Qual era l ‘”anello fuso” che Hubble vide?

Qual era l ‘”anello fuso” che Hubble vide?

Il 14 dicembre, i funzionari del telescopio spaziale Hubble ho mostrato Foto sorprendenti di un fenomeno astronomico chiamato “anello fuso”. L’oggetto, che appare come un arco d’oro che si estende su un denso ammasso di stelle, è uno degli oggetti più grandi e completi Gli anelli di Einstein Scopri il nostro mondo.

L’anello di Einstein, dal nome del fisico, appare quando la luce viene deviata dalla galassia da un oggetto massiccio nel suo cammino verso la Terra, a causa di un processo chiamato lente gravitazionale. Se l’osservatore, l’obiettivo e la sorgente sono allineati perfettamente, la luce viene allungata e appare come un anello. Ciò accade perché la gravità piega il percorso della luce; Oggetti di massa elevata come i buchi neri creano spesso tali distorsioni.

In questo caso, “Anello fuso” è uno pseudonimo di una galassia ufficialmente chiamata GAL-CLUS-022058s, che si trova nella costellazione meridionale di Fornax.

Saurap Jha, professore di fisica e astronomia alla Rutgers University a cui è attribuita l’immagine, ha spiegato a Salon che la foto di cui parla molto è un ottimo esempio di lente gravitazionale.

“La maggior parte delle cose che vedi nell’immagine sono galassie, gruppi di centinaia di miliardi di stelle ciascuno”, ha detto Jha in una e-mail. “Le galassie giallo-arancio vicino al centro dell’immagine fanno parte di un gruppo di galassie; gli ammassi di galassie sono tra i massicci oggetti legati alla gravità nell’universo”.

Questo perché la maggior parte della massa nell’ammasso galattico proviene dalla materia oscura, ha spiegato Jha.

Jha ha aggiunto che nell’immagine c’è una singola galassia che appare “estesa e distorta, e quasi si avvolge intorno alla galassia centrale dell’ammasso”. Questo è un “miraggio gravitazionale”, ha detto, perché in realtà è la galassia dietro l’ammasso di galassie centrale – poiché è a “miliardi di anni luce di distanza”.

READ  Perché è stata costruita Stonehenge? | Scienze viventi

Ha detto: “La luce proveniente dallo sfondo della galassia devia il suo percorso a causa della gravità dell’enorme ammasso di galassie in modo che possiamo vedere più immagini della galassia di sfondo”. “Potete vedere un’immagine di questa galassia a spirale all’indietro in alto a destra della galassia centrale: è per lo più rossa e ha un braccio a spirale bluastro.”

Sul lato sinistro e inferiore, vedete più immagini della stessa galassia, “allungata, in un aspetto semi-liquido”.

“In questo caso, l’anello non si estende completamente, ma piuttosto si estende approssimativamente”, ha spiegato.

Jha ha aggiunto che l’immagine che vediamo è il risultato di uno sforzo di collaborazione tra diverse osservazioni fatte con il telescopio spaziale Hubble ed elaborate da Leo Schatz, E una versione precedente di Judy Schmidt.

Gli astronomi hanno scoperto per la prima volta l’anello fuso attraverso osservazioni in uno dei telescopi di Magellano presso l’Osservatorio di Las Campanas in Cile. Ma questo era un telescopio terrestre, che limitava la chiarezza dell’immagine e la profondità delle osservazioni, che è il momento in cui Hubble è intervenuto. Poiché il telescopio spaziale Hubble è un telescopio spaziale, è in grado di scattare foto migliori del nostro universo senza interferenze da inquinamento luminoso e nuvole.

“Sapevamo che questo sarebbe stato un sistema interessante, ma siamo rimasti sbalorditi dai sorprendenti dati di Hubble”, ha detto Jha.

Jha ha osservato che la galassia è una galassia a spirale come la nostra, la Via Lattea, nonostante miliardi di anni luce.

“Ciò significa che vediamo un’immagine di quella galassia com’era miliardi di anni fa, e quindi possiamo studiarla per vedere com’erano le galassie a spirale molto tempo fa”, ha detto Jha. “La cosa bella di questo sistema è che la natura ci ha dato una” lente d’ingrandimento “cosmica – la lente gravitazionale che ci permette di studiare questa particolare galassia con dettagli molto più fini di quanto potremmo fare altrimenti”.

READ  Un nuovo orologio atomico più preciso potrebbe aiutare a rilevare la materia oscura e studiare l'effetto della gravità nel tempo

Giustina Rizzo

<div id="tw-container" class="YQaNob" data-cp="1" data-nnttsvi="1" data-sm="1" data-sugg-time="500" data-sugg-url="https://clients1.google.com/complete/search" data-uilc="en"> <div> <div class="jhH5U"> <div id="tw-ob" class="tw-src-ltr"> <div class="oSioSc"> <div id="tw-target"> <div id="kAz1tf" class="g9WsWb"> <div id="tw-target-text-container" class="tw-ta-container hide-focus-ring tw-nfl"> <pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."</span></pre> </div> <div id="tw-target-rmn-container" class="tw-ta-container hide-focus-ring tw-nfl"> <pre id="tw-target-rmn" class="tw-data-placeholder tw-text-small tw-ta" data-placeholder=""></pre> </div> <div class="iYB33c"> <div class="dlJLJe"> <div data-cviv="false" data-ved="2ahUKEwiOx_KV_9ntAhXSh-YKHWflBCAQz_AEMAB6BAgBEA8"> <div class="U9URNb"><img id="dimg_9" class="rISBZc M4dUYb" src="image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAABQAAAAUCAQAAAAngNWGAAAA/0lEQVR4AYXNMSiEcRyA4cfmGHQbCZIipkuxnJgMStlMNmeyD2dwmc8+sZgxYJd9ErIZFHUyYYD7fkr6l4/rnvmtl7+KitrqV/fq2Y5eLY3Z9S48eRLe7BmVZ9qhTLhQ0algzZWQOVKSsCF8OjAnwbxDTWFDUhPK/jMr1H6HE/IqRky2DyvCefuwItwZzodVoYRiLqMkVCXrwpJ9twZ+sgfDYEFYl8wIWxZ9uFf7zkallxlJh4YrLGsKjZRx7VGHhLqwgFUN45DGdb8MeXGpgB4ABZdeDcpZEY51A+hyLKz4S1W4MQWm3AibWtgWmk6dyISa1pSdyWTOlLXVp0+eL9D/ZPfBTNanAAAAAElFTkSuQmCC" alt="Community-verified icon" width="16" height="16" data-atf="0" /></div> </div> </div> <div id="tw-tmenu" class="tw-menu"></div> </div> </div> </div> </div> </div> <div id="tw-images"></div> <div class="dURPtb"></div> <div> <div></div> </div> </div> </div> </div> <div class="KFFQ0c"></div>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x