― Advertisement ―

spot_img
HomeTop News10 persone sono state uccise e decine sono disperse dopo che due...

10 persone sono state uccise e decine sono disperse dopo che due imbarcazioni di migranti sono affondate al largo di Lampedusa

La Guardia Costiera ha riferito che stava cercando “possibili persone scomparse, dopo che una barca a vela che trasportava migranti, presumibilmente salpata dalla Turchia, è affondata” la notte scorsa.

Dopo che due navi sono affondate al largo delle coste italiane, la guardia costiera e l'agenzia di salvataggio dei migranti hanno riferito lunedì che dieci migranti erano morti e altre dozzine erano disperse.

Dieci corpi sono stati scoperti sotto il ponte dai soccorritori che aiutavano i migranti su una barca di legno a Lampedusa, ha riferito su X l'organizzazione umanitaria tedesca ResQship.

L'equipaggio di Nadir, che lavora per ResQship, “si prende attualmente cura di 51 persone a bordo”. L'organizzazione no-profit tedesca ha dichiarato che per 10 persone l'operazione di salvataggio è arrivata troppo tardi.

“C'erano 61 persone a bordo della barca di legno piena d'acqua. Il nostro equipaggio è riuscito a evacuare 51 persone, due delle quali erano prive di sensi e hanno dovuto essere liberate con un'ascia.”

Nel frattempo, dopo l'affondamento di un'altra nave, la Guardia costiera italiana ha dichiarato che stava cercando sopravvissuti al largo delle coste calabresi. Secondo i media sarebbero circa sessanta i migranti scomparsi.

La Guardia costiera ha riferito che stava cercando “possibili persone scomparse, dopo che una barca a vela con a bordo migranti, che si presume avessero lasciato la Turchia, è affondata la notte scorsa”.

È stato riferito che l'operazione di salvataggio è stata avviata a causa di un “caso di emergenza” da parte di una barca da diporto francese che navigava al largo delle coste italiane.

La nave francese ha informato le autorità “della presenza della barca semiaffondata” prima di salire a bordo dei dodici migranti ancora vivi.

READ  Consultazione pubblica Revisione del piano d'azione EUSAIR: dite la vostra! - politica regionale

Sono stati poi caricati su una barca della Guardia Costiera italiana e portati nella città di Rossella Ionica, nel sud dell'Italia.

Dopo lo sbarco, uno dei dodici sopravvissuti è morto, secondo la Guardia costiera.

In seguito al naufragio, l'agenzia di stampa italiana ANSA ha riferito che risultavano dispersi circa 50 migranti; Tuttavia, Radio Radical ha riferito che 64 migranti sono morti in mare, la maggior parte provenienti dall'Afghanistan e dall'Iran.

Ha aggiunto: “I dieci morti sono sul ponte inferiore della barca, che è stata allagata”.

Trovaci su YouTube

Partecipare