Ancient Mars Lake: la NASA afferma che il cratere era pieno d’acqua

TORONTO — La perseveranza della NASA ha dato i suoi frutti — la prima analisi scientifica delle immagini scattate dal rover ha mostrato che uno dei famosi crateri di Marte era un lago alimentato da piccoli fiumi, che potrebbero aver subito drammatiche inondazioni.

Sebbene il cratere Jezero, che è diventato secco ed eroso dal vento, sia stato ipotizzato essere un lago, questa nuova analisi, pubblicata giovedì su Science, getta più luce sulla forma del cratere. I suoi giorni umidi.

Le immagini della perseveranza sono state scattate dall’interno del cratere, concentrandosi su una porzione del cratere sul lato occidentale, una formazione a forma di ventaglio e un prominente affioramento roccioso chiamato Kodiak. Le immagini satellitari hanno mostrato che quest’area è simile ai delta dei fiumi visti sulla Terra e una prospettiva di perseveranza ravvicinata ha confermato questa teoria.

Gli strati di sedimenti e le posizioni delle rocce mostrano come l’acqua sarebbe defluita nel lago e depositato nuovo materiale.

“Mai prima d’ora una stratigrafia così ben conservata è apparsa su Marte”, ha detto Nicholas Mangold, uno scienziato perseverante del Laboratoire de Planétologie et Géodynamique a Nantes, in Francia, e autore principale dell’articolo. Comunicato stampa della Nasa.

“Questa è l’osservazione principale che ci consente di confermare definitivamente l’esistenza di un delta lacustre e fluviale a Jezero. Avere una migliore comprensione dell’idrologia mesi prima di raggiungere il delta pagherà grandi dividendi in futuro”.

Perseverance è atterrato per la prima volta al cratere Jezero a febbraio, ma si è preso qualche mese di pausa mentre la NASA controllava due volte gli strumenti del rover. All’epoca, il rover ha scattato foto dei dintorni, comprese foto a lunga distanza del transatlantico Kodiak.

READ  Cosa puoi vedere nel cielo notturno questa settimana

Una volta scaricate queste immagini a terra, i ricercatori sono stati in grado di esaminarle e sono stati in grado di vedere distinte strisce di sedimenti nell’area che pensavano potessero essere solo il risultato dell’acqua che scorre nel lago.

Ma non è l’unica cosa che le foto hanno rivelato.

“Se guardi queste immagini, stai praticamente fissando questo epico paesaggio desertico. È il posto più miserabile che potresti mai visitare”, Benjamin Weiss, professore di scienze planetarie presso il Dipartimento di Scienze della Terra, dell’atmosfera e dei pianeti del MIT e un membro del team di analisi, ha detto in un comunicato stampa per il Massachusetts Institute of Technology.

“Non c’è una goccia d’acqua da nessuna parte, tuttavia, qui abbiamo le prove di un passato completamente diverso. È successo qualcosa di molto profondo nella storia del pianeta”.

La presenza di enormi massi nello strato superiore dell’antico delta del fiume indica che non c’erano solo fiumi dolci che alimentavano questo lago, ma anche inondazioni in passato.

I ricercatori hanno ipotizzato che a un certo punto potrebbe esserci stata un’inondazione improvvisa che ha raggiunto i nove metri e ha spostato fino a 3.000 metri cubi di acqua al secondo.

“Sono necessarie condizioni di piena attive per resistere a rocce così grandi e pesanti”, afferma Weiss. “È qualcosa di speciale che potrebbe indicare un cambiamento fondamentale nell’idrologia locale o forse nel clima regionale su Marte”.

Prima che il lago diventasse un cratere, aveva elevazioni completamente diverse nel corso della sua vita, con le dimensioni del lago che fluttuavano nel corso della sua vita. I ricercatori hanno ipotizzato che la maggior parte di questi grandi cambiamenti di dimensioni si siano verificati più tardi nella sua vita.

READ  La più grande cometa mai osservata si avvicinerà alla Terra nel 2031

Queste immagini sono solo l’inizio. Ora che Perseverance è nel cratere e ha confermato che si trattava di un lago, il rover raccoglierà campioni di sedimenti per analisi successive sulla Terra, campioni che potrebbero portare segni di vita antica da questo lago morto da tempo.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x