Sotheby’s Christo Auction, parte 1, utile netto di $ 9,8 milioni

L’artista di origine bulgara Christo, scomparso lo scorso maggio all’età di 84 anni, era famoso per l’ambizione vertiginosa dei progetti ambientali che ha realizzato in collaborazione con la moglie Jean-Claude. Scomparsa nel 2009. Nel corso dei decenni, mentre combattevano instancabilmente (non sempre con successo) per portare a compimento opere d’arte temporanee popolari come “The Gates” nel Central Park di New York, Christo e Jean Claude hanno anche ricevuto frammenti da amici e contemporanei.

Queste opere, così come i pezzi dello stesso Christo sono di proprietà della coppia, sono state battute all’asta questa settimana da Sotheby’s in un’asta in due parti a Parigi, la città in cui la coppia si è incontrata per la prima volta dopo la fuga di Cristo dalla Bulgaria comunista nel 1957, prima di trasferirsi. su. A New York nel 1964. I proventi della vendita andarono a beneficio delle proprietà degli artisti.

“Non si consideravano collezionisti”, ha detto in un’intervista Matthias Coudenberg, storico dell’arte e intimo amico della coppia. “Avevano solo opere di artisti che conoscevano, amavano o erano vicini.”

Dopo essere arrivati ​​a New York sulla SS France, Christo e Jean-Claude hanno aperto uno studio in una fabbrica abbandonata al 48 Howard Street, a Soho, dove hanno vissuto e lavorato per il resto della loro vita. Nell’introduzione al catalogo dell’asta, Koddenberg ha spiegato che la loro arte “è stata la testimonianza delle tante amicizie e incontri”. “Ai loro occhi, i nomi prestigiosi non erano importanti, ma le storie che legavano tra loro il duo erano decisamente importanti”.

Molte di queste storie sono state raccontate nelle voci di catalogo di Sotheby’s delle 28 opere più costose presentate all’asta dal vivo mercoledì, che ha raccolto 8 milioni di euro di commissioni, o circa 9,8 milioni di dollari, contro un’alta stima di prevendita di 3,8 milioni di euro. L’asta online si conclude per altri 347 contratti, che dovrebbero raccogliere almeno 314.000 euro (o circa $ 380.000), giovedì.

READ  "L'operatore ha pregato di fermarsi, guarda" il video

Uno dei primi sostenitori di Cristo fu l’artista concettuale italiano Lucio Fontana, che acquistò una delle sue sculture “avvolta” in una mostra collettiva a Colonia nel 1958. Christo e Jean-Claude divennero intimi amici di Fontana negli anni ’60. Durante una delle loro frequenti visite al suo studio in Italia, Fontana ha chiesto a Jean-Claude di scegliere una delle sue opere.

Il pezzo scelto è una tela del marchio di un pezzo chiamata “Concetto Spaziale, Attesa”, incisa dall’artista a Jeanne-Claude, e ha ispirato un’intensa concorrenza da parte degli offerenti telefonici prima di essere venduta per circa $ 1,1 milioni con commissioni per una stima bassa di circa $ 360.000.

Un’altra opera, una tela di seta “Jackie” di Andy Warhol del 1964 che mostra la first lady in lutto al funerale del presidente John F. Kennedy, è stata stimata tra 700.000 e 1 milione di euro, o fino a 1,2 milioni di dollari. Il pezzo era precedentemente di proprietà del critico d’arte di New York David Burdon, che ha scritto studi su Christo e Warhol. Bourdon voleva vendere l’opera, ma dopo aver ricevuto stime di $ 1.000 dalle case d’asta, ha deciso di venderla invece a Christo e Jean Claude per $ 1.001, secondo Coudenberg. È stato venduto qui a Parigi per circa 1,1 milioni di dollari.

Una poltrona “Hoge” di Gerrit Rietveld, che la coppia ha portato attraverso l’Atlantico sulla SS France, ha incassato circa 257.800 dollari; Una scultura alimentare affrescata di Claes Oldenburg, che li ha aiutati a trovare Howard Street Studio, circa $ 97,580; L’edizione “Liz” di Warhol del 1964, un regalo di Leo Castelli, il gigante della Fiera mondiale di New York che ha incoraggiato Christo e Jean Claude a trasferirsi negli Stati Uniti, è salita a quasi 91.000 dollari, più del triplo della stima.

READ  La squadra spagnola "Perfect Outsiders" si è riunita nel film The Road - Deadline

Un punto di principio per Cristo e Jean Claude era che i loro grandi progetti erano completamente autofinanziati vendendo le varie opere di Cresto, come i disegni di lavoro su larga scala.

Christo veniva da un paese comunista. “La libertà era molto importante per lui”, ha detto Vladimir Yavachev, nipote dell’artista e direttore delle operazioni. È a Parigi per sovrintendere all’organizzazione del confezionamento Arco di Trionfo24, sposi ampiamente postumi Il progetto, in programma per essere mostrato dal 18 settembre. “Ecco perché dovevano pagare da soli”, ha aggiunto Yavachev. “Il modo per ottenere la libertà è vendere a chi vuoi e non dover rispondere a nessuno”.

Christo ha tenuto due splendide figure larghe otto piedi associate al progetto degli “ombrelli” della coppia del 1991, che prevedeva l’erezione di 3.100 grandi ombrelloni colorati nelle valli interne degli Stati Uniti e del Giappone. Il progetto si è concluso in tragedia, poiché due persone sono morte, con la conseguenza che l’opera d’arte è stata chiusa prematuramente dopo meno di tre settimane.

Stimato da $ 241.000 a $ 361.400, il dipinto che mostra gli ombrelli gialli installati su Tigon Pass Hills a nord di Los Angeles è una fotografia altamente desiderabile, poiché è stato venduto a un offerente telefonico per $ 2,05 milioni, stabilendo un record all’asta per il artista. Il valore di uno studio comparabile sugli ombrelli blu sul fiume Sato a nord di Tokyo è stato di circa $ 1,45 milioni.

Un impressionante disegno di cinque piedi del progetto di successo del 1985 ha portato il Pont Neuf a Parigi a circa $ 569.000, e una delle prime sculture di Christo “The Package”, risalente al 1961, ha portato $ 626.400.

READ  Pierpaolo e Julia si abbracciano sotto le coperte, tra carezze e baci - VIP fratello maggiore

“È un cavolo?” Il banditore Olivier Valmer, vicedirettore di Sotheby’s Parigi, non ha resistito alle battute prima che cadesse il martello. Alla fine, tutti i 28 pezzi sono stati esauriti, spingendo Valmier a presentare un paio di guanti bianchi che arrivano con un’asta completamente riuscita.

“Era una vera collezione”, ha detto Christian Augier, un mercante d’arte moderna e contemporanea del XX secolo. “Era autentico, ed è stato assemblato in un momento in cui l’arte non era sotto l’influenza di un grande incantesimo di denaro”.

Augier ha detto: “Christo è stato uno degli ultimi grandi del periodo”.

Celestino Traglia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x