45 anni dopo il lancio, i sensori Voyager della NASA brillano ancora a miliardi di miglia di distanza

1/7

La Voyager 2 decolla al Kennedy Space Center di Merritt Island, in Florida, il 20 agosto 1977. La sonda è stata lanciata due settimane prima della Voyager 1 e alla fine è diventata il secondo oggetto creato dall’uomo più lontano dalla Terra. Immagine fornita dalla NASA

19 ago (UPI) – Quarantacinque anni fa, la NASA ha lanciato la prima parte della sua missione nello spazio profondo più ambiziosa della sua storia: un veicolo spaziale chiamato Voyager 2, che continua a comunicare con gli scienziati sulla Terra a una distanza di oltre 12 miliardi di miglia.

Voyager 1 e Voyager 2 sono entrambi nello spazio interstellare. In effetti, sono ancora gli unici due veicoli spaziali dalla Terra ad aver lasciato il Sistema Solare.

A causa dell’allineamento del pianeta e della traiettoria richiesta per la sua missione, il Voyager 2 è stato effettivamente lanciato per la prima volta il 20 agosto 1977. Il Voyager 1 ha seguito l’esempio il 5 settembre e le due sonde spaziali hanno iniziato a mappare per la prima volta le sonde lontane della galassia.

Le due sonde servono ancora come la missione internazionale più longeva della NASA e dovrebbero continuare a funzionare per almeno qualche altro anno prima di esaurire definitivamente l’energia.

Sabato segnerà i 45 anni dall’inizio della missione.

Sebbene la NASA abbia ottenuto una serie di importanti vittorie nello spazio, come gli sbarchi sulla luna dell’Apollo e dozzine di missioni dello space shuttle, la navicella spaziale Voyager è ancora molto apprezzata dagli scienziati e dal pubblico amante dello spazio.

Voyager 1 e Voyager 2, lanciati nel 1977, sono rappresentati graficamente nella loro posizione diversi anni fa ai margini dell’eliosfera, la barriera che il Sole crea attorno ai pianeti del sistema solare. Immagine per gentile concessione della NASA

Le macchine flessibili sono diventate parte della cultura popolare e sono state presentate in modo fantastico in numerosi programmi TV e film. L’immaginaria sonda Voyager è stata un punto importante della trama nel primo Star Trek Film nel 1979 e uno di loro è stato responsabile di aver portato sulla Terra una forma benigna di vita aliena nel film del 1984 Uomo stella.

READ  SpaceX lancerà una nuova flotta di satelliti Starlink il 21 febbraio dopo la distruzione di una tempesta solare

“Voyager ha continuato a fare scoperte sorprendenti e ha ispirato una nuova generazione di scienziati e ingegneri”, ha affermato in una dichiarazione Susan Dodd, project manager di Voyager presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA in California.

“Non sappiamo quanto durerà la missione, ma possiamo essere sicuri che la navicella spaziale offrirà più sorprese scientifiche mentre si allontana dalla Terra”.

Dopo il loro lancio, entrambe le sonde sono diventate per la prima volta parte di un “grand tour” di esplorazione di esopianeti, Compresi Giove e Saturnoe inviare nuovamente i dati sulle stazioni e le lune più grandi del sistema solare. La Voyager 1, che si stava muovendo più velocemente, alla fine superò la Voyager 2 e raggiunse prima i pianeti esterni.

Più avanti nella missione, Voyager 2 è diventata la prima navicella spaziale – e ad oggi rimane l’unica – a volare vicino ai due pianeti esterni, Urano nel 1986 e Nettuno nel 1989.

Mentre stava uscendo dal sistema solare nel 1990, la Voyager 1 ha girato la sua fotocamera di bordo per catturarlo Istantanea di tutti i pianeti tranne Mercurio, cosa irraggiungibile. La foto è ora conosciuta come un “ritratto di famiglia”. A quel tempo, l’imbarcazione si trovava a circa 4 miliardi di miglia dalla Terra.

“Oggi, mentre entrambi i Voyager esplorano lo spazio interstellare, forniscono all’umanità l’osservazione di un territorio inesplorato”, ha dichiarato Linda Spilker, vice scienziata del progetto per Voyager al JPL.

“Questa è la prima volta che siamo stati in grado di studiare come una stella, il nostro Sole, interagisce con particelle e campi magnetici al di fuori della nostra eliosfera… e fornire informazioni chiave per missioni future”.

READ  Come guardare il lancio e l'atterraggio di SpaceX di un razzo Falcon 9 per la nona volta record

Quando la Voyager 2 ha condotto i suoi voli, la Voyager 1 è stata la prima a raggiungere i limiti dell’eliosfera, la bolla protettiva creata dal campo magnetico del Sole e dal deflusso del vento solare.

Entrambe le sonde spaziali hanno scattato foto straordinarie di tutti i pianeti extraterrestri, comprese molte delle loro lune, e raccolto dati sorprendenti su molti corpi celesti.

Ad esempio, Voyagers ha scoperto che Encelado, una delle lune di Saturno, ha un vasto oceano di acqua salata sotto la sua superficie e probabili prese d’aria idrotermali, condizioni eccezionali per creare la vita. I grandi geyser che emanano dalla superficie della Luna hanno portato gli scienziati a questo fatto.

Decenni successivi nel 2012, Voyager 1 Raggiunto i limiti dell’atmosfera solare Ed è uscito dal sistema solare, diventando il primo corpo artificiale a farlo. Voyager 2 è seguito nel 2018.

Alla sua uscita, Voyager 1 ha scoperto che l’eliosfera simile a una bolla blocca circa il 70% dei raggi cosmici, o particelle energetiche dalle stelle che esplodono.

Entrambe le sonde Voyager sono alimentate da generatori termoelettrici di radioisotopi contenenti plutonio, che emettono calore che viene poi convertito in elettricità per alimentare il dispositivo. In un cenno all’epoca, ciascuno di essi trasporta anche un lettore di nastri a otto corsie per la registrazione e la trasmissione dei dati, circa 38.000 volte più lento delle moderne velocità di Internet 5G.

Ma forse il più famoso è che i sensori Voyager contengono anche un messaggio in una bottiglia di qualche tipo: un record d’oro contenente dati sulla vita sulla Terra, se uno dei due dovesse incontrare una vita intelligente lì un giorno, anche dopo che entrambi hanno perso il potere.

Il Golden Record contiene messaggi audio in diverse lingue e immagini che descrivono la figura umana e gli elementi della Terra, inclusa una mappa primitiva che indica la nostra posizione nel sistema solare.

Una vista simulata che si avvicina alla prospettiva della Voyager 1 quando l’ultima serie di immagini, nota come “Ritratto di famiglia”, è stata scattata nel febbraio 1990. Immagine gentilmente concessa dalla NASA

READ  La Cina non è responsabile di SpaceX per il missile canaglia che colpirà presto la luna, affermano gli scienziati

Nonostante il grande successo di entrambe le sonde, non erano esenti da problemi.

All’inizio di quest’anno, Voyager 1 avere un problema Laddove le letture dei dati dall’Expression of Attitudes and Control System, o AACS, non riflettessero la vera direzione dell’imbarcazione. Gli scienziati hanno scoperto che il problema riguardava la produzione di dati di stato e non il sistema stesso, il che significa che non era un problema mission-critical.

Dopo aver volato vicino a Saturno nel 1980, la telecamera della Voyager 2 si è bloccata e non ha funzionato correttamente. Fu una questione breve, tuttavia, e tornò in servizio.

A partire da venerdì, la Voyager 1 era a più di 14,5 miliardi di miglia dalla Terra, più del doppio della distanza tra Plutone e il sole. Voyager 2 è a più di 12,1 miliardi di miglia di distanza. Il prossimo anno, afferma la NASA, Voyager 2 diventerà il secondo oggetto artificiale più lontano dalla Terra, superando la sonda Pioneer 10 lanciata nel 1972.

La NASA prevede che la Voyager 1 e la Voyager 2 – che stanno ufficialmente concludendo la loro missione decennale – si esauriranno a metà del 2020.

Una volta che la sonda perde la capacità di comunicare con gli scienziati sulla Terra, la NASA afferma che inizieranno la loro missione finale, fungendo da “ambasciatori” per il nostro pianeta nel caso in cui vengano trovati da qualche parte della vita intelligente.

“I record placcati in oro servono come ‘messaggio cosmico in una bottiglia’ per chiunque possa incontrare sonde spaziali”, ha detto la NASA. “Alla velocità con cui l’oro decade nello spazio ed è eroso dalle radiazioni cosmiche, le registrazioni andranno avanti per più di un miliardo di anni”.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x