― Advertisement ―

spot_img
HomescienceAlcuni farmaci e le ondate di calore non vanno d’accordo, gli esperti...

Alcuni farmaci e le ondate di calore non vanno d’accordo, gli esperti affermano che le precauzioni sono essenziali




Alcuni farmaci e le ondate di caldo non vanno d’accordo. Gli esperti dicono che sono necessarie precauzioni

Pubblicato martedì 18 giugno 2024 alle 23:11 EST


Mentre il Canada centrale e orientale si prepara alla prima ondata di caldo dell’anno, gli esperti medici avvertono dei rischi particolari per la salute affrontati dalle persone che assumono farmaci che possono alterare la risposta del corpo alle temperature estreme.

La dottoressa Samantha Green, medico di famiglia presso Unity Health Toronto – una rete di tre ospedali – ha affermato che la crescente frequenza delle ondate di caldo con il cambiamento climatico ha portato in primo piano il ruolo dei farmaci.

Le persone più a rischio in caso di eventi di caldo estremo sono gli anziani, i neonati e i bambini piccoli, nonché quelli con condizioni di salute fisica e mentale croniche. A volte queste condizioni di salute possono compromettere la termoregolazione, rendendo difficile per le persone affrontare il caldo, ha detto Green. Ad aggravare il problema è che alcuni farmaci assunti per queste condizioni possono compromettere ulteriormente la termoregolazione, anche se gli esperti sottolineano che questo non è un motivo per saltare i farmaci.

Ha aggiunto che i farmaci per la pressione sanguigna, ad esempio, possono causare disidratazione, mentre gli antidepressivi e gli antipsicotici possono danneggiare l’ipotalamo – una ghiandola nel cervello che agisce come un termostato – e interferire con la capacità del corpo di regolare il calore. Per le persone che assumono più farmaci, “la termoregolazione può essere doppia o tripla compromessa”, ha detto Green.

Nashina Poonja, farmacista clinico e docente presso l'Università della British Columbia, ha affermato che è importante capire che gli anziani sono maggiormente a rischio durante le ondate di caldo perché la capacità del corpo di regolare la temperatura diminuisce con l'età. Ha aggiunto che i corpi più anziani tendono a trattenere più calore rispetto ai corpi più giovani, perché non sudano così tanto.

READ  Un astronauta scatta una foto misteriosa del "Red Goblin" in alto sopra la Terra

I loro rischi per la salute sono aggravati da eventuali condizioni croniche che possono avere e dai farmaci che vengono loro prescritti, ha detto Bonga. “Alcuni di questi farmaci possono effettivamente contribuire all'intolleranza del corpo al calore o alla sua capacità di regolare tale temperatura.”

Ha detto che i farmaci che possono causare complicazioni includono quelli per problemi cardiaci come i beta-bloccanti o gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). Le persone a cui vengono prescritti diuretici possono soffrire di diminuzione della sete, disidratazione, squilibrio elettrolitico e svenimento. Ha notato che alcuni antistaminici e farmaci antiepilettici possono influenzare la capacità del corpo di regolare la temperatura, il che può anche essere pericoloso con il caldo.

Ma Bonga ha detto che le persone non possono smettere di assumere farmaci solo perché c’è un’ondata di caldo. Invece, loro o chi si prende cura di loro devono pianificare in anticipo valutando le previsioni del tempo, pianificando come rimanere freschi e idratati e persino impostando timer per ricordare loro di bere acqua. Qualcuno dovrebbe essere lì per controllare gli anziani per assicurarsi che non si surriscaldino.

“Quindi, sai, fare certe domande o semplicemente valutarle molto brevemente per assicurarsi che il caldo non le influenzi in alcun modo”, ha detto.

Oltre a garantire che gli anziani, in particolare quelli che assumono farmaci, rimangano freschi e idratati, Bonga ha sottolineato l'importanza di una conservazione sicura dei farmaci, come indicato da medici e farmacisti, a temperatura ambiente o in un luogo fresco e buio, ma non nel frigorifero. a meno che non sia scritto sull'etichetta. Quando i farmaci vengono conservati in condizioni calde o umide, come in macchina o in bagno, possono perdere la loro efficacia. Bonga ha sottolineato l’importanza di parlare con gli operatori sanitari di qualsiasi preoccupazione relativa all’assunzione di farmaci durante i periodi di caldo estremo.

Sebbene non siano state condotte molte ricerche sui farmaci e sul caldo, Green ha affermato che l’ondata di caldo mortale del 2021 nella Columbia Britannica ha evidenziato il problema. Il servizio del coroner della Columbia Britannica ha attribuito 595 morti al caldo estremo verificatosi tra il 25 giugno e il 1 luglio di quell'anno. La maggior parte dei decessi è stata causata da temperature interne eccessive nelle residenze private.

Quasi tutti coloro che sono morti avevano più di 70 anni, vivevano da soli e soffrivano di malattie croniche, ha detto Green.

Ha notato che le persone affette da schizofrenia hanno un alto tasso di mortalità. Uno studio pubblicato sulla rivista GeoHealth nel marzo dello scorso anno ha confrontato i decessi avvenuti durante la cosiddetta cupola di calore con i decessi avvenuti nello stesso periodo negli anni precedenti e ha rilevato un aumento di tre volte tra le persone affette da schizofrenia.

“Quindi abbiamo imparato molto da questo evento”, ha detto. “Ma penso che stiamo imparando di più sui pericoli di alcuni farmaci se esposti al calore.”

Ha detto che è importante studiare la relazione tra i decessi durante le ondate di caldo, le cupole di calore e i farmaci perché non sappiamo molto sulla portata del problema.

“Dobbiamo adattarci all'aumento delle temperature, perché il cambiamento climatico è qui per restare. I nostri corpi sono costruiti per adattarsi a un certo grado di calore”, ha detto, e ora durante le ondate di caldo estremo le temperature superano questo livello.