Il primo ministro italiano Conte combatte le pressioni per le dimissioni all’avvicinarsi del voto del Senato

I giornali hanno detto che il primo ministro italiano Giuseppe Conte sta resistendo alle pressioni per dimettersi in vista di un voto cruciale al Senato che potrebbe rovesciare la sua fragile amministrazione.

Il quotidiano Corriere della Sera ha detto che mentre il presidente del Consiglio non ha intenzione di dimettersi, potrebbe cambiare idea se non nominerà un numero sufficiente di senatori prima del voto di mercoledì o giovedì per approvare il rapporto annuale del ministro della giustizia.

Conte fatica a dimostrare di avere ancora la maggioranza al Senato dopo che un alleato chiave ha disertato il 13 gennaio. Il Messaggero riferisce che Conte potrebbe considerare di dimettersi prima del voto se non vede spazio per ottenere la maggioranza.

“Ho fatto del mio meglio, ma i numeri sono ancora incerti”, ha detto domenica a La Repubblica Bruno Tabaci, un parlamentare che cerca di espandere il sostegno di Conte. “Ho suggerito un atto chiaro per Conte: dimettersi per formare un nuovo governo, il governo, e se non funziona andiamo alle elezioni”.

Pur conquistando i voti di fiducia in entrambe le Camere del Parlamento la scorsa settimana, non è riuscito a ottenere la maggioranza assoluta al Senato. Per compensare il deficit, Conte prende di mira senatori di Forza Italia di Silvio Berlusconi, centristi, legislatori non affiliati e persino membri sopravvissuti dell’Italia, il partito guidato dall’ex premier Matteo Renzi che ha abbandonato la coalizione.

Il Corriere ha detto che il conteggio dei voti al Senato finora avverrà a livello 156, che ha vinto nel voto di fiducia della scorsa settimana, aggiungendo che potrebbe essere inferiore per le proposte giudiziarie. Ciò rappresentava più della metà dei voti espressi, ma non ha raggiunto i 161 seggi necessari per approvare la legislazione principale, comprese le leggi di bilancio.

READ  Cos'è la miastenia grave, la malattia di Gattuso?

Venerdì sono scese le obbligazioni italiane, portando il rendimento a 10 anni allo 0,75%. Il premio sulle obbligazioni tedesche, una misura chiave del rischio nella regione, è aumentato di 8 punti base a 126 punti, il livello più alto da novembre.

Sebbene alcuni degli alleati del primo ministro stiano anche sollevando lo spettro di elezioni anticipate, questa è ampiamente vista come un’opzione improbabile, hanno detto i funzionari che hanno chiesto di non essere nominati mentre discutevano di colloqui segreti venerdì.

Molti membri della coalizione sono contrari ad andare alle urne nel prossimo futuro perché temono che il voto porti a un’opposizione di centrodestra guidata da Matteo Salvini. Hanno anche citato l’epidemia, la recessione e la necessità di gestire il pacchetto di ripresa dell’UE come ragioni per evitare le elezioni. La Repubblica riferisce che alcuni parlamentari del Partito Democratico di centrosinistra stanno cercando di riavviare i colloqui con Renzi per evitare le elezioni.

“Se andiamo alle elezioni, potrebbe non essere questo governo a presentare il piano di ripresa. Sarebbe molto pericoloso per il Paese e paradossalmente per gli alleati del governo che hanno combattuto e vinto una battaglia per migliorarlo”, ha detto a La Stampa Vincenzo Amendola, ministro degli Affari europei.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. È cambiato solo il titolo.

partecipazione a Newsletter di menta piperita

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla newsletter.

Celestino Traglia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x