In Iran, la rabbia contro gli Stati Uniti è in fuga. E ora l’America teme un attacco

Un anno dopo l’attacco americano che ha ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani e il leader della milizia alleata irachena, Abu Mahdi Al-Muhandis, un corteo funebre a cui hanno preso parte migliaia di persone ha percorso l’autostrada che porta all’aeroporto di Baghdad dove viveva. Piazza l’incursione fatale. Poster di combattenti sono stati decorati su entrambi i lati della strada. Le auto hanno chiuso la strada e i manifestanti che trasportavano foto di Soleimani e dell’ingegnere hanno allestito tende per offrire cibo e bevande a chi camminava a piedi.

Sono stati inoltre posti fiori sulle foto dei due uomini. Il luogo in cui è avvenuto il bombardamento è stato trasformato in un rifugio delimitato da corde rosse. I presenti alla festa hanno acceso anche candele e tutti in nero hanno salutato i loro “martiri” e insultato il “Grande Satana”: gli Stati Uniti. Tracce di rottami dello sciopero sono ancora visibili sull’asfalto e sui muri della zona.

Soleimani era il comandante della forza d’élite Quds a Pasdaran, responsabile delle operazioni estere della Repubblica islamica, spesso facendo la spola tra Iraq, Libano e Siria. Era considerato la seconda figura più potente del regime dopo il leader supremo Ali Khamenei. Le principali autorità iraniane, compreso Khamenei, hanno giurato di vendicare la sua morte e hanno avvertito che la vendetta potrebbe avvenire in qualsiasi momento.

Il suo assassinio ha aumentato le tensioni nella regione e ha portato gli Stati Uniti e l’Iran sull’orlo della guerra. I manifestanti hanno chiesto al governo iracheno di fare pressioni sugli americani per ritirare i soldati rimasti nel paese, poiché si prevede che solo 2.500 soldati americani rimarranno in meno di due settimane. Ma le persone per strada sono anche preoccupate per una potenziale escalation. L’anniversario è stato celebrato anche in Iran e dai sostenitori di Teheran in Siria, Libano, Yemen e in altre aree del Medio Oriente.

READ  Sarah Sanders, ex portavoce della Casa Bianca, è in corsa per la carica di governatore dell'Arkansas

Anche piazza Tahrir, nel centro di Baghdad, che a fine 2019 è diventata il centro delle principali proteste antigovernative, è stata colpita da migliaia di manifestanti: hanno alzato le foto di Soleimani, l’ingegnere, le bandiere irachene e la folla. Al-Shaabi, la folla popolare che era l’ingegnere che lo comandava. La gente per strada cantava canzoni contro gli assassini dei due leader. Ma il clima si sta riscaldando già da giorni. Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha rivelato, in un tweet, che “i servizi di intelligence iracheni hanno indicato che agenti israeliani provocatori stavano pianificando di lanciare attacchi contro gli americani per fornire a Trump false ragioni per la guerra e metterlo nei guai” quando la sua uscita dalla Casa Bianca si è avvicinata. Zarif in seguito ha avvertito: “Attento alla trappola, Trump”. L’America ha già effettuato voli preventivi con bombardieri B-52 e inviato un sottomarino nucleare nel Golfo Persico. La Casa Bianca teme un attacco iraniano in ricordo dell’uccisione di Soleimani e dell’ingegnere.

Sergio Venezia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x