L’Unione Europea approva le sanzioni ai militari e ai funzionari russi del Myanmar | Notizie dell’Unione europea

I ministri degli esteri dell’Unione Europea hanno accettato di imporre sanzioni all’esercito del Myanmar per il suo colpo di stato all’inizio di questo mese, trattenendo alcuni aiuti allo sviluppo, così come inserendo nella lista nera i funzionari russi per l’incarcerazione del critico del Cremlino Alexei Navalny.

Lunedì, Josep Borrell, capo della politica estera del blocco, ha affermato che l’Unione europea non limiterà i legami commerciali con il Myanmar in quanto ciò potrebbe influenzare la popolazione generale.

“Abbiamo stipulato un accordo politico per attuare sanzioni contro i funzionari militari responsabili del colpo di stato e i loro interessi economici”, ha detto Borrell. “Tutto il sostegno finanziario diretto è stato trattenuto dal nostro sistema di sviluppo per i programmi di riforma del governo”.

Il 1 ° febbraio i militari hanno arrestato il leader civile Aung San Suu Kyi in un colpo di stato che ha suscitato una diffusa condanna internazionale. Da allora ha lanciato una repressione sempre più sanguinosa contro i manifestanti pro-democrazia, che sono scesi in piazza in massa per denunciare l’acquisizione.

Il Regno Unito, il Canada, la Nuova Zelanda e gli Stati Uniti hanno annunciato sanzioni mirate ai leader militari del Myanmar, compreso il generale Min Aung Hling.

Nonostante le crescenti reazioni, i militari – conosciuti localmente come Tatmadaw – hanno ignorato le richieste di un ritorno al governo civile, dicendo che avrebbero tenuto nuove elezioni e affidato il potere al vincitore.

Separatamente, i diplomatici europei hanno dichiarato all’Agence France-Presse che le sanzioni contro alti funzionari russi avrebbero preso di mira quattro persone ritenute responsabili della persecuzione di Navalny, utilizzando il nuovo regime dei diritti umani dell’Unione europea adottato lo scorso anno.

READ  La TV cinese presenta artisti dalla faccia nera a una festa di Capodanno

I diplomatici non hanno nominato gli individui presi di mira, ma la mossa limitata sembrava deludere coloro che chiedevano una risposta dura contro Mosca.

I partner di Navalny e i legislatori europei hanno esortato i ministri riuniti a Bruxelles a perseguire l’oligarchia accusata di finanziare il governo del presidente Vladimir Putin.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha affermato che le sanzioni hanno lo scopo di inviare “una dichiarazione che non siamo pronti ad accettare certe cose”.

Ha detto: “Ma è anche necessario che continuiamo il dialogo con la Russia”.

Borrell non ha confermato quante persone sarebbero state prese di mira. Ha detto che presenterà formalmente i nomi per le sanzioni e spera che le misure vengano attuate entro una settimana.

“Dobbiamo punire le persone direttamente collegate al suo arresto, condanna e persecuzione”, ha detto Borrell.

Il vice ministro degli Esteri russo Alexander Grushko ha negato la mossa, descrivendola come un “record rotto” nelle dichiarazioni all’agenzia di stampa russa RIA Novosti.

L’umore nei confronti di Mosca è aumentato in tutta l’Unione europea dopo che Borrell è stato catturato in un’imboscata diplomatica durante un viaggio a Mosca questo mese, durante il quale il Cremlino ha espulso tre diplomatici europei.

Il blocco ha già imposto ondate di sanzioni alla Russia per l’annessione della Crimea nel 2014 e il ruolo di Mosca nel conflitto nell’Ucraina orientale.

A ottobre, l’Unione europea ha inserito nella lista nera sei funzionari per l’avvelenamento di Navalny ad agosto del gas nervino dell’era sovietica Novichok.

Navalny, il più eminente critico interno di Putin, è stato imprigionato questo mese per quasi tre anni dopo essere tornato in Russia dopo il trattamento in Germania per il suo avvelenamento.

READ  Quel giorno gli inglesi bruciarono il Campidoglio e santificarono Washington

La sua prigionia ha scatenato proteste a livello nazionale che hanno visto le forze di sicurezza portare manganelli hanno arrestato migliaia di persone.

Due dei più stretti collaboratori di Navalny hanno premuto per sanzioni contro la cerchia superiore di Putin – inclusa l’oligarchia – in un incontro con otto ministri degli esteri dell’Unione europea a Bruxelles domenica.

“Se solo 10 funzionari del Cremlino non si recano all’estero e non hanno beni all’estero, non dovrebbe essere davvero doloroso”, ha detto ai giornalisti Leonid Volkov, uno dei principali assistenti di Navalny.

Venezuela, Bielorussia

I ministri europei hanno anche aggiunto 19 funzionari venezuelani alla lista nera per “indebolimento della democrazia” e violazioni dei diritti umani dopo che l’Unione europea ha respinto le elezioni legislative di dicembre come antidemocratiche.

Il blocco ha discusso della repressione in corso in Bielorussia e ha affermato che considererà la necessità di un quarto round di sanzioni contro il governo del presidente Alexander Lukashenko.

I ministri sono stati anche informati della repressione della Cina su Hong Kong mentre l’Unione europea cerca di valutare se rafforzare la sua risposta ora che Pechino stringe la presa.

Borrell ha detto che Bruxelles prenderà in considerazione il sostegno alla società civile di Hong Kong come primo passo e prenderà in considerazione ulteriori misure se la situazione si deteriora.

Sergio Venezia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x