Amanda Knox afferma che “Stillwater” sta traendo profitto dalla sua vita

Knox e il suo ex fidanzato Raffaele Solicito Adenta sono stati successivamente assolti in un tribunale italiano per l’omicidio nel 2007 della sua coinquilina Meredith Kircher a Perugia, in Italia, dove Knox era uno studente.

Tom McCarthy, regista di “Stillwater”, ha affermato che l’affare Knox ha ispirato la storia.

A proposito del film Knox ha twittato giovedì: “Il mio nome è mio? La mia faccia? E la mia vita? La mia storia? Perché il mio nome si riferisce a eventi in cui non ho avuto parte? Torno a queste domande perché altri continuano a vincere. Dal mio nome, la mia faccia e la mia storia senza il mio consenso. Recentemente, un film #STILLWATER”

La Knox ha detto che “non le piacerebbe altro che che le persone si riferissero agli eventi di Perugia come all'”omicidio di Meredith Kercher da parte di Rudy Guedy”, rendendomi la figura marginale che avrei dovuto essere, la mia innocente coinquilina”.

Knox ha anche invitato McCarthy e Damon a unirsi a lei nel podcast “Labyrinths” per discutere degli eventi del film.

“Immaginando la mia innocenza, la mia completa mancanza di partecipazione, cancellando il ruolo delle autorità nella mia condanna errata, McCarthy rafforza la mia immagine di persona colpevole e inaffidabile”, ha detto Knox di una svolta che si è conclusa nel film.

“Non mi è stato permesso di tornare al mio relativo anonimato prima di Perugia”, ha detto Knox. “La mia unica opzione è restare a guardare mentre gli altri continuano a denigrarmi, o lottare per ripristinare la mia buona reputazione ingiustamente distrutta”.

Knox, il cui caso ha fatto scalpore sui media in Italia, ha trascorso 4 anni in una prigione italiana prima di essere completamente assolto.

READ  Brown è stato sorpreso dal recupero di Odell Beckham Jr

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x