Alla regista Alice Rohrwacher è stato assegnato “Happy as Lazzaro” nella prima serie TV

La regista italiana Alice Rohrwacher, i cui “Wonder of the World” e “Happy Like Lazaro” hanno vinto i Cannes Awards, dirigerà la sua prima serie televisiva, modellata sui suoi film mitici, che esploreranno il mondo dei racconti popolari italiani.

La serie diretta da Alice Rohrwacher, le cui riprese inizieranno il prossimo anno, si intitola “Ci Sarà una Volta”, che si traduce in “c’è tempo”. Casting e altri dettagli sono ancora da definire.

Rohrwacher torna quest’anno a Cannes come co-regista con Pietro Marcello e Francesco Monzi dal documento “Futura”, un ritratto di come gli adolescenti italiani guardano al futuro che il mondo mostra per la prima volta in Filmmakers’ Weeks Monday.

Prodotto da Wildside di proprietà di Fremantle, “There Will Be a Time” è il pannello dietro l’adattamento di Elena Ferrante di “My Brilliant Friend” – che Rohrwacher ha diretto due episodi della seconda stagione – insieme al normale produttore Carlo Cristo. Film Tempesta.

La serie è basata su un progetto di Alice Rohrwacher scritto dal regista insieme a Marco Pettenello che quest’anno ha vinto il David di Donatello, il premio per il miglior film italiano, per aver co-scritto il dramma “Cittadini del mondo” di Gianni Di Gregorio.

L’Italia ha una lunga tradizione di narrazione orale Ereditato sotto forma di antologia di racconti popolari, i più famosi dei quali sono quelli pubblicati da Il famoso scrittore Italo Calvino che viaggiò per il paese e raccolse questi racconti a metà degli anni ’50.

“La fiaba rimanda a un tempo immaginario: se oggi è naturale collocare queste storie nell’antico passato ‘medievale’, forse alla fine degli anni Cinquanta, il rifugio della finzione non era il passato, ma il futuro; ha detto il regista in una dichiarazione.

READ  ArtWalk alla Liberty Station festeggia 16 anni con un evento gratuito - NBC 7 San Diego

Ha aggiunto: “Quindi ogni volta che i nostri narratori colpiscono una scatola e appendono la loro bacheca, non inizieranno con ‘C’era una volta’, ma con le parole ‘Ci sarà tempo'”.

“Da diversi anni raccolgo impressioni sul mondo dei cantastorie che hanno abitato le strade, le piazze e le feste d’Italia fino alla seconda metà del Novecento”, ha continuato Rohrwacher.

Riprese cinematografiche, fotografie, storyboard, volantini con testi, carte della fortuna: da tutti questi materiali è nata la voglia di creare un’antologia dei loro viaggi e del loro racconto, esplorando da un lato il vasto mondo della fiaba italiana, dall’altro per rivivere la vita in Le strade d’Italia alla fine degli anni ’50.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x