La manifattura italiana sprona la speranza per la ripresa economica del 2021

(Bloomberg) – La produzione italiana si sta riprendendo al ritmo più veloce in quasi tre anni, un punto luminoso in un’economia che potrebbe essersi ridotta di quasi il 10% durante la pandemia del 2020.

Secondo un sondaggio di IHS Markit, le fabbriche, la maggior parte delle quali si trovano nel nord del Paese, hanno registrato un aumento sostenuto della produzione a gennaio, con ordini in forte espansione grazie alla domanda dall’Europa e dal Nord America. L’aumento delle vendite ha spinto le aziende ad aggiungere dipendenti, sebbene abbia anche esacerbato la pressione sulla capacità: le catene di fornitura sono sotto pressione nella maggior parte del mondo.

“I produttori di materie prime sono rimasti fiduciosi di un aumento della produzione nel prossimo anno”, ha affermato Lewis Cooper, economista presso IHS Markit di Londra. “Il settore manifatturiero rimane relativamente ben posizionato all’inizio del 2021, con la ripresa che sta guadagnando slancio nonostante le restrizioni della” zona rossa “in alcune regioni”.

L’ultimo aggiornamento dei responsabili degli acquisti fornisce rare buone notizie dopo che il crollo del governo del premier Giuseppe Conte ha minacciato di prolungare la crisi. Questo accade un giorno prima che l’Italia – l’epicentro originale in Europa dell’epidemia di coronavirus e per lungo tempo una delle sue peggiori economie – annunciasse i risultati del quarto trimestre.

I principali concorrenti del paese hanno ottenuto risultati migliori del previsto alla fine dell’anno, con Germania e Spagna che hanno registrato una crescita. Ciò indica che anche l’Italia potrebbe battere le stime dopo che le fabbriche, una parte importante dell’economia, sono riuscite a rimanere aperte durante la recente chiusura. Gli economisti intervistati da Bloomberg prevedono una contrazione trimestrale del 2,2%.

READ  Malaysia e San Marino hanno ratificato Kigali, che ha spinto la certificazione a 109

Il PMI manifatturiero italiano è salito a 55,1 a gennaio da 52,8 a dicembre. I servizi dovrebbero essere misurati mercoledì e dovrebbero rimanere fermamente al di sotto della soglia dei 50 che separa la crescita dalla deflazione.

© 2021 Bloomberg LP

Celestino Traglia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x