7 morti nel caos all’aeroporto di Kabul mentre i talebani pattugliano la capitale

KABUL, Afghanistan – Migliaia di afgani sono accorsi lunedì all’aeroporto principale di Kabul, alcuni così disperati per sfuggire ai talebani che hanno intrappolato un aereo militare mentre decollava ed è caduto, uccidendoli. Funzionari statunitensi hanno affermato che almeno sette persone sono state uccise nel caos, poiché la guerra più lunga d’America si è conclusa con una vittoria del suo nemico.

La folla è arrivata quando i talebani hanno imposto il loro dominio sulla capitale di 5 milioni di persone dopo un’avanzata fulminea in tutto il paese che ha impiegato più di una settimana per rovesciare il governo appoggiato dall’Occidente nel paese. Non ci sono state segnalazioni importanti di abusi o combattimenti, ma molti residenti sono rimasti a casa e hanno continuato ad avere paura dopo che l’avanzata dei ribelli ha svuotato le prigioni e saccheggiato le armerie.

In tutto il Paese, il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha avvertito che migliaia di persone saranno ferite nei combattimenti. Altrove, forze di sicurezza e politici hanno consegnato le loro province e basi senza combattere, probabilmente credendo che l’esperienza occidentale di due decenni di rimodellare l’Afghanistan non sopravviverà alla rinascita dei talebani. Le ultime forze statunitensi avevano pianificato il ritiro alla fine del mese.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito che “il mondo sta seguendo gli eventi in Afghanistan con un cuore triste e una profonda preoccupazione per ciò che ci aspetta”.

Mentre le forze armate statunitensi e altri continuavano i loro voli di evacuazione, gli afgani si libravano sull’asfalto dell’aeroporto internazionale. Alcuni sono saliti a bordo di un aereo parcheggiato sulla corsia dei taxi, altri penzolavano precariamente su un ponte a reazione.

Le forze americane hanno preso posizione per proteggere la pista attiva, ma la folla ha preso d’assalto loro e con i loro veicoli blindati. Si sono sentiti degli spari. Quando un Boeing C-17 Globemaster III dell’aeronautica statunitense ha tentato di decollare, un elicottero ha effettuato dei giri bassi davanti ad esso nel tentativo di tenere le persone fuori dalla pista.

READ  Merkel dice a Rouhani: "segnali positivi" sono necessari per salvare il JCPOA | Notizie sull'energia nucleare

I video hanno mostrato un gruppo di afgani appesi all’aereo poco prima del decollo, molti dei quali sono caduti in aria mentre l’aereo sorvolava rapidamente la città.

Alti funzionari militari statunitensi, che hanno parlato in condizioni di anonimato per discutere dell’operazione in corso, hanno dichiarato all’Associated Press che il caos ha causato sette morti, tra cui molti caduti dal volo. Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto che le forze statunitensi hanno ucciso due persone che ha descritto come portatrici di armi nello scontro. Ha detto che altri 1.000 soldati statunitensi sarebbero stati schierati per proteggere l’aeroporto e supportare i 2.500 soldati già presenti.

Kirby ha aggiunto che tutti i voli in aeroporto, sia militari che civili, saranno interrotti fino a quando i civili afghani non saranno evacuati dalla pista.

Shafi Al-Arifi, che domenica aveva un biglietto per volare in Uzbekistan, non è stato in grado di salire a bordo del suo aereo perché era pieno di persone che hanno attraversato la pista e sono salite a bordo, senza polizia o personale aeroportuale in vista.

“Non c’era posto per noi in piedi”, ha detto il 24enne. “I bambini piangevano, le donne urlavano, i giovani e gli anziani erano molto arrabbiati e sconvolti, e nessuno poteva sentirsi l’un l’altro. Non c’era ossigeno per respirare”.

Dopo che una donna è svenuta ed è scesa dall’aereo, Al-Arifi si è arreso ed è tornato a casa.

Anche altri afgani, come Rahmatula Kiwiash, stanno cercando di andarsene attraverso i valichi di frontiera terrestri, che ora sono tutti sotto il controllo dei talebani.

“Si è perso e non so cosa fare”, ha detto Koyash, che domenica ha attraversato il confine con l’Uzbekistan dopo aver lasciato i suoi figli e parenti in Afghanistan. “Ho lasciato tutto alle spalle.”

READ  Cos'è il CAI e cosa offre

Altri non sono stati così fortunati. Le difese aeree uzbeke hanno abbattuto un aereo militare afghano che tentava di entrare nel Paese senza permesso. Secondo quanto riferito, i due piloti sono stati feriti e arrestati.

Nel frattempo, il presidente Ashraf Ghani, che ha lasciato il paese in precedenza, ha dovuto affrontare le accuse russe di essere fuggito da Kabul con quattro auto e un elicottero pieno di soldi. La sua posizione è rimasta poco chiara.

L’ambasciata degli Stati Uniti è stata evacuata e la bandiera degli Stati Uniti è stata ammainata, con i diplomatici portati all’aeroporto per assistere all’evacuazione. Anche altri paesi occidentali hanno chiuso le loro missioni e hanno inviato personale e cittadini per via aerea.

Nelle interviste con le reti televisive statunitensi, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha accusato l’esercito afghano della rapida presa del potere da parte dei talebani, dicendo che mancava la volontà di combattere.

La facilità con cui i talebani hanno preso il potere va oltre l’abilità militare, ha scritto la società di intelligence privata Stratfor con sede in Texas.

“La velocità dell’eventuale avanzata dei talebani indica un minor dominio militare rispetto a un’effettiva insurrezione politica insieme a un sistema politico afghano incoerente e una forza di sicurezza alle prese con il deterioramento del morale”, afferma il rapporto.

L’offensiva dei talebani in tutto il paese ha sbalordito i funzionari statunitensi. Pochi giorni prima che i ribelli entrassero a Kabul con poca o nessuna resistenza, una valutazione militare statunitense prevedeva che potrebbero volerci mesi prima che la capitale cada.

La sconfitta ha minacciato di annullare 20 anni di sforzi occidentali per rimodellare l’Afghanistan, che ha visto la morte di decine di migliaia di afgani e più di 3.500 soldati statunitensi e alleati. L’invasione iniziale nel 2001 ha cacciato i talebani dal potere e ha disperso al-Qaeda, che aveva pianificato gli attacchi dell’11 settembre mentre si trovava in Afghanistan.

READ  La polizia israeliana ferma la marcia di estrema destra attraverso Gerusalemme | Israele

Sotto i talebani, che governavano secondo una rigida interpretazione della legge islamica, le donne erano in gran parte confinate nelle loro case e i sospetti criminali venivano amputati o giustiziati pubblicamente. Gli insorti hanno cercato di mostrare maggiore moderazione negli ultimi anni, ma molti afghani rimangono scettici.

Il proprietario della stazione, Saad Mohsini, ha affermato che i giornalisti sono stati finora in grado di lavorare anche se i combattenti talebani hanno visitato il canale satellitare privato Tolo in cerca di “armi fornite dal governo”. Alcuni dei militanti hanno indossato uniformi militari afgane e hanno iniziato a pattugliare e arrestare i presunti ladri.

Filippo Grandi, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha descritto separatamente le interazioni con i talebani come “relativamente positive”.

Lunedì, Nilan, una 27enne residente a Kabul, che ha chiesto che il suo nome fosse usato solo dal suo nome per paura di rappresaglie, ha detto di non aver visto nessuna donna per strada durante i 15 minuti di auto, “uomini e ragazzi”.

“Sembra che il tempo si sia fermato”, ha detto all’Associated Press, “tutto è cambiato”.

“Ci sentiamo come se le nostre vite e il nostro futuro fossero finiti”, ha aggiunto.

——

Akhgar ha riferito da Istanbul, Gannon da Guelph, Canada, e Gambrell da Dubai, Emirati Arabi Uniti. Associated Press libro Joseph Krause a Gerusalemme, Rahim Fayez a Istanbul, Edith M. Zina Karam di Beirut ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x