Alessandro Del Piero è entrato a far parte di ESPN come analista di calcio

New York – Alessandro Del Piero, che vive a Los Angeles, ha trovato un lavoro adatto per ESPN.

L’ex star di Italia e Juventus ritiratosi dopo la stagione 2014 apparirà sabato su ESPNFC durante la copertura post-partita della partita di Serie A tra Juventus e Lazio.

Giovedì da Roma ha detto: “Ci abbiamo messo un po ‘a parlarci”. “Ora è il momento.”

Del Piero continuerà anche come analista di Sky Sports Italia. Lavorerà per ESPN dall’Italia e successivamente da Los Angeles, dove lavora alla Juventus Academy di Los Angeles. Quando la pandemia di coronavirus perde, verrà trasmessa anche da ESPN Studios a Bristol, nel Connecticut. Le sue apparizioni saranno trasmesse principalmente su ESPN +.

Ha detto: “Ci sono molte storie dietro a ciò che sta accadendo domenica”. “Qual è la forza del club. Cosa succede con la situazione dell’allenamento. Si capisce sempre di più cosa sta succedendo”.

Del Piero ha imparato da alcuni dei massimi allenatori, un gruppo che comprende Marcelo Lippi, Carlo Ancelotti, Fabio Capello, Didier Deschamps, Claudio Ranieri e Antonio Conte.

“Tutti questi ragazzi hanno personalità davvero forti”, ha detto Del Piero. “Non sei in questa posizione se non sei un carattere forte. Non guadagnerai nulla se non hai una grande personalità. Tutti sicuramente cercano di proteggere la squadra da ciò che sta accadendo fuori: dalle altre squadre, dalle cose pericolose. succede fuori dal club. Quando sei un giocatore, non lo sei. “Comprendi alcune delle cose che accadono con gli allenatori”.

De Piero ha iniziato a capire di più la mentalità dell’allenatore da quando lavorava come analista e stava studiando per un brevetto di formazione in Italia, che stima avrà bisogno di un altro anno per competere.

READ  Coppa America: Luna Rossa stava guardando la squadra neozelandese guardarli

Potrebbe un giorno seguire nella dirigenza il suo ex compagno di squadra Andrea Pirlo, ora allenatore della Juventus.

“È qualcosa che in futuro potrebbe essere un’altra buona scelta”, ha detto Del Piero. “Ora, è molto interessante vedere il calcio da una prospettiva non da una prospettiva giornalistica, ma da una prospettiva sportiva, e spiegare cosa sta succedendo dal mio punto di vista alle persone che amano questo sport”.

Ora stima che il lavoro dell’allenatore sia più difficile di quanto pensasse da giocatore.

Ha detto: “È difficile, non perché ne sappia di più”. “È difficile essere un allenatore, ma non così difficile. È un affare molto complicato.

Il 46enne ha segnato 27 gol in 91 presenze con la Nazionale azzurra dal 1995 al 2008 e ha aiutato l’Italia a vincere il titolo mondiale 2006. A livello di club ha giocato per Padova (1991-93), Juventus (1993- 12) e Sydney (2012-) 14) The Delhi Dynamos (2014).

È entrato a far parte dell’ESPN Football Analyst Group che comprende Jürgen Klinsmann, Frank Lebeouf, Casey Keeler e Taylor Twelman. Craig Burley, Steve Cherondolo, Jan Eg Fuertoft, Hercules Gomes, Neil Shaka Hislop, Don Hutchison, Alejandro Moreno, Steve Nicole e Stuart Robson.

Il più delle volte puoi indovinare cosa succederà nel gioco, ha detto Del Piero. “La cosa fantastica è che a volte può succedere esattamente il contrario, e questo è il bello dello sport. Non è sport, ma devi battere l’altra squadra”.

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…

___

Altro da AP Soccer: https://apnews.com/Soccer E il https://twitter.com/AP_Sports

READ  Il presidente NI Paraclov è ottimista in vista delle qualificazioni ai Mondiali in Italia

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x