Atlantida Mallorca Film Festival in Giordania, Hubert, Loznitsa

Il 12° Atlantida Mallorca Film Festival (AMFF) in Spagna vacilla in mezzo a una scaletta di luminari guidati da Neil Jordan, Isabelle Hubert e l’ucraino Sergei Loznitsa che sarà premiato come maestro dei festeggiamenti.

Jordan partecipa all’inaugurazione del festival per ricevere il suo premio e presenta anche il suo film premio Oscar “The Crying Game”, che segna il suo 30° anno dal suo famoso debutto. Altri momenti salienti del festival includevano Gaspar Noé (“Vortex”), Annie Erno (“The Super 8 Years”) e Alain Guiraudie (“Nessuno è un eroe”) che hanno presentato i propri film.

Lanciato nel 2010 dalla principale società di proiezione cinematografica spagnola Filmin, il festival si apre il 24 luglio con “Ramona”, il primo film del madrileno Andrea Bagni, girato principalmente in bianco e nero in 16mm. Il festival si concluderà il 31 luglio con il documentario “El Falsificador”, vincitore del Premio Goya, sull’artista catalano Oswald Aulestia Bach, considerato uno dei più grandi falsari d’arte della storia. In tutto, AMFF ha programmato 70 film e 12 concerti, oltre a seminari ed eventi di settore.

“El Falsificador” è preceduto da un concerto di pianoforte della cantautrice spagnola Amaya per il festival, facendo della sua missione quella di fondere musica, letteratura e film.

“Non diamo concerti solo per lei”, ha detto Jaume Ripoll, direttore del festival e co-fondatore di Filmin. “Programmando un film prima o dopo un concerto, diamo alle persone la possibilità di vedere un film che altrimenti non vedrebbero”, ha detto, citando l’edizione dello scorso anno quando hanno mostrato a Mogul Mowgli, che ha co-scritto e interpretato Riz Ahmed, su un artista rap britannico-pakistano. . Ricorda: “Abbiamo programmato uno dei rapper più famosi del paese, e il pubblico di circa 1.000 persone che sono venute a vedere l’artista ha anche guardato il film che altrimenti non avrebbero visto, ed è rimasto sbalordito”, aggiungendo: ” Quando il film è stato proiettato per la prima volta su Filmin, è stato uno dei nostri più grandi successi quest’anno”.

READ  Ricette di dolci di Roma dalla patria di East Greenwich

Introducendo la componente letteraria, Ripoll ha detto: “Non vogliamo che i registi parlino dei loro film, ma portiamo esperti per discutere i temi del film”.

Presentando il documento di Loznitsa “The Natural History of Destruction”, vogliamo aprire una discussione tra esperti sull’invasione russa dell’Ucraina, ad esempio, ha affermato. “Questo potrebbe quindi portare a un maggiore interesse per Luznitsa e il suo corpo di lavoro”, ha osservato. Il festival mette in luce anche la scrittrice Patricia Highsmith nel documentario “Loving Highsmith” di Eva Vitija, che è completato da una tavola rotonda guidata dal regista spagnolo premio Oscar Fernando Tropa.

Atlantida Mallorca è un pioniere in molti modi. L’evento è iniziato come un evento online, il secondo del suo genere al mondo, solo dopo MyFrenchFilmFestival, afferma Ripoll. Ha introdotto un formato ibrido sette anni fa, prima che la pandemia costringesse molti festival a seguire lo stesso percorso. Il festival continua come un mix: una settimana all’isola delle Baleari di Maiorca dal 24 al 31 luglio, seguita da un mese al Filmin dal 24 luglio al 24 agosto. “Volevamo organizzare il festival in luoghi unici, non solo nei cinema, ma in luoghi emblematici di Maiorca come un’antica prigione, musei di storia e arte contemporanea, un monastero medievale e un castello. Aggiunge un carattere unico all’esperienza visiva, ” ha detto Ripoll.

Quest’anno, AMFF presenta una divisione competitiva formale con un gruppo unico di giurati composto da professionisti e studenti di cinema. La selezione di 13 titoli in lizza per un premio in denaro di $ 10.000 riflette il tema principale del festival dei dilemmi e delle lotte che devono affrontare le nuove generazioni. È guidato dal vibrante thriller psicologico del finlandese Aino Soni “Heartbeast”. “Jusqu’ici, tout va”, prima apparizione dell’attore catalano Francesc Cuellar; Il film d’animazione “Soul of a Beast” di Locarno e il commovente romanzo d’animazione “My Father’s Secrets” di Vera Belmont.

READ  San Pedro ospita 'LA Italy Run' per celebrare le radici italiane e la Festa Nazionale dell'Italia

Il festival include anche una barra laterale LGBTIQ+ guidata da gemme come il fumetto romantico di Eric Roemer ispirato a “La Amiga de mi Amiga” di Zaida Carmona; Documentario Eva Garrido “Fail Better”; “Miguel’s War” del regista libanese Eliane Raheb, vincitore del Best Teddy Film alla Berlinale, racconta la storia di un libanese esiliato in Spagna, Miguel Gelati, sfuggito alla persecuzione gay nel suo nativo Libano. e “Mi Vacio y Yo” di Adrien Silvestre, vincitore del Premio Speciale della Giuria del Festival di Málaga per il viaggio transgender del suo soggetto, Raphaëlle.

La sezione premiere di Atlàntida sottolinea la forza del festival in generale, raccogliendo alcune opere prime e nuovi film degli ultimi 12 mesi, alcuni degni di nota e altri sotto il radar: Albert Serra protagonista a Cannes “The Calm”, la cui proiezione è uno dei gli eventi del festival, come dice Ripoll; She Will, l’aggiunta trionfale di Charlotte Colbert al regolamento edilizio del Regno Unito per eccezionali ritrattiste; “Runner”, un film del regista lituano Andrius Blaževiius e un secondo lungometraggio, è “un dramma dinamico ma profondamente sentito”, secondo varie riconsiderare; e Jean Jasman “99 Moons”, apparso quest’anno nella sezione ACID a Cannes.

Poiché l’epidemia si diffonde un po’, AMFF prevede un fatturato record. L’anno scorso ha attirato un pubblico di 12.000 persone mentre la sua copia online ha registrato 750.000, una cifra storica per un evento culturale speciale.

John Hopewell ha contribuito a questo articolo.

concorso ufficiale

“Heartbeast”, Aino Sonny (Francia, Finlandia, Germania)

“Gioia”, Darren J. Salam (Giordania)

“Ritmi magnetici” di Vincent Mile Cardona (Francia)

“Codice del silenzio”, Francesco Costabelli (Italia)

READ  Måneskin premiere del nuovo video cinematografico di SUPERMODEL

“Rinoceronte”, Oleg Sentsov (Ucraina)

“La collina dove ruggiscono le leonesse”, Luna Bagramy (Francia)

“Bruno Reidal, Confession d’un Meurtrier”, Vincent Le Port (Francia)

“Altre persone”, Alexandra Trebinska (Polonia)

“Jusqu’ici, tout va”, Francisco Cuellar (Spagna)

“Softie”, Samuel Theis (Francia)

“Soul of a Beast”, Lorenz Merz (Svizzera)

“The Runner”, Andrios Blasivicius (Lituania)

“I segreti di mio padre”, Vera Belmont (Francia)

Prima di Atlantide

sul posto

“Non lasciare tracce”, Jean B. Matusinski, (Polonia)

“Il risultato”, Malachi Smith (Regno Unito)

“Come in paradiso”, T. Lindborg (Danimarca)

“Will”, Charlotte Colbert (Regno Unito)

“Pacificazione”, Albert Serra (Spagna, Francia, Svizzera)

“Vortex”, Gaspard Noé (Francia)

“Fiore di Kung Fu” Mabrouk El Meshri (Francia)

“Nessuno è un eroe”, Alain Giroudy (Francia)

“Immigrati”, Eric Pope (Svezia)

Prima di Atlantide

Collegato

Dopo le azzurre, Bertrand Mandeaux (Francia)

“Animali” Nabil Ben Yader (Belgio)

“Atlantide”, Yuri Ancarani, (Italia)

“Il segreto del poliziotto”, Hans Auer Halldorsson (Islanda)

“Erwig”, Lucille Hadzihalilovich (Francia, Regno Unito)

“Ritratto di ragazza” di Ali Habasalu (Finlandia)

“Fiore di Kung Fu” Mabrouk El Meshri (Francia)

“Rain La Madre” Omar Ayuso (Spagna)

“Will”, Charlotte Colbert (Regno Unito)

“Il risultato”, Malachi Smith (Regno Unito)

“99 Lune,” Jan Gassmann (Svizzera)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x