Banca Ifis salva la vittima italiana nel crollo di Greensill

ROMA (Reuters) – L’italiana Banca Ifis ha acquistato i beni sanitari di Aigis Banca per 1 euro (1,22 dollari) dopo che Aigis è stata costretta alla liquidazione a causa del fallimento della banca tedesca Greensel.

Il regolatore tedesco dei servizi finanziari BaFin a marzo ha chiuso Greensill Bank AG, che faceva parte di Greensill Capital, un gruppo finanziario della catena di approvvigionamento con sede a Londra in collasso di proprietà del finanziere australiano Lex Greensill.

“L’intervento di Banca Ifis proteggerà il risparmio della clientela retail, assicurerà continuità di finanziamento alle imprese e tutelerà i posti di lavoro”, ha affermato Frederic Gertmann, amministratore delegato di Ivis.

La società milanese Aigis è stata fondata lo scorso dicembre come prestatore dedicato alle piccole e medie imprese (PMI) con 50 dipendenti e tre filiali sparse nella capitale finanziaria italiana, Roma e nella città meridionale di Bari.

Su richiesta della banca centrale italiana, domenica il Tesoro ha disposto la liquidazione di Aigis, trasferendo parte delle sue attività all’Ifi, specializzata anche nell’erogazione di prestiti alle piccole e medie imprese, oltre che nella gestione delle sofferenze.

Aigis è la prima vittima italiana della morte di Greensel, che ha colpito anche i clienti del Credit Suisse svizzero, della GFG Alliance del magnate dell’acciaio Sanjeev Gupta e di una ventina di città tedesche.

Tra i beni acquisiti da Ifis di Venezia, di proprietà della famiglia italiana von Furstenberg, ci sono 300 milioni di euro di prestiti alle piccole e medie imprese assistiti da una garanzia del governo e 440 milioni di euro di depositi della clientela retail.

Il Fondo italiano di protezione dei depositi FITD è coinvolto nel salvataggio e fornirà 49 milioni di euro Ifis ha affermato che contribuirà a garantire che non vi sia alcun impatto reale dall’acquisizione del capitale di base, dei profitti e della qualità degli asset.

READ  L'ufficio del sindaco è pronto per l'acquisizione a Roma e altri tour italiani

L’accordo aumenta le attività di Ifis del 5%, aggiungendo 100 milioni di euro in attività ponderate per il rischio.

Ifis ha detto che i titoli relativi a Greensill Bank AG, le attività fiscali e le emissioni di prestiti subordinati da parte di Aigis di Milano non fanno parte dell’acquisizione.

($ 1 = € 0,8211)

(Segnalazione di Valentina Za e Julia Segreti). A cura di Jean Harvey e Mark Potter

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x