Aaron Ramsdale punta ad essere il numero uno in Inghilterra dopo aver battuto i tifosi dell’Arsenal

Un anno dopo aver ricevuto minacce online prima del suo trasferimento all’Arsenal, il portiere Aaron Ramsdale sta prendendo di mira la maglia numero uno dell’Inghilterra ai Mondiali.

Il 24enne ha dovuto battere i tifosi dell’Arsenal dopo essere arrivato dallo Sheffield United la scorsa estate.

Le successive retrocessioni dalla Premier League – prima con il Bournemouth, poi con i Blades – e una quota di trasferimento iniziale di 24 milioni di sterline hanno visto una reazione online contro Ramsdale che ha portato alla sospensione dei suoi commenti sui social media.

“All’inizio è stato difficile”, ammette.

Aaron Ramsdale ha esordito con l’Arsenal vincendo il secondo round della Carabao Cup a West Bromwich (Nick Potts/PA)

“Ho avuto molta negatività riguardo alla firma, dove gli idioti online dicono di non firmare. Non necessariamente minacce di morte ma minacce che dicono ‘sappiamo dove vivi’ e cose del genere. Cercando di intimidirmi.

“Molto rapidamente ho disattivato tutte queste cose. I social media per me sono anche un luogo in cui entrare in contatto con i miei amici e i miei fan, ma con restrizioni su chi può effettivamente contattarmi. “

“Era più sicuro per me e anche per la mia famiglia. Mia madre e mio padre sono ovviamente sui social media. Non sanno davvero cosa stanno facendo, ma è molto facile per loro digitare ‘Ramsdale’ su Twitter per arrivare a la mia pagina e finiscono su una pagina con molta negatività e abusi e poi l’hanno letta e si sono arrabbiati. Quindi mi ha fatto sentire più sicuro. “

Le prime settimane di Ramsdale nel nord di Londra sono trattate in modo approfondito nell’ultima serie di Amazon, All or Nothing: Arsenal, che inizierà il 4 agosto.

READ  Calcio: Bonucci della Juventus è di nuovo infortunato e potrebbe saltare partite cruciali

Oltre a dimostrare il suo apparente desiderio di vincere, Ramsdale spera anche di mostrare agli spettatori che c’è un aspetto negativo nel lavoro.

Tutti pensano che il calcio sia facile, stai in campo due o tre ore e torni a casa, ma non è così

Alla domanda su cosa spera che i fan ottengano dal documentario, ha risposto: “Quanto è difficile essere un calciatore.

“Uno dei migliori lavori al mondo, ma allo stesso tempo uno dei peggiori. Non fraintendetemi, non sono io che predico del tipo ‘Ehi, ci dispiace a tutti per noi’, ma tempo lontano dalle famiglie e bambini e vivere fuori dalla borsa e viaggiare”.

“Spero solo che possano vedere attraverso ciò che viene fuori che siamo solo umani e ci vedano divertire ma a volte soffrire insieme. Penso che sia la cosa più difficile da cui uscire”.

“Tutti pensano che il calcio sia facile, stai in campo due o tre ore e torni a casa, ma non è così”.

I genitori di Ramsdale vengono intervistati anche nel primo episodio della serie, dove sia sua madre che suo padre supportano con entusiasmo la sua carriera e assistono alla maggior parte dei giochi.

Mikel Arteta festeggia con Ramsdale dopo aver battuto il Chelsea (Mark Payne/Almy)

Il capo dei Gunners Mikel Arteta ha persino contattato e parlato con il padre di Ramsdale, Nick, prima di timbrare il suo autografo.

“Penso che la prima telefonata che ho avuto con l’allenatore sia stata davvero buona. Mi ha chiesto del calcio, ed è stato molto facile per me perché amo il calcio”, ha aggiunto Ramsdale.

“Ha iniziato a chiedermi della famiglia e delle cose e mi ha chiesto personalmente di chiamare mio padre: era solo una di quelle cose, scoprire che il manager voleva sapere della tua famiglia e non si trattava di dire a mio padre: ‘Questo è il posto migliore per lui’ e cercando di farmi firmare.

READ  Notizie sportive oggi: cosa devi sapere

“Era davvero solo sapere cosa sono come persona, cos’è la famiglia e puoi semplicemente sentire la cultura che ha creato nel club.

“Non voglio che mio padre cerchi di sorvolare su qualcosa o di costruire me e la mia famiglia, siamo quello che siamo. Siamo una famiglia di Stoke e siamo stati fortunati ad aver intrapreso un viaggio insieme durante la mia carriera”.

Ramsdale ha anche attirato l’attenzione dell’allenatore dell’Inghilterra Gareth Southgate. (Nick Potts/PA)

La famiglia Ramsdale era presente anche al suo debutto con l’Inghilterra nella vittoria per 10-0 delle qualificazioni ai Mondiali in casa di San Marino a novembre.

Ha fatto parte della rosa di Gareth Southgate per raggiungere la finale di Euro 2020 senza un’apparizione, poi ha dovuto saltare la pausa internazionale a marzo all’inizio di quest’anno a causa di un infortunio.

Dopo aver iniziato due delle sue quattro partite di Premier League alla fine della scorsa stagione, inclusa una sconfitta per 4-0 contro l’Ungheria, Ramsdale ha la possibilità di tenere i guanti e dirigersi in Qatar per la Coppa del Mondo questo inverno.

“Ci sono dentro e intorno ad esso in questo momento”, ha detto.

“Ma le cose possono cambiare molto rapidamente, specialmente in questa stagione ci saranno Jordan (Beckford) e me, Sam Johnston, Dean Henderson, Nick Pope e forse alcuni altri.

“Probabilmente ci saranno cinque o sei portieri inglesi che cercheranno di salire a bordo, quindi anche se sono a bordo in questo momento devo mantenermi lì.

Fuori dal campo lui (Southgate) è molto simile a Mikel, penso che sia stata una delle cose principali per Gareth entrare a far parte della squadra nazionale: stare insieme, stare insieme e ci sono sicuramente delle somiglianze tra loro fuori dal campo.

READ  5 cose che abbiamo imparato dal nostro picnic in Inghilterra a San Marino

“Penso che il modo in cui stanno andando le cose con i social media e la salute mentale sia fantastico vedere questo tipo di manager entrare ora e sta cambiando il gioco in meglio”.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x