Arrestato in Francia il sospettato saudita per l’omicidio di Khashoggi – Notizie dal mondo

Un sospettato dell’omicidio del 2018 del giornalista saudita Jamal Khashoggi è stato arrestato in Francia, secondo un funzionario giudiziario francese.

Il funzionario ha detto che il sospettato è trattenuto sulla base di un mandato di arresto turco. Ha chiesto che il suo nome non sia utilizzato in conformità con le pratiche consuete del sistema giudiziario francese.

La stazione radio francese RTL ha riferito che il cittadino saudita, Khaled Ayed Al-Otaibi, è stato arrestato all’aeroporto di Roissy vicino a Parigi mentre cercava di imbarcarsi su un aereo diretto a Riyadh.

Al-Otaibi era uno degli oltre una dozzina di funzionari sauditi sanzionati dal Tesoro degli Stati Uniti nel 2018 per l’omicidio e lo smembramento di Khashoggi nel 2018 presso il consolato saudita a Istanbul.

Come affermato nel rapporto declassificato dell’intelligence statunitense, in cui si affermava che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman “approvava” l’operazione che ha ucciso Khashoggi. Il rapporto utilizzava una scrittura inglese alternativa del suo cognome.

L’ambasciata saudita a Parigi ha affermato che l’uomo arrestato “non ha nulla a che fare con il caso in questione” e ha affermato che l’ambasciata si aspettava il suo rilascio immediato. Ha notato che l’Arabia Saudita aveva già condotto un processo per l’omicidio, sebbene fosse a porte chiuse, e gruppi per i diritti umani e altri hanno criticato le sentenze per non aver detenuto o condannato nessuno responsabile dell’organizzazione, dell’ordine o della supervisione dell’operazione che ha ucciso Khashoggi. .

READ  Il diluvio salva il villaggio ucraino dall'occupazione russa

Le autorità francesi hanno verificato martedì sera l’identità del sospettato.

Il direttore di Reporters sans frontières Christophe Deloire ha accolto con favore la notizia.

A volte i governi chiudono gli occhi di fronte a persone perseguitate dalla giustizia in un altro Paese. Noto con soddisfazione che c’è stato un arresto e questa volta la polizia non ha chiuso gli occhi”, ha detto all’Associated Press.

“Al-Otaibi è qualcuno che seguiamo da molto tempo”, ha detto Deloire. Reporters sans frontières ha esercitato pressioni su diversi governi per chiedere giustizia per l’omicidio di Khashoggi e ha intentato una causa in Germania per crimini contro l’umanità sul caso.

Nessun commento immediato dalla Turchia sull’arresto.

I media francesi hanno riferito che mercoledì il pubblico ministero informerà il sospettato del mandato di arresto. Può accettare o rifiutare il suo trasferimento in Turchia. Se rifiuta, un giudice deciderà se rimanere in custodia in attesa di una revisione del caso e di un possibile processo di estradizione, che potrebbe richiedere mesi.

L’arresto arriva mentre il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman continua il suo primo tour nel Golfo dall’uccisione di Soleimani. Martedì è volato dall’Oman agli Emirati Arabi Uniti.

Il principe ha incontrato sabato in Arabia Saudita il presidente francese Emmanuel Macron. Macron ha affermato di aver tenuto colloqui privati ​​su questioni relative ai diritti umani.

Khadija Cengiz, la fidanzata di Jamal Khashoggi, ha dichiarato in una dichiarazione che l’arresto del sospettato, se confermato, è “un primo passo molto importante per ottenere giustizia per Jamal… la giustizia deve poter fare il suo corso… e, soprattutto”, coloro che hanno eseguito non devono essere utilizzati.Il piano è quello di proteggere coloro che sono molto al di sopra di coloro che hanno ordinato l’uccisione di Jamal al-Wahshi, incluso lo stesso principe ereditario. Dovrebbero anche essere arrestati e perseguiti”.

READ  Il vicino fa il dito medio alla mamma di Virginia durante l'intervista a Fox News sulla teoria critica della razza

ha affermato Abdullah Al-Odah, direttore degli affari del Golfo presso DAWN, un’organizzazione con sede negli Stati Uniti. Khashoggi prima del suo omicidio per sostenere la democrazia e lo stato di diritto nel mondo arabo. Il padre di Al-Awda, noto studioso islamico Salman al-Awda, è tra quelli detenuti nel regno dal 2017 sotto il principe ereditario. È stato arrestato poco dopo un tweet che all’epoca non sosteneva il divieto saudita sul vicino Qatar, una faida che da allora è finita.

L’arresto arriva mentre il principe ereditario lavora per allontanarsi dallo stigma della sua reputazione a livello internazionale e per attirare grandi nomi verso investitori e celebrità occidentali. Attivisti per i diritti umani hanno esortato celebrità e star dello sport a boicottare gli eventi in Arabia Saudita, sostenendo che servono a distrarre dalla repressione del paese sui critici e che tali eventi si verificano solo con l’approvazione del principe ereditario. Solo questa settimana, il regno ha ospitato la sua prima gara di Formula 1, con la pop star Justin Bieber che ha dato spettacolo nonostante la fidanzata di Khashoggi lo supplicasse di non prendere parte alla protesta. Nel frattempo, star come Hilary Swank e Catherine Deneuve sono state fotografate sul tappeto rosso lunedì all’apertura del Red Sea International Film Festival a Jeddah.

L’anno scorso, la Turchia ha iniziato il processo a 26 cittadini sauditi in contumacia nel caso dell’omicidio di Khashoggi dopo che l’Arabia Saudita ha rifiutato di estradarli e dopo che i funzionari turchi si sono rifiutati di processare alcuni sospetti che hanno avuto luogo a porte chiuse a Riyadh.

Ma all’ultima udienza di novembre, il tribunale di Istanbul ha chiesto al ministero della Giustizia di contattare le autorità dell’Arabia Saudita per determinare se fossero state condannate lì per evitare di essere processate per lo stesso crimine.

READ  Terremoto in Indonesia, allerta tsunami

L’arresto a Parigi arriva mentre la Turchia cerca di migliorare le sue tese relazioni con il regno e altri paesi arabi in un momento in cui la sua economia vacilla.

Khashoggi è stato ucciso il 2 ottobre 2018, dopo essere entrato nel consolato per ottenere documenti che gli permettessero di sposare la sua fidanzata turca che lo aspettava fuori. Funzionari turchi affermano che Khashoggi, che ha scritto critiche al principe ereditario saudita per il Washington Post, è stato ucciso da una squadra di agenti sauditi e poi smembrato con una sega per ossa.

Il governo saudita ha ammesso l’omicidio sotto un’intensa pressione internazionale.

I procedimenti giudiziari sauditi, aperti alla selezione di diplomatici occidentali a cui partecipare, non erano aperti ai media indipendenti per il monitoraggio.

La famiglia di Khashoggi ha poi annunciato di aver perdonato la sua uccisione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x