Bastianini batte Bagnaia per la caduta di Quartararo – ThePrint – ANIFeed

Aragona [Spain], 19 settembre (ANI): Enea Bastianini del Gresini Racing Moto GP ha battuto Francesco Bagnaia della Ducati Lenovo con la vittoria di soli 0,042 secondi nel Gran Premio Animoca Brands de Aragon, ma questo è stato solo uno degli argomenti di discussione in un fantastico Moto GP. Marc Marquez del Team Honda ha fatto la sua rimonta competitiva al MotorLand Aragon e l’otto volte campione del mondo ha inavvertitamente licenziato quello che potrebbe rivelarsi un momento decisivo della stagione quando la Yamaha Moto GP di Fabio Quartararo è caduta duramente al primo giro.

L’attuale leader del Campionato del Mondo è sopravvissuto a un grave infortunio ma si è allontanato da Aragon senza gol. Nella sua piccola consolazione, Bagnaia non è riuscito a trarne pieno vantaggio a causa delle gesta del suo futuro compagno di squadra. I due italiani si sono scambiati giri accesi prima che Bastianini facesse la sua mossa al 23° e ultimo giro e andasse a segnare la sua quarta vittoria nel 2022. Bagnaia è a quasi 10 punti da Quartaro in testa alla classifica, ma avrebbero potuto essere solo cinque . Cinque gare al termine. Tuttavia, la Ducati ha segnato altri 25 punti nel campionato costruttori – e ha già vinto quel titolo per un altro anno.

Bagnaia è entrato alla curva 1 dopo aver sognato la pole position ma è stato un incubo per molti dei piloti dietro di lui. Dal 13° posto in griglia, Marquez era già 6° quando è uscito dalla curva 3 e ha chiuso il gas, lasciando Quartararo senza un posto dove andare. Il francese ha urtato la parte posteriore della RC213V ed è stata scaricata dalla sua YZR-M1 in modo disgustoso.

READ  Ole Gunnar Solskjaer criticato per aver ucciso Jadon Sancho e Donny van de Beek al Man United

I fan indiani possono assistere a tutta l’azione della Moto GP 2022 – Motul Grand Prix of Japan Qualification Race che si svolgerà su Eurosport dalle 21:00 IST in poi sabato 24 settembre 2022.

Nel bel mezzo di tutto questo, Brad Bender della Red Bull KTM Factory Racing è balzato dal 10° in griglia al 5° all’inizio, poi in qualche modo è riuscito a superare altre tre moto per ottenere uno straordinario secondo a metà del primo giro, davanti a Jack Miller. Team Ducati Lenovo, Bastianini e Aleix Espargaro dell’Aprilia Racing. Poi Miller ha battuto il Sud Africa al terzo giro alla curva 1 e Bastianini ha ricambiato al giro successivo, riportando KTM al quarto posto.

Brutte notizie per uno dei piloti Ducati, quindi, ma il futuro giunto ufficiale del marchio bolognese stava per ingaggiare una lotta per il primo posto, proprio come due settimane fa a Misano. Bastianini ha fatto la mossa alla curva 1 al 9° giro e sembrava che il pilota Gresini potesse essere in grado di tirare fuori, visto il vantaggio di velocità che sembrava avere su Pecco. Invece, ha superato se stesso mezzo giro dopo alla curva 12 ed è andato troppo in profondità, riportando il comando a Bagnaia e fermando a malapena Binder attraverso il complesso della fermata dell’autobus.

Tuttavia, da lì, Bagnaia e Bastianini hanno liberato i loro margini sulla Bender fino a un secondo intero al 12° giro, due secondi al 18° giro e tre secondi dopo un solo giro. I proiettili del Bologna giravano a giri veloci attorno ad Aragon e non c’era ancora certezza su chi avrebbe vinto. Bastianini ha esaminato due volte il round 16 ma ha pensato meglio: ci sarà un ultimo attacco?

READ  Ricordando il pilota di F1 Roland Ratzenberger che ha tragicamente condiviso un weekend nero a Imola con Ayrton Senna

Ci sarà sicuramente! Bastianini ha fatto una mossa sorprendente sulla sua controparte di lavoro nell’ultimo giro nella stretta curva 7 a destra e ce l’ha fatta. Bagnaia ha dato la caccia e quando ha fatto un giro migliore dall’ultima curva era ancora in bilico. Fortunatamente per il pilota Gresini, il traguardo era abbastanza vicino alla curva 17 da poter mantenere un margine di soli 0,042 secondi e ribaltare la situazione rispetto a quanto rivelato 14 giorni fa al GP di San Marino. Nelle ultime due gare, il distacco totale tra queste due gare alla bandiera a scacchi è stato di appena 0,076 secondi.

Quanto all’altro podio, è andato a Espargaro. Lui e Miller sarebbero arrivati ​​a succedere a Bender per gran parte della competizione prima che il “Capitano” di Aprilia tirasse il passaggio di blocco all’inizio del penultimo giro, che era cruciale. Espargaro ha concluso sei secondi dietro i primi due, ma Bender era a soli 0,240 secondi dalla bandiera a scacchi e Miller era solo 0,585 secondi al quinto posto.

L’immagine del torneo ha tremato di nuovo! Bagnaia è in corsa per un rally ma un altro pilota da dentro il campo Ducati sarà di nuovo una spina nel fianco? Non perderti il ​​Round 16, il Gran Premio del Motul giapponese, al Mobility Resort Motegi dal 23 al 25 settembre. (Ani)

Questo rapporto viene generato automaticamente dal servizio di notizie ANI. ThePrint non si assume alcuna responsabilità per il suo contenuto.

fbq('init', '1985006141711121');

fbq('track', 'PageView');

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x