che questo piano includerebbe assassini che si recherebbero negli Stati Uniti e poi attraverserebbero il confine con il Canada via terra, piuttosto che all’aeroporto internazionale MacDonald-Cartier di Ottawa, come tentarono nell’ottobre 2018.

“Indubbiamente, l’imputato bin Salman ha cambiato la sua tattica in risposta ai tentativi falliti della Tiger Squad di entrare in Canada nell’ottobre 2018”, afferma la causa. A seguito delle direttive dell’accusato bin Salman, che è l’ultima tappa di una campagna di esecuzioni durata diversi anni, la vita del dottor Saad è ancora in grave pericolo fino ad oggi.

I documenti affermano anche che la Tiger Squad di Bin Salman è stata utilizzata per rapire i sauditi in Europa, tra cui il principe Saud bin Saif Al-Nasr dalla Francia nel 2015, e il principe Sultan bin Turki II, anche lui dalla Francia, nel 2016, così come rapimenti e torture. . Sulaiman Ad-Dawish, un religioso dissidente, alla Mecca.

La causa dice: “Se le accuse … sembrano fantasiose, allora è solo perché è difficile capire la profondità della corruzione dell’accusato bin Salman e degli uomini che ha autorizzato a eseguire la sua volontà”.

Queste operazioni, sostiene la causa, hanno avuto luogo in Francia (nei casi bin Saif e bin Turki), in Germania (il principe Khaled bin Farhan Al Saud) e in Norvegia, dove Iyad al-Baghdadi, un critico dell’Arabia Saudita, risiede sotto la protezione del governo. Turchia e Canada.

La causa dice: “Con il fallimento di ciascuna di queste misure sempre più coercitive, l’imputato bin Salman ha diretto la differenza per localizzare, detenere e uccidere i suoi obiettivi indipendentemente dal loro paese di residenza, anche se ciò significa una flagrante violazione della sovranità degli altri paesi. “

READ  La TV cinese presenta artisti dalla faccia nera a una festa di Capodanno

• E-mail: tdawson@postmedia.com | Twitter:

Sergio Venezia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x