Una nuova analisi rileva che Betelgeuse è opaco ed è entrato nella fase di combustione dell’elio

Betelgeuse si sta preparando per l’esplosione? Una nuova analisi ha concluso che la stella supergigante è svenuta ed è entrata nella fase di combustione dell’elio – il primo stadio di una supernova – ma nessuno di noi sarebbe vivo per vederla.

  • Betelgeuse è una stella nella costellazione di Orione, un tempo scarsamente illuminata
  • Un nuovo studio rileva che sta subendo una fase iniziale di combustione dell’elio di base
  • Ciò accade quando l’elio si fonde nel carbonio e alla fine fa esplodere una stella
  • Gli esperti coinvolti nello studio affermano che il Betelgeuse esploderà entro 100.000 anni

Gli scienziati hanno tenuto d’occhio la stella Betelgeuse dallo scorso anno, dopo che i rapporti hanno mostrato che la gigante rossa era opaca, ma un nuovo studio ha scoperto che aveva ancora più di 100.000 anni prima dell’evento.

Un team internazionale di scienziati suggerisce che la stella sia nella prima fase della combustione dell’elio, quando la stella brucia l’elio in carbonio, uno degli ultimi passi prima di una supernova.

I ricercatori coinvolti nell’analisi hanno anche scoperto che differenze di luminosità minori rispetto a Betelgeuse erano supportate da impulsi stellari, insieme alla posizione della stella più vicina alla Terra di quanto si pensasse in precedenza.

Scorri verso il basso per visualizzare il video

Il team è guidato dalla dott.ssa Meredith Joyce dell’Australian National University (ANU), che ha utilizzato modelli evolutivi, idrodinamici e sismici per analizzare il contrasto di luminosità a Betelgeuse.

Ciò ha permesso ai ricercatori di rivelare che la stella stava attualmente bruciando elio nel suo nucleo.

Ciò si verifica quando il nucleo di una stella raggiunge circa 100 milioni di gradi, provocando la collisione e la fusione di tre nuclei di elio per formare un nucleo di carbonio.

Il team è guidato dalla dott.ssa Meredith Joyce della Australian National University (ANU), che ha utilizzato modelli evolutivi, idrodinamici e sismici per analizzare il contrasto di luminosità di Betelgeuse

Il team è guidato dalla dott.ssa Meredith Joyce della Australian National University (ANU), che ha utilizzato modelli evolutivi, idrodinamici e sismici per analizzare il contrasto di luminosità di Betelgeuse

Qualche tempo dopo questo evento, il nucleo collassa, provocando un’esplosione che crea nebulose, regioni di polvere e gas nello spazio interstellare.

A causa di questa indagine approfondita, il team ha anche scoperto che gli impulsi stellari guidati da quello che viene chiamato il meccanismo kappa fa sì che la stella si illumini o svanisca continuamente con periodi di 185 (+/- 13,5) giorni e circa 400 giorni.

Ma il grande calo di luminosità all’inizio del 2020 non ha precedenti ed è probabilmente dovuto a una nuvola di polvere davanti a Betelgeuse, come si vede nell’immagine.

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha scoperto che il blackout è probabilmente causato da una dolorosa esplosione che ha espulso materiale caldo nello spazio, coprendo la vista terrestre del sito dei Gemelli.

I dati hanno mostrato che una nuvola di polvere si è formata quando il plasma surriscaldato è esploso dalla stella, che si è raffreddato e ha formato una nuvola di polvere che bloccava la luce dalla superficie di Betelgeuse.

La dimensione di Betelgeuse è stata un mistero per la comunità scientifica, ma uno studio recente ha stabilito che contiene radio 750 volte quella del sole.

Questa informazione ha anche permesso ai ricercatori di determinare che la stella si trova a soli 530 anni luce dalla Terra, invece di 700 anni luce come si pensava in precedenza.

I loro risultati indicano che Betelgeuse non è affatto vicina all’esplosione e che è così lontana dalla Terra che l’esplosione finale ha un impatto maggiore qui, sebbene rimanga un grosso problema quando la supernova sta esplodendo.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x