TikTok è stato bannato per alcuni utenti in Italia a causa del presunto ‘gioco blackout’

L’autorità italiana per la protezione dei dati ha bloccato l’accesso a TikTok ad alcuni utenti del Paese che non possono dimostrare la propria età, in seguito alla morte di una bambina di 10 anni che cerca di partecipare a una seria “sfida”.

L’autorità di regolamentazione del Paese ha emesso l’ordine di bloccare l’accesso al sito di social video per qualsiasi utente che non possa dimostrare in modo definitivo la sua età. Sebbene i termini e le condizioni speciali di TikTok richiedano agli utenti di avere almeno 13 anni, il divieto riguarda praticamente tutti gli utenti per i quali l’app non può determinare con precisione un’età appropriata.

L’ordine è arrivato dopo la morte di una ragazza in un ospedale di Palermo, ricoverata dopo essere stata trovata priva di sensi nel bagno di famiglia con il suo smartphone. Una delle sorelle della ragazza ha detto ai suoi genitori che stava “giocando a blackout”, Rapporti Watchman.

La cosiddetta TikTok Challenge, nota anche come “mantello” o “gioco del soffocamento”, ruota attorno all’idea che i partecipanti limitino la quantità di ossigeno che raggiunge il cervello per sperimentare l’estasi. Ciò può includere soffocamento o soffocamento, che è in pericolo di vita.

Secondo l’ordine, TikTok deve bloccare l’accesso agli utenti che non possono essere verificati in Italia fino al 15 febbraio al più presto. Il divieto non riguarda gli utenti in altre regioni, solo quelli in Italia.

Non è la prima volta che TikTok si scontra con un regolatore di dati italiano. È già oggetto di una causa da dicembre per “mancanza di preoccupazione per la protezione dei minori”, poiché è estremamente facile per i bambini di età inferiore ai 13 anni registrarsi per un account con una data di nascita falsa.

L’incidente ha anche suscitato una reazione da parte dei politici del paese, con i critici che chiedono una maggiore regolamentazione dei social network. “I social network non possono diventare una giungla dove tutto è permesso”, ha detto il capo del Comitato parlamentare italiano per la protezione dell’infanzia, Licia Ronzoli.

Un attento esame di TikTok in Italia può portare a misure simili in altri paesi, soprattutto a causa della giovane età della vittima. Tali azioni possono anche portare a multe pesanti e altre azioni correttive.

Ad esempio, la Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti ha multato Google e YouTube per 170 milioni di dollari nel 2019 per risolvere accuse di violazioni del Children’s Online Privacy Protection Act (COPPA). Ciò includeva la raccolta di presunti dati sugli YouTuber più giovani e il farlo senza il previo consenso dei genitori, mentre l’uso dei cookie consentiva di tracciare e identificare gli utenti minorenni per annunci mirati.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x