PD sceglie la saggezza del percorso: sono necessarie regole rigorose per proteggere la scuola

Stampa

Dobbiamo scegliere il minore tra due mali. Negli Stati Uniti il ​​giorno del Ringraziamento c’è stata una crescita esplosiva delle infezioni. Dobbiamo decidere cosa vogliamo fare. Se vogliamo riportare i bambini a scuola il 7 gennaio, non possiamo correre il rischio “.

Il vice segretario democratico afferma che, Andrea Orlando, Al Tg4. E quindi, “Dobbiamo rallentare un po ‘durante le vacanze, e poiché gli inviti a restare a casa non bastano, servono regole”.

“Gli studenti hanno il diritto di tornare a scuola il più velocemente e in sicurezza possibile. Tutto però dipende dalla direzione della curva del contagio. Per questo non ci stancheremo mai di chiamare tutti a fare attenzione, evitare i raduni e rinunciare al Natale secondo l’usanza. Bisogna capire che non è così”. Potrebbe essere come gli anni precedenti. Tuttavia, stiamo lavorando con i distretti, per dimostrare un punto di vista sui trasporti (è consigliabile che ci siano veicoli destinati solo agli studenti) e per il corso preferenziale di tamponi e test rapidi per studenti. Inoltre, sono già iniziati gli orari con i prefetti, È molto utile per mettere in contatto i rappresentanti delle istituzioni locali, in particolare in relazione alle esigenze dei singoli territori. Per quanto riguarda la capacità degli insegnanti di raggiungere le proprie famiglie a Natale, penso che il governo deciderà il prima possibile, sulla base degli elementi di cui dispongono, come i dati CTS.

E quindi Camila SjampatoPreside della scuola di partito.

Stampa

READ  Un uomo islandese riceve il primo trapianto di braccio e spalla al mondo | Islanda

Sergio Venezia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x