L’Italia chiede al regolatore europeo di accelerare la valutazione del vaccino russo – il mondo

Roma, 4 febbraio. Il ministro della Salute italiano Roberto Speranza ha riferito che il Paese si è rivolto all’Agenzia europea per i medicinali (EMA), chiedendo di accelerare la valutazione del vaccino russo, italiano. Ansa Lo ha riferito l’agenzia di stampa mercoledì.

“Non dovremmo preoccuparci dei vaccini di diversi paesi, è importante ottenere l’approvazione dell’Agenzia europea per le mine (EMA). Abbiamo chiesto all’Unione europea di accelerare la valutazione scientifica sia dei vaccini russi che dei vaccini di altri paesi”, ha detto. disse.

In precedenza, i leader di diverse regioni italiane si sono rivolti al Ministero della Salute, chiedendo che consideri la possibilità di acquistare il vaccino russo Sputnik V sullo sfondo della mancanza di forniture da parte di aziende che hanno già contratto per fornire vaccini.

In precedenza, The Lancet ha pubblicato i risultati degli studi clinici della terza fase del vaccino russo, secondo il quale è considerato uno dei vaccini più sicuri ed efficaci al mondo. L’efficacia del preparato è del 91,6%, tra i volontari vaccinati superiori a 60 – 91,8%. L’anticorpo contro il coronavirus è stato rilevato dopo la vaccinazione con Sputnik V nel 98% dei volontari vaccinati.

Questa valutazione è stata accolta favorevolmente in Italia. Inoltre, i rappresentanti della comunità italiana di esperti hanno elogiato l’ambientazione russa. Tuttavia, il suo potenziale utilizzo in Italia richiede l’approvazione dell’EMA. L’organizzatore italiano può registrare autonomamente e unilateralmente il vaccino in caso di emergenza. Secondo i suoi rappresentanti, non è così. Allo stesso tempo, l’Italia lamenta la mancanza delle dosi vaccinali richieste, che sta ritardando il programma vaccinale previsto.

Secondo le ultime stime, una volta consegnato il vaccino AstraZeneca, il terzo vaccino approvato nell’Unione Europea, 14 milioni di persone dovrebbero essere vaccinate in Italia entro aprile.

READ  Parenti, spostamenti tra comuni, coprifuoco, seconde case, cronaca

Celestino Traglia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x