La società francese Asacha Media Group acquisisce il produttore britannico WAG Entertainment – scadenza

L’Asacha Media Group, un gruppo di produzione con sede a Parigi fondato lo scorso anno da tre ex dirigenti di Endemol Shine e Zodiak, ha acquisito una quota di maggioranza nella società di produzione e distribuzione britannica WAG Entertainment per una somma non divulgata.

WAG è stata fondata nel 1998 e l’azienda include Science Channels Cosa diavolo?Che è in produzione alla sua settima stagione, Spacciatori di combattimento Per Discovery Search e UKTV Fabbriche di guerra.

Come parte dell’accordo, Martin Dorkin, CEO e fondatore di WAG, si dimetterà alla fine del 2021. Sarà sostituito da Stephen Green, COO, che diventerà il direttore generale dell’azienda dopo un periodo di transizione.

Gli ultimi guadagni di WAG hanno mostrato che ha registrato un profitto di 7,7 milioni di sterline (10,6 milioni di sterline) nei 12 mesi fino a marzo 2020, in lieve aumento rispetto ai 7,3 milioni di sterline dell’anno precedente. L’azienda ha 4,6 milioni di sterline in contanti in banca.

Asacha sta costruendo una serie di società di produzione dopo che è stata fondata lo scorso aprile da Gaspar de Chavanec, ex presidente di Zodiak Media France; Marina Williams, ex CEO dell’International Endemol Shine Group; E l’ex CEO di Zodiak Mark Antoine D. Halloween.

Tra le altre società supportate da Asacha c’è la società italiana Stand By Me, che attualmente sta realizzando una serie di documentari in quattro parti basata su Condividendo la saggezza del tempo, Il libro scritto da Papa Francesco.

L’accordo WAG è stato mediato dalla società di consulenza multimediale GothamStreet, con il supporto di NOR Capital.

READ  "Ero stanco, ma voglio lavorare in TV"

Celestino Traglia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x