Agag difende Extreme E visitando le ricche economie in Climate Drive

La serie di corse SUV completamente elettriche fuoristrada esiste per attirare un pubblico più ampio in caso di crisi climatica coinvolgendo gli spettatori nella scena del motorsport in luoghi remoti.

Ma il calendario della sua prima stagione ha suscitato alcune critiche, poiché è iniziato nella ricca Arabia Saudita per poi finire in Sardegna, in Italia, e poi nel Dorset, in Inghilterra.

Mentre gli ultimi due eventi sono stati aggiunti al calendario come sedi alternative, con restrizioni di viaggio imposte ai tour in Argentina e Brasile, gli scettici hanno sollevato il punto che queste economie sono abbastanza ricche da aiutare a combattere il cambiamento climatico senza Extreme E.

Ma Agag ha risposto dicendo che il torneo è lì per “spiegare” ulteriormente i problemi che distruggono gli ambienti locali piuttosto che per “aiutare” con iniziative pratiche su larga scala.

Lo spagnolo ha dichiarato ad Autosport: “Il nostro obiettivo non è davvero quello di aiutare dove stiamo andando, il nostro obiettivo è spiegare cosa sta succedendo.

“La verità è che dovevamo essere nella foresta pluviale ora [Amazon, Brazil] E noi non ci siamo – la causa, ovviamente, è l’epidemia.

“Ma allo stesso tempo, ho riscontrato impatti davvero enormi del cambiamento climatico molto vicino a casa. E questo non era nella nostra idea iniziale, il nostro concetto era di andare oltre”.

Agag ritiene che l’esperienza delle corse in Sardegna abbia attirato l’attenzione sui vantaggi di organizzare almeno un Tour nell’Europa continentale nei calendari futuri.

Molly Taylor, Johan Kristofferson, Rosberg X Racing

Fotografia: Charlie Lopez / foto di sport motoristici

In contrasto con le difficoltà logistiche in Groenlandia e Senegal, e con l’allentamento di alcune restrizioni, l’evento in Sardegna ha visto la partecipazione di un gran numero di media e ospiti speciali.

READ  Natalie Achonoa, la superstar italiana, spera che le donne canadesi possano ottenere il proprio campionato di basket

Agag ha detto che spera che gli organizzatori del torneo possano utilizzare una piattaforma così popolare per incoraggiare più persone a coprire gli eventi e, in quanto tale, soddisfare la missione originale per attirare un vasto pubblico.

In precedenza ha anche difeso la decisione di aprire la stagione in Arabia Saudita, affermando che è in linea con l’assenza di sanzioni da parte dei governi internazionali del Paese.

Agag ha continuato a rispondere agli scettici, dicendo: “Ovunque puoi trovare qualcosa, una storia da raccontare, e questa è la nostra missione.

“Quindi, il nostro lavoro non è davvero quello di aiutare. Non siamo come un’organizzazione umanitaria.

“Tutti possono aiutare in particolare, ma siamo un campionato di motorsport che utilizza il motorsport per rompere la bolla e per fornire azioni ambientali, un messaggio, a un pubblico più ampio, al pubblico degli sport motoristici”.

La prima campagna Extreme E si concluderà alla base militare di Bovington nel Dorset il prossimo fine settimana.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x