‘Non otterrò a meno che i soldi non siano nella mia banca’ – lo strano contratto di Formula 1 di Ayrton Senna con la McLaren

Dopo la fine della saga negoziale di Hamilton, diamo uno sguardo interessante a un’altra saga del genere giocata 28 anni fa tra Ayrton Senna e la McLaren. Proprio come Hamilton, il suo eroe, anche Cena è entrato nel 1993 senza un accordo firmato con la McLaren e Ron Dennis.

La stagione 1992 è stata dura per il campione brasiliano. Gli ultimi motori V12 della Honda si sono rivelati deludenti e Nigel Mansell ha dominato la sua Williams Renault. Il team è passato dalla Honda alla Cosworth per la stagione, ma ciò significa che il team ha un budget inferiore per pagare Cena.

Il manager brasiliano, Julian Jacobi, ha dichiarato che la squadra doveva pagare Cena un milione a settimana per mantenerlo alla guida della McLaren. Ron [Dennis] Ha detto che aveva solo $ 5 milioni, quindi non poteva pagare ad Ayrton quello che gli aveva pagato in passato.

Ayrton Sina, Gran Premio del Giappone, Suzuka, 22 ottobre 1989 (foto di Paul Henry Cahir / Getty Images)

Quindi Ayrton ha detto: “Va bene. Correrò nelle prime cinque gare, e basta. E così il milione è successo a ogni gara. Non ha detto: “Voglio un milione a gara”, ha solo detto: “Partirò per le prime cinque gare.

“Questo è quello che è successo, il primo contratto è stato firmato per cinque gare, un milione di gare. Ma abbiamo messo una clausola nel contratto. Ma non verrò a meno che i soldi non siano sul mio conto in banca entro il mercoledì prima di ogni gara”, Ayrton disse. ricorda Yacoub.

Ora che mercoledì Ayrton Sina non ha ricevuto i soldi

Ora, la McLaren doveva stare all’erta per stare al passo con il decennio. Era finanziariamente macchinoso e il primo intoppo è arrivato prima della quarta gara, il GP di San Marino. Ayrton Sina si è assicurato che il gruppo di Woking ne comprendesse il valore.

Jacoby ha dovuto confermare tramite fax o telefonata che la McLaren aveva depositato i soldi sul conto. Questa volta, non c’erano soldi bloccati, e Ayrton era fermamente convinto che non avrebbe guidato questo fine settimana.

Ayrton Senna del Brasile siede a bordo del # 12 Camel Team Lotus Honda Lotus 99T Honda RA166E V6 turbo durante l’allenamento per il Gran Premio del Brasile l’11 aprile 1987 presso l’Autodromo Internacional Nelson Piquet Jacarepagua vicino a Rio de Janeiro, Brasile. (Foto di Simon Prouty / Getty Images)

Il team ha affermato che è stato un errore bancario, “Comunque, ecco i soldi pompati giovedì mattina invece che mercoledì”, Ricorda Jacoby. “Così ho chiamato l’ufficio di Ayrton a San Paolo, e non sono riusciti a trovarlo. È andato con una ragazza da qualche parte.”

Non era nel suo appartamento, non era in ufficio e non sono riusciti a trovarlo. Lo hanno trovato giovedì all’ora di pranzo. Quindi è saltato sull’aereo. Ayrton è arrivato in pista venerdì mattina tardi ed è salito in macchina a metà del primo allenamento, Condividi di Jakobi.

Il secondo intoppo nel decennio tra la McLaren e la Senna

Il secondo intoppo è stato più lontano dal traguardo delle cinque gare. Questa volta Ron Dennis ha dato la sua garanzia personale a Senna riguardo al pagamento. Ancora una volta i soldi non sono arrivati ​​in tempo e Cena non è uscito di casa.

“Abbiamo detto che Ayrton non sarebbe venuto, perché i soldi non sono arrivati ​​entro mercoledì. Abbiamo preparato tutti i tipi di bozze per finire il contratto, così tante bozze sono state fatte circolare”, Ricorda Jacoby.

Ayrton Senna, Gran Premio del Sud Africa, Kayalami, 1 marzo 1992 (foto di Paul Henry Cahir / Getty Images)

Ayrton era a Rio e ha chiarito che non sarebbe tornato su un aereo a meno che i soldi non fossero sul conto. Jacoby ha dichiarato che Ron ha dato al brasiliano una garanzia personale per aiutare a risolvere il singhiozzo finale della stagione.

Successivamente è passato alla Williams l’anno successivo e ha sostituito Alan Prost, che è stata l’ultima stagione in cui abbiamo visto il brasiliano brillare in rete. Soccombere a uno sfortunato incidente al GP di Imola.

Champion of Champions continua a vivere nei nostri cuori fino a quando alcuni di noi mettono il nostro poster sul muro, citazioni, “Se non cerchi più un vuoto esistente, allora non sei più un pilota da corsa, pelle d’oca nel senso letterale della parola, che riposi in pace!”

Leggi anche Tutto quello che devi sapere sulle visiere dei caschi F1 e su come funzionano sotto la pioggia

READ  Il debutto di Campbell in un nuovo club professionistico

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x