Un cimitero italiano a Camogli è crollato, facendo cadere in mare centinaia di bare

Il Cimitero di Camogli, costruito più di 100 anni fa, si trova lungo le scogliere in riva al mare. Francesco Olivari, sindaco di Camogli, ha definito il crollo un “disastro inimmaginabile”.

Si stima che siano cadute 200 bare, ma solo 10 ne sono state trovate, secondo Giacomo Giambedron, Residente della Protezione Civile Regionale. Ha aggiunto che il recupero di ciò che ne era rimasto “dipenderà dal mare nei prossimi giorni”.

Sabato, i lavori di manutenzione lungo la fragile costa sono stati improvvisamente interrotti quando i lavoratori hanno notato delle crepe nella roccia.

“Stavamo lavorando in una parte della costa rocciosa – era vicino all’area che è caduta oggi”, ha detto lunedì alla CNN Olivari. “Si sono visti segni di crepe. Abbiamo deciso di chiudere il cimitero”.

Ha detto di aver chiamato i funzionari della Protezione civile ligure per intervenire e valutare la situazione. Un team di geologi del dipartimento sta utilizzando droni per identificare meglio il danno e determinare se esiste il rischio di un’altra frana.

“Il tipo di crisi che si è verificata oggi è molto difficile da rilevare o prevedere”, ha detto Olivari. “Questa zona è soggetta a questo tipo di collasso – è molto fragile”.

Giampron ha detto che lunedì notte l’Autorità portuale di Genova ha sigillato la zona costiera sotto il cimitero per evitare che le bare galleggiassero in mare.

Martedì, dopo aver ripulito il sito, i funzionari hanno detto che avrebbero continuato a lavorare sul recupero di bare e corpi.

READ  Coronavirus in Lombardia: oggi 2 dicembre 3425 nuovi casi, 175 morti - Cronaca

Celestino Traglia

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x