7 cittadini del Bangladesh sono stati identificati in viaggio verso l’Italia

Sono stati identificati i sette cittadini bengalesi morti in viaggio verso l’Italia dalla Libia a causa della prolungata esposizione al freddo estremo.

I funzionari della missione in Bangladesh a Roma hanno detto che le loro identità sono state rivelate domenica.

I deceduti erano Imran Hussain, Ratan, Shavit, Zahrul, Babi del distretto di Madaripur, Sazad del distretto di Sonamganj e Sifull del distretto di Kichorigang.

Fonti in Italia hanno principalmente confermato che 273 dei 287 migranti sulla nave provenivano dal Bangladesh, sette di loro sono morti e il resto erano cittadini egiziani, ha affermato la missione del Bangladesh a Roma.

Un team di due membri della delegazione del Bangladesh a Roma ha parlato con altri migranti e ha confermato le loro identità.

Tuttavia, nessuna identificazione è stata ricevuta dalle autorità italiane.

I sette corpi dei cittadini del Bangladesh sono già stati inviati ad Agrigento (una località della Sicilia) per essere custoditi in una camera mortuaria fino al momento del rimpatrio e della sepoltura.

Dopo aver ricevuto informazioni sul tragico incidente del 25 gennaio, l’Ambasciata del Bangladesh a Roma è stata in costante contatto con le autorità italiane competenti, tra cui due Consoli Generali Onorari del Bangladesh a Catania e Palermo per raccogliere informazioni reali e intraprendere le azioni appropriate da parte del Bangladesh, Lo ha detto venerdì sera la Missione del Bangladesh a Roma.

Un team di due membri, guidato dal Md Arfanul Hoque, Consigliere (Worker Welfare), accompagnato da un funzionario italiano, è arrivato all’isola di Lampedusa, in Italia, il 26 gennaio.

Il consigliere d’impresa ha incontrato il 27 gennaio il vicesindaco di Lampedusa Presteppino Salvatore (il sindaco era fuori stazione).

READ  Ian Wright valuta l'esordio di Conor Gallagher in Inghilterra contro San Marino

Durante l’incontro, le due parti hanno discusso del tragico incidente e delle possibili strategie e disposizioni per prevenirlo in futuro e rafforzare il coordinamento tra la parte italiana e l’ambasciata.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x