All Blacks vs Italia: Coach Kieran Crowley mantiene i contatti del rugby italiano in Nuova Zelanda

Kieran Crowley andrà fuori di testa per i suoi giocatori per “eliminare il titolo degli All Blacks” mentre si prepara per un estenuante primo incarico come allenatore di rugby italiano.

Crowley – che ha corso 35 test come difensore All Black tra il 1983 e il 1991 – continuerà l’orgoglioso pedigree kiwi degli Azzurri quando la sua squadra scenderà in campo contro la squadra numero uno del rugby mondiale a Roma sabato (ora della Nuova Zelanda).

Kieran Crowley torna in Italia per allenare la nazionale di rugby.

Simon O’Connor/Roba

Kieran Crowley torna in Italia per allenare la nazionale di rugby.

La Colt Crowley – il cui caseificio a Kabonga si trova a circa 40 chilometri dai fratelli Barrett a Bongarhu – diventerà la terza ex squadra All-Black ad allenare l’Italia dopo Brad Johnston degli anni ’70 (2000-2002) e l’esterno degli anni ’80 John Kirwan (2002-05 ).

“Sono appena arrivato, questa è la nostra prima partita; è una partita molto bella”, ha detto Crowley. The Breakdown Show di Sky Sports questa settimana.

Per saperne di più:
* ‘Hai falciato il prato? – La domanda vitale di John Kirwan all’allenatore di Kiwi italiano Kieran Crowley
* All Black Anton Lienert-Brown Injury Battle: “È stato più difficile di quanto pensassi”
* All Blacks: dove si inserisce Akira Ewan nel lavoro italiano a Roma?
*L’ex All Black Kieran Crowley ha vinto la Rainbow Cup nella sua ultima partita da allenatore della Benetton

“Abbiamo avuto 10 giorni di preparazione e stiamo affrontando la prima squadra al mondo a giocare insieme negli ultimi quattro mesi”.

Crowley ha affermato che lui e il suo staff tecnico stavano “solo sistemando” [the game plan] Al momento”, ma ha sottolineato che ci sara’ una “grande attenzione alla difesa”.

parlare crollo Una delle mie sfide è stata mettere insieme una squadra di sole due squadre professionistiche: Benetton (ex club di Crowley) e Zipper.

“I 15 giocatori di entrambe le squadre sono stranieri, non ci sono italiani che giocano a 15 anni in Italia, è lo stesso in altri ruoli… Quindi i ragazzi italiani non fanno l’esperienza che servono in certe posizioni”.

Crowley ha intenzione di incorporare alla fine alcuni dei giocatori più giovani, anche se farà una prova contro gli All Blacks.

“Spero per la fine [2022] Nazioni ed entrando nel tour estivo avremo sviluppato un metodo con cui possiamo andare avanti in Coppa del Mondo in un paio d’anni.

L'Italia - tirata nel 2021 contro l'Inghilterra - ha vinto solo tre delle ultime 20 prove e non batteva l'avversario del Sei Nazioni dal 2015.

Alistair Grant/AFP

L’Italia – tirata nel 2021 contro l’Inghilterra – ha vinto solo tre delle ultime 20 prove e non batteva l’avversario del Sei Nazioni dal 2015.

L’allenatore veterano che ha allenato il Canada in due Mondiali, Crowley spera di aiutare i suoi giocatori a non essere intimiditi dalla prospettiva di incontrare gli All Blacks.

“Devi togliere il titolo degli All Blacks; è solo la Nuova Zelanda. Solo un altro paese contro un altro paese. Sì, giocano davvero bene…Ma quello che dobbiamo ottenere in questi ragazzi italiani, hai alcuni fiducia in se stessi.

“Trovo che la formazione qui sia davvero incentrata sullo stile di gioco passivo e dobbiamo dare un po’ di fiducia ai ragazzi.

“Certo, stiamo affrontando una sfida infernale questo fine settimana, ma spero che la nostra prestazione sul ring ci darà un po’ di credibilità e rispetto.

“Questo è l’unico modo in cui possiamo andare avanti… perché il nostro record non è eccezionale e dobbiamo cambiarlo”.

Kieran Crowley nel 2007 come capo allenatore di Taranaki.

Mike Scott/Roba

Kieran Crowley nel 2007 come capo allenatore di Taranaki.

Crowley si allena in Italia dal 2016 e sa che “gli italiani sono grandi… per te passeranno attraverso un muro di mattoni”.

Il 60enne ex All Blacks non avrà nessun neozelandese nella sua squadra questo fine settimana, ma 11 hanno indossato la maglia italiana in passato.

I compagni di squadra italiani Kiwi Jayden Hayward (L) e Dean Budd celebrano il tentativo di Budd contro il Canada alla Coppa del mondo di rugby 2019 in Giappone.

Mark Kolb / Getty Images

I compagni di squadra italiani Kiwi Jayden Hayward (L) e Dean Budd celebrano il tentativo di Budd contro il Canada alla Coppa del mondo di rugby 2019 in Giappone.

Aaron Persico – una versione di Wellington da genitori italiani – è stato il primo nel 2000, uscendo dalla panchina contro la Scozia a fare le valigie davanti al compagno di squadra della Bethune Martin Leslie, che si dice lo abbia salutato con: “Cosa faremo prossimo??”

Il Northlander Matt Phillips è finora l’unico neozelandese a segnare un tentativo per l’Italia contro gli All Blacks, touchdown di consolazione nella sconfitta per 70-7 ai Mondiali del 2003.

8 Phillips ha dichiarato: “Hai fatto una differenza così piccola nel tagliare il traguardo contro gli All Blacks”. Nuova Zelanda Herald a Melbourne. “È stato un po’ speciale giocare contro la Nuova Zelanda perché, ovviamente, sono nato lì e conoscevo parecchi dei ragazzi contro cui stavo giocando. Era quasi un po’ diverso anche quando ho cantato l’inno nazionale prima della partita. .”

L’Italia ha raggiunto un “picco kiwi” contro gli All Blacks nella sconfitta per 59-10 a Roma nel 2004, quando i primi cinque quarterback Paul Griffin, Persico, i primi cinque Remy e Hakaroa e l’estremo Ken Robertson si sono opposti ai loro connazionali neozelandesi.

Il primo Black Team neozelandese Rodney Soyalu schiera l'italiano Ken Robertson nella vittoria per 76-14 ai Mondiali 2007 a Marsiglia.

Ross Sitford / NZPA

Il primo Black Team neozelandese Rodney Soyalu schiera l’italiano Ken Robertson nella vittoria per 76-14 ai Mondiali 2007 a Marsiglia.

Robertson e Griffin erano ancora in giro nel 2007 quando l’Italia fu sconfitta 76-14 dagli All Blacks nella partita inaugurale del Mondiale a Marsiglia. “Penso che abbiamo fatto un piccolo errore quando ci è stato detto di non affrontare l’Haka”, ha detto Robertson. cose Al ritorno a casa nel 2015. “Noi ragazzi kiwi abbiamo cercato di chiarire che era qualcosa che non avresti dovuto fare, ma abbiamo votato e abbiamo perso per pochi voti. Non l’abbiamo affrontato e abbiamo ottenuto quello che abbiamo meritato».

Il legame con il kiwi è continuato fino all’ultima visita degli All Blacks a Roma nel 2018, con l’ex difensore del Taranaki Dean Budd, Dean Budd e Jayden Hayward al fianco delle Azzorre con un umiliante 66-3.

L’Italia in Nuova Zelanda nata dai paesi del rugby internazionale

Aaron Persico detiene la palla per l'Italia contro il Canada alla Coppa del mondo di rugby del 2003.

Nick Lahham / Getty Images

Aaron Persico detiene la palla per l’Italia contro il Canada alla Coppa del mondo di rugby del 2003.

AARON PERSICO (56 prove, 2 tentativi, 2000-2006)Un’edizione di Lower Hut, Persico del Silver Stream College di St. Patrick’s è stato il primo kiwi a rappresentare l’Italia, eleggibile per eredità familiare. Ha giocato contro gli All Blacks nella Coppa del Mondo del 2003.

Matthew Phillips dall'Italia affrontato dal francese Aurelien Ruggieri nel 2002.

Phil Cole/Getty Images

Matthew Phillips dall’Italia affrontato dal francese Aurelien Ruggieri nel 2002.

Matt Phillips (14 presenze, 3 tentativi, 2002-2003). L’attaccante perdente Kaitaia ha giocato una partita con la squadra del Northland. È noto soprattutto per essere stato il primo straniero a rappresentare l’Italia con i criteri di residenza nel 2002 e per essere diventato l’unico neozelandese a segnare un Test Experience per l’Italia contro gli All Blacks ai Mondiali del 2003.

Scott Palmer dell'Italia assicura la palla contro Waikato Auckland, Nuova Zelanda - 1 LUGLIO: Scott Palmer dell'Italia assicura la palla mentre Derek Macy di Waikato corre durante la partita di rugby Waikato-Italia giocata allo stadio di Waikato, sabato.  Waikato ha vinto la partita 233. (Foto di Dean Purcell/Getty Images)

Getty Images/Getty Images

Scott Palmer dell’Italia assicura la palla contro Waikato Auckland, Nuova Zelanda – 1 LUGLIO: Scott Palmer dell’Italia assicura la palla mentre Derek Macy di Waikato corre durante la partita di rugby Waikato-Italia giocata allo stadio di Waikato, sabato. Waikato ha vinto la partita 233. (Foto di Dean Purcell/Getty Images)

Scott Palmer (12 prove, 2 tentativi 2002-04). Il giocatore del Palmerston North ha vinto il suo primo titolo con la nazionale italiana sotto John Kirwan nel 2002. Ha anche fatto parte della squadra vincitrice della Coppa del Mondo 2003.

Rima Wakaroa colpisce la rete mentre l'Italia ha battuto il Canada nella Coppa del mondo di rugby del 2003.

Chris Evin / Getty Images

Rima Wakaroa colpisce la rete mentre l’Italia ha battuto il Canada nella Coppa del mondo di rugby del 2003.

RIMA WAKARUA (11 prove, 15 prese, 22 penne, 2003-05). Strappato alla seconda divisione italiana, l’Auckland è stato selezionato per i Mondiali del 2003, dove ha svolto il primo test contro il Tonga. Il quinto classificato ha ottenuto 99 punti – il maggior numero di neozelandesi ha i colori dell’Italia – e ha vinto sei delle sue 11 presenze. Si è allenato in Italia dopo aver appeso le scarpe al chiodo.

L'estremo difensore italiano Kiwi Paul Griffin ha rotto una pausa contro l'Irlanda nel 2009.

Stu Forster/Getty Images

L’estremo difensore italiano Kiwi Paul Griffin ha rotto una pausa contro l’Irlanda nel 2009.

Paul Griffin (42 prove, 1 tentativo, 1 truffa, 1 penna, 2004-09). Il centrocampista che ha rappresentato West Coast e Canterbury prima di arrivarederci dice. Selezionato per la prima volta in Italia nel 2004, è stato sorprendentemente escluso ai Mondiali del 2007, ma è tornato al Sei Nazioni del 2009. Vive ancora a Calvisano, dove ha giocato per 14 anni.

L'Italia Kane Robertson si rompe contro la Nuova Zelanda nell'International Rugby Test AMI Stadium, Christchurch, Nuova Zelanda, sabato 27 giugno 2009. Credito: NZPA / Wayne Dried

WD

L’Italia Kane Robertson si rompe contro la Nuova Zelanda nell’International Rugby Test AMI Stadium, Christchurch, Nuova Zelanda, sabato 27 giugno 2009. Credito: NZPA / Wayne Dried

KAINE ROBERTSON (47 prove, 14 tentativi, 2004-10). Una delle reclute Kiwi di maggior successo in Italia, Robertson è stato il primo compagno di squadra XV delle basi di Oakland per l’ala degli All Blacks Doug Howlett, ma si è trasferito in Italia subito dopo essersi diplomato. Che sia come ala o come terzino, ha vestito per la prima volta la maglia della nazionale italiana nel 2004. Ha segnato un tentativo nella prima vittoria in trasferta dell’Italia nella storia del Sei Nazioni, battendo la Scozia 37-17 nel 2007. È andato al Mondiale Coppa quell’anno, ma gli è costato Infortuni sparati nei Campionati 2011 in Nuova Zelanda. Ha giocato nel Vidana fino al 2014.

Josh Sol ha effettuato 47 test per l'Italia dopo essersi trasferito dalla Nuova Zelanda.

Matthew Lewis/Getty Images

Josh Sol ha effettuato 47 test per l’Italia dopo essersi trasferito dalla Nuova Zelanda.

JOSH SOLE (47 prove, 4 tentativi, 2005-11). Un altro perdente che ha iniziato la sua carriera calcistica nella sua nativa Waikato e l’ha finita con Bay of Plenty in 2016. Nel frattempo, ha giocato con Viadana, Airioni e Zebre. Nato ad Hamilton da genitori italiani, ha esordito in Italia contro l’Argentina nel 2005 e ha fatto parte della rosa dei Mondiali 2007.

Kiwi Kelly Haimona salva Jimmy Roberts nella partita dell'Italia con il Galles nel 2016.

Stu Forster/Getty Images

Kiwi Kelly Haimona salva Jimmy Roberts nella partita dell’Italia con il Galles nel 2016.

KELLY HAIMONA (11 test, 7 rig, 17 penne, 2014-2016). Un produttore della Rotorua Boys High School che ha giocato per la Bay of Plenty, Haimona è stato reclutato dal club di rugby nel 2011 da un club italiano di secondo livello. L’assistente ha segnato 14 punti nel suo primo test con l’Italia un anno dopo, contro le Samoa. Ha finito in Italia con le Zebre nel 2016 – la sua ultima stagione di test. Tornò a casa per giocare per il Bay of Plenty, dove in seguito lavorò come addetto allo sviluppo.

Il capitano dell'Italia Budd sta per segnare contro il Canada nel 2019.

Mark Kolb / Getty Images

Il capitano dell’Italia Budd sta per segnare contro il Canada nel 2019.

DEAN BUDD (29 test, 2 tentativi, 2017-20). Questo potente attaccante del Northland ha giocato per Auckland, Blues e Northland e ha trascorso una stagione in Giappone prima di trasferirsi a Treviso con la Benetton nel 2012. Budd è stato incoronato per la prima volta nel 2017 sei settimane prima del suo 31esimo compleanno, ed è diventato capitano dell’Italia in tre Prove dopo aver capitanato una squadra Benetton. Ha portato l’Italia a una vittoria schiacciante sul Canada nella Coppa del Mondo 2019, segnando un tentativo. Si è ritirato dal test di calcio nel 2020.

L'italiano Jayden Hayward (a sinistra) aiuta ad affrontare un'altra esportazione di rugby da Kiwi, l'irlandese Bundy Akee nella partita del Sei Nazioni 2020.

piscina / Getty Images

L’italiano Jayden Hayward (a sinistra) aiuta ad affrontare un’altra esportazione di rugby da Kiwi, l’irlandese Bundy Akee nella partita del Sei Nazioni 2020.

JAYDEN HAYWARD (27 test, 1 tentativo, 2017-20). I Taranaki, gli Highlanders e gli Hurricanes hanno iniziato il suo ritorno all’OE rugby a Perth con la Western Power prima di oscillare con la Benetton nel 2014. Tre anni dopo è stato trasferito alla squadra di test e si è affermato come terzino durante la Coppa del Mondo 2019, fino al Sei Nazioni 2020. Aiuta Benetton a vincere la PRO14 Rainbow Cup 2021 prima di tornare a vivere a Perth.

L'italiano Jimmy Twifaiti affronta l'inglese Courtney Lawz.  (

Getty Images/Getty Images

L’italiano Jimmy Twifaiti affronta l’inglese Courtney Lawz. (

JIMMY TUIVAITI (6 esami, 2018-2020). Vivendo ancora in Italia con sua moglie, Catherine (ex tiratrice di netball Silver Ferns), Twifaiti è apparso nell’ultima fila di North Harbour prima di unirsi a Calvisano nel 2015. Il 33enne, che gioca ancora per Zepre, ha partecipato a tre partite. Sei prove, l’ultima delle quali è arrivata nella Coppa delle Sei Nazioni 2020 contro la Francia.

READ  Fabian Galthi si prepara a mantenere la fiducia nella squadra francese che ha schiacciato l'Italia prima di affrontare l'Irlanda

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x