Audrey Dewan parla dell'”aborto che sta accadendo”

wL’interno del Leone d’Oro 2021 alla Mostra del Cinema di Venezia, la scrittrice e regista Audrey Dewan, irremovibile e piena di suspense Accade o accade Segue la giovane protagonista, Anne (Annamaria Vartolome), una studentessa universitaria della classe media indifesa che cerca disperatamente un aborto illegale per continuare i suoi studi in Francia negli anni ’60.

È probabile che il lavoro immersivo faccia paragoni con altri film di alto profilo su donne che cercano aborti in condizioni restrittive, come 4 mesi, 3 settimane e 2 giorni E Mai Raramente A volte Sempre. Ma la presenza di questi film relativamente recenti con temi simili non sminuisce l’urgenza o il dinamismo dell’ingresso di Diwan Al-Masali nella cinematografia incentrata sui diritti riproduttivi. Accade o accade Si apre venerdì negli Stati Uniti, pochi giorni dopo che una bozza di parere trapelata ha rivelato che la Corte Suprema stava valutando la possibilità di ribaltare la sentenza rivoluzionaria sul diritto all’aborto. Raw contro Wade.

Adattamento del romanzo autobiografico della scrittrice francese Annie Ernault. Accade o accade Non è solo uno sguardo realistico e tempestivo alle conseguenze di rendere illegale l’aborto, è anche una storia sulla libertà sessuale. Di seguito, Dewan parla con TIME della sua esperienza nel realizzare un film d’epoca con temi attuali, il suo processo artistico e il tipo di conversazione che spera di suscitare. Accade o accade.

Come hai conosciuto per la prima volta il lavoro della scrittrice Annie Erno e questo romanzo?

Io stesso ho abortito e volevo leggerlo. Un amico mi ha consigliato di leggere Accade o accade. Quando ho letto il libro, sono rimasto colpito dalla mia mancanza di conoscenza. La principale differenza tra aborto medico e aborto illegale è che l’aborto illegale è tutto casuale. Questa persona ti indirizzerà alla polizia o ti aiuterà? Finirai in prigione, in ospedale? È più di un semplice brivido. È di vitale importanza.

READ  La giornata di apertura del Museo dell'Accademia includerà "Il mago di Oz"

Continuavo a pensare al modo di fare della bambina [in the book] Parla del suo desiderio e piacere sessuale. Lo capisco. Parla anche di desiderio intellettuale. Volevo fare un film sulla libertà. Implica anche l’aborto illegale. Non ero tipo “Farò una dichiarazione politica”. Ciò che è politico nel mio lavoro è questo rapporto con la libertà.

Ci sono ancora alcuni giudizi culturali sulla libertà e il desiderio e una tendenza nella narrazione a limitare il desiderio femminile per i sentimenti d’amore. Accade o accade radicale in questo senso.

Penso che il desiderio sia bello. Non volevo che il film parlasse solo di dolore. C’è luce. C’è un desiderio. Tutte queste ragazze stanno cercando di proteggere [their right to feel desire] Per essere liberi un giorno [of] Questa è una vergogna sociale. Se sei sessualmente libero, la società non lo accetterà. E il modo in cui la società punisce questa libertà lo è [banning] cattiva amministrazione. Quindi non sei libero di fare quello che vuoi con il tuo corpo.

Anche se questo è un pezzo di un periodo, gli argomenti non sono del passato. In tutto il mondo e negli Stati Uniti, le donne devono ancora affrontare leggi severe e restrittive che limitano l’accesso all’aborto.

Volevo evitare [being a] pezzo d’epoca. Perché quello che resta [the same] Silenzio oggi. è fantastica. Queste storie sono destinate a rimanere in silenzio. C’è una vergogna sociale. Ragazzi e uomini sono stati educati a pensare, questa non è la nostra storia. Le donne sono educate a pensare, quindi non se ne dovrebbe parlare.

READ  Notizie, funzioni e anteprime di eventi di arte e intrattenimento del New Jersey.

Quindi ovviamente volevo creare una storia che potesse essere vista come una storia nel presente, perché da qualche parte nel mondo è sempre vera. Quando ho iniziato a scriverlo, non avrei mai immaginato che sarebbe stato accurato negli Stati Uniti.

Cosa significa per te personalmente essere negli Stati Uniti con questo film, considerando l’inasprimento delle leggi sull’aborto?

lo spero [everyone] Potresti trovare un modo per rompere il silenzio, per parlare davvero dell’argomento e dell’argomento. Nessuno mi ha mai detto cosa sia un aborto illegale [really looks like]. In altri paesi, come l’Italia e anche in Francia, alcune persone contrarie all’aborto sono venute a vedere il mio film e dopo abbiamo potuto discutere. Questo è importante.

Leggi di più: Accade o accade Un avvertimento cupo ma tempestivo dalla Francia negli anni ’60

Il tuo film è intensamente coinvolgente; Preferisci i processi lunghi e non interrompi spesso il lavoro. La scena centrale dell’aborto, per esempio, è tutta una cosa. Questa sembrava essere una sfida particolarmente tecnica.

Non voglio che le idee vengano elencate troppo presto. Se chiedi ad Anamaria di mostrare che sta soffrendo, tutti lo capiranno molto rapidamente. Ma questa è la mia opinione. Quindi, se la mia sequenza è troppo lunga, inizi a sentire quello che provi e diventa provocatorio.

Hai anche un approccio molto realistico, specialmente quando mostri la nudità. Non romanticizzi il suo corpo, ma ci mostri invece la sua vulnerabilità.

Stavamo cercando di essere lei, non di guardarla. È questa bambina che sta scoprendo parzialmente il suo corpo nello stesso momento in cui ha bisogno di fargli del male.

READ  La mostra "No Time to Die" apre dietro le quinte a Sydney

In che modo Annamaria Vartolomei ha contribuito a prepararsi per questa parte, a farcela in questo spazio mentale?

Abbiamo passato molto tempo prima delle riprese a parlare di significato. Abbiamo anche lavorato sul silenzio e sul monologo interiore. Quando tace, ha un pensiero ossessivo sul viso [yearning] Esprimere.

Sono incuriosito dal tuo approccio agli uomini di questa storia: i professori, i dottori, gli interessi romantici. Li vedi come un prodotto del loro tempo piuttosto che denigrarli palesemente.

Non giudico i miei personaggi. Sono cresciuti senza saperlo. Non ci sono molti eroi nella nostra società che possono effettivamente accettare l’idea che se vengono catturati, finiranno in prigione. Non è facile giudicare. Dobbiamo pensarci. Saremo eroi? [in that situation]?

per più il tempoCopertura culturale, iscriviti alla nostra newsletter di intrattenimento, Maggiori informazioni sulla storiaCliccando qui.

Altre storie da leggere da TIME


chiamaci a letter@time.com.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x