Apple: l’Italia colpisce Apple e Google con multa antitrust

Venerdì l’autorità di vigilanza antitrust italiana ha imposto multe di 20 milioni di euro (22,5 milioni di dollari) ad Apple e Google, la seconda volta che il regolatore ha imposto sanzioni ai giganti della tecnologia statunitensi questa settimana.

I paesi europei hanno represso le pratiche commerciali di Big Tech negli ultimi anni, mentre l’Unione Europea sta portando avanti la legislazione per inasprire la regolamentazione.

L’autorità italiana garante della concorrenza ha dichiarato di aver multato Apple e Google di 10 milioni di euro ciascuno per aver violato la legge sui consumatori, inclusa la mancata fornitura di informazioni sufficienti ai clienti e l’utilizzo di “tattiche aggressive” nell’utilizzo dei loro dati per scopi commerciali.

“Né Apple né Google hanno fornito informazioni chiare e immediate sull’acquisizione e l’utilizzo dei dati degli utenti per scopi commerciali”, si legge nel comunicato.

Google ha dichiarato in una nota che farà ricorso contro la multa e che le sue pratiche sono “trasparenti” per offrire ai clienti servizi utili, secondo le agenzie di stampa italiane.

Apple ha affermato di essere da tempo impegnata a proteggere la privacy dei suoi utenti, aggiungendo che l’opinione del regolatore era sbagliata e che avrebbe fatto ricorso anche contro di essa.

Il regolatore ha inflitto una multa di 200 milioni di euro ad Apple e al gigante dell’e-commerce Amazon all’inizio di questa settimana per aver limitato l’accesso ad alcuni venditori di prodotti Apple su Amazon.

Nel frattempo, gli Stati membri dell’Unione Europea giovedì hanno concordato la loro posizione comune su due normative fondamentali che potrebbero istituire una supervisione senza precedenti delle grandi aziende tecnologiche.

READ  La Sicilia ha appena battuto il record europeo per la temperatura più calda di sempre

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x