Alcuni importanti russi contro la guerra hanno lasciato il lavoro e hanno lasciato il paese

Le dimissioni e il trasferimento di un alto funzionario del governo russo all’estero non sono state la prima partenza volontaria di una persona da un incarico governativo dall’inizio della guerra della Russia con l’Ucraina, ma è stata sicuramente una delle più sorprendenti.

Anatoly Chubais, che è stato l’inviato del presidente Vladimir Putin presso le organizzazioni internazionali per lo sviluppo sostenibile, è molto noto in Russia. Ha ricoperto incarichi di alto rango per quasi tre decenni, a cominciare dal regno di Boris Eltsin, il primo leader del periodo post-sovietico.

Numerosi personaggi pubblici hanno condannato l’invasione dell’Ucraina e lasciato le loro posizioni in imprese e società statali, il che potrebbe indicare divisioni nei ranghi ufficiali russi durante la guerra. Finora, non ci sono indicazioni che le dimissioni abbiano raggiunto la cerchia ristretta di Putin.

Sono arrivate un sacco di partenze come Putin Critica coloro che si oppongono al suo percorso Come “feccia e traditori”, che la società russa sputa “come zanzare”.

Alcune delle persone importanti che hanno voltato le spalle al Cremlino a causa della guerra:

Anatoly Chubais

Mercoledì, il Cremlino ha confermato le notizie dei media secondo cui Chubais, 66 anni, artefice della spinta alla privatizzazione di Eltsin, si era dimesso. Rapporti, citando fonti anonime, affermano che si è dimesso a causa della guerra. Non ha commentato pubblicamente le sue dimissioni.

Sotto Eltsin, Chubais avrebbe raccomandato all’amministrazione la nomina di Putin, una mossa che è stata ampiamente vista come un importante trampolino di lancio nella carriera di Putin. Putin è diventato presidente della Russia nel 2000, quando Eltsin si è dimesso.

READ  Biden riceve la gestione in mezzo alle polemiche negli Stati Uniti
Il presidente russo Vladimir Putin, a sinistra, con Chubais vicino a Mosca nel novembre 2016. (L’Associated Press)

Speis è stato anche Vice Primo Ministro dal 1994 al 1996 e Primo Vice Primo Ministro dal 1997 al 1998.

Il quotidiano economico russo Kommersant ha riferito, mercoledì, che Chubais è stato visto a Istanbul questa settimana e ha mostrato la foto di un uomo che gli somigliava davanti a uno sportello automatico turco. Dall’inizio dell’invasione, Istanbul ha accolto molti russi che cercavano di trasferirsi.

Arkady Dvorkovich

Arkady Dvorkovich è stato Vice Primo Ministro ed è attualmente il Presidente della Federazione Internazionale di Scacchi, o FIDE. Ha criticato la guerra con l’Ucraina nei commenti che ha rilasciato alla rivista Mother Jones il 14 marzo e ha attirato le critiche del partito al governo al Cremlino.

“Le guerre sono le cose peggiori che si possono affrontare nella vita. Qualsiasi guerra. Ovunque. Le guerre non uccidono solo vite inestimabili. Le guerre uccidono le speranze e le aspirazioni e bloccano o distruggono relazioni e connessioni, inclusa questa guerra”, ha detto.

Putin stringe la mano al vice primo ministro Arkady Dvorkovich durante un incontro al Cremlino nell’aprile 2018. (Alexander Zemlianchenko / agenzia di stampa)

Dvorkovich ha aggiunto che la federazione “si assicura che non ci siano attività scacchistiche ufficiali in Russia o Bielorussia e che ai giocatori non sia consentito rappresentare la Russia o la Bielorussia in eventi ufficiali o classificati fino a quando la guerra non sarà finita e i giocatori ucraini non torneranno a giocare a scacchi”.

La FIFA ha bandito per sei mesi un importante giocatore russo per il suo sostegno pubblico a Putin e all’invasione.

Due giorni dopo le dichiarazioni di Dvorkovich, un alto funzionario del partito Russia Unita ha chiesto la sua rimozione dalla carica di capo della Fondazione Skolkovo, sostenuta dallo stato. La scorsa settimana, la fondazione ha riferito che Dvorkovich ha deciso di dimettersi.

Lilia Gildeva

Lilia Geldeeva è una conduttrice di lunga data del canale statale NTV, che da due decenni segue attentamente la linea del Cremlino. Ha lasciato il lavoro e ha lasciato la Russia poco dopo l’invasione.

Questa settimana ha detto al sito di notizie indipendente The Insider di aver deciso di “fermare tutto questo” il primo giorno dell’invasione del 24 febbraio.

“È stato un esaurimento nervoso istantaneo”, ha detto.

“Per diversi giorni non sono riuscito a rimettermi in sesto. Forse la decisione è stata subito ovvia. Non ci sarebbe stato più lavoro”.

Gildeeva ha affermato che la copertura delle notizie sui canali televisivi statali è strettamente controllata dalle autorità, con i canali che ricevono ordini dai funzionari. Ha ammesso di essersi unita a questo dal 2014, quando la Russia ha annesso la Crimea e ha iniziato a sostenere una ribellione separatista in Ucraina.

“Quando gradualmente cedi a te stesso, non ti accorgi della profondità della caduta”, ha detto, “a un certo punto ti ritrovi faccia a faccia con la foto che porterà al 24 febbraio”.

Zhanna Agalakova

Zhanna Agalakova è stata giornalista per un altro canale televisivo statale, Channel One, ha trascorso più di 20 anni lì e ha lavorato come emittente e poi giornalista a Parigi, New York e altri paesi occidentali.

Le notizie sulle dimissioni di Agalakova dal suo lavoro iniziarono ad emergere tre settimane dopo l’invasione. Questa settimana ha tenuto una conferenza stampa a Parigi che ha confermato le notizie e ha spiegato la sua decisione.

Zhanna Agalakova, giornalista di Channel One, controllata dallo stato russo, è stata vista martedì a Parigi. (Francois Morey/Associated Press)

“Abbiamo raggiunto un punto in cui vediamo in televisione e nei notiziari la storia di una sola persona – o di un gruppo di persone intorno a lui. Tutto ciò che vediamo sono quelli al potere. Nelle nostre notizie, La Agalakova ha detto: “Abbiamo il stato. Nelle nostre notizie, non abbiamo la Russia”.

Riferendosi all’annessione della Crimea nel 2014 e al sostegno ai separatisti in Ucraina, ha detto che “non può più nascondersi dalla propaganda”, anche come corrispondente estero. Agalakova ha detto che dovrebbe “parlare solo delle cose brutte che stanno accadendo negli Stati Uniti”.

“I miei rapporti non contenevano bugie”, ha detto, “ma è esattamente così che funziona la propaganda: prendi fatti affidabili, li confondi e una grande bugia si unisce. I fatti sono veri, ma il loro mix è propaganda”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x