Almeno tre poliziotti uccisi in Pakistan durante scontri con gli islamisti | Pakistan

Il ministro degli interni pachistano ha detto che almeno tre agenti di polizia pakistani sono stati uccisi e altri 70 feriti quando i sostenitori di un partito islamista vietato hanno aperto il fuoco su una manifestazione vicino a Lahore mercoledì.

Il bandito partito Tehreek-e-Labbaik Pakistan era dietro le grandi proteste anti-francesi che all’inizio di quest’anno hanno portato l’ambasciata a lanciare un avvertimento a tutti i cittadini francesi di lasciare il paese.

Il gruppo protesta per l’arresto del suo leader, Saad Razavi, arrestato ad aprile dopo la messa al bando del partito, e chiede l’espulsione dell’ambasciatore francese.

“Hanno aperto il fuoco sulla polizia con fucili Kalashnikov… Tre poliziotti sono stati martirizzati”, ha detto il ministro dell’Interno Sheikh Rashid Ahmed in una conferenza stampa, aggiungendo che otto dei feriti erano in condizioni critiche.

Il capo della polizia del Punjab, Rao Sardar Ali Khan, ha dichiarato in una conferenza stampa separata che quattro agenti sono stati uccisi mercoledì.

Il TLP a sua volta ha accusato la polizia di aver sparato sulla folla e ha detto che quattro dei suoi sostenitori sono stati uccisi.

La polizia nello stato del Punjab, di cui Lahore è la capitale, ha negato l’uso di armi da fuoco o proiettili di gomma e non ha commentato le accuse secondo cui i manifestanti sono stati uccisi.

“Non abbiamo usato tali armi contro di loro”, ha detto un portavoce della polizia.

L’ultima manifestazione è iniziata venerdì a Lahore, la roccaforte del gruppo, mentre migliaia di persone hanno marciato a nord verso la capitale, Islamabad.

Gli scontri tra le due parti a Lahore venerdì hanno provocato la morte di due agenti di polizia, mentre sabato il TLP ha riportato la morte di cinque dei suoi sostenitori.

READ  Trump rifiuta l'offerta dei democratici di testimoniare sotto giuramento in un processo di impeachment

Mercoledì, il ministro dell’Informazione Fouad Chaudhry ha dichiarato che il primo ministro, Imran Khan, ei servizi di sicurezza hanno accettato di trattare il Partito di liberazione del popolo come un gruppo armato.

La polizia ha chiuso le strade principali e gli incroci con Islamabad, che dista circa 180 miglia dall’attuale luogo della protesta.

Il governo aveva annunciato all’inizio di questa settimana una svolta nei colloqui con TLP, ma la manifestazione è ripresa mercoledì.

Un portavoce del TLP ha dichiarato: “Abbiamo fatto tutto il possibile per rendere i colloqui un successo, ma il governo non è serio nell’adempiere ai suoi impegni”. “L’espulsione dell’ambasciatore francese è la nostra principale richiesta”.

Rizvi è stato arrestato ad aprile quando il governo pakistano ha vietato la festa in risposta alle violente proteste anti-francesi.

Il partito TLP ha condotto una campagna anti-francese da quando il presidente francese Emmanuel Macron ha difeso il diritto di una rivista satirica di ripubblicare le caricature del profeta Maometto, un atto che molti musulmani considerano blasfemo.

Sei agenti di polizia sono stati uccisi nelle proteste a Islamabad e nella vicina città di Rawalpindi.

Poche questioni in Pakistan si agitano come la blasfemia, e anche il minimo accenno di insulto all’Islam potrebbe infiammare le proteste, incitare a esecuzioni extragiudiziali e unire la maggior parte dei partiti politici in guerra del paese.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x