Biden avverte che gli attacchi informatici agli Stati Uniti potrebbero portare a una “vera guerra sparatoria”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito martedì che un grave attacco informatico agli Stati Uniti potrebbe portare a una “vera guerra” con una grande potenza, commenti che evidenziano ciò che Washington vede come le crescenti minacce poste da Russia e Cina.

La sicurezza informatica è salita in cima all’agenda dell’amministrazione Biden dopo una serie di attacchi di alto profilo a entità come la società di gestione della rete SolarWinds, Colonial Pipeline, la società di lavorazione della carne JBS e la società di software Kaseya che hanno danneggiato gli Stati Uniti ben oltre semplici compagnie di hacker. Alcuni degli attacchi hanno colpito le forniture di carburante e cibo in alcune parti degli Stati Uniti.

“Penso che abbiamo maggiori probabilità di finire, se finiamo in una guerra – una vera guerra sparatoria con una superpotenza – che sarà il risultato di una violazione informatica con conseguenze significative e che aumenterà in modo esponenziale”, ha detto Biden durante un discorso di mezz’ora durante la visita all’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale. Capacità”.

La storia continua sotto l’annuncio

Durante il vertice del 16 giugno a Ginevra tra Biden e il presidente russo Vladimir Putin, Biden ha condiviso un elenco di infrastrutture critiche che gli Stati Uniti considerano off-limits per gli attori dello stato-nazione.

Da allora, ha affermato la Casa Bianca, i membri senior del team di sicurezza nazionale dell’amministrazione Biden sono stati in costante contatto con i membri senior del Cremlino sugli attacchi informatici agli Stati Uniti.

Biden ha anche evidenziato le minacce poste dalla Cina, riferendosi al presidente Xi Jinping come “serio e mortale per diventare la potenza militare più potente del mondo, nonché l’economia più grande e più importante del mondo entro la metà degli anni ’40 e gli anni ’40”.

READ  Pelosi annuncia i piani per una "Commissione 9/11" per indagare sull'attacco al Campidoglio

Durante il suo discorso, Biden ha anche ringraziato i membri delle agenzie di intelligence statunitensi, ha sottolineato la sua fiducia nel lavoro che stavano svolgendo e ha affermato che non avrebbe esercitato pressioni politiche su di loro. L’Ufficio del Direttore della National Intelligence sovrintende 17 organizzazioni di intelligence statunitensi.

I commenti di Biden hanno offerto un chiaro allontanamento dalle dichiarazioni fatte dal suo predecessore Donald Trump, che aveva un rapporto controverso con le agenzie di intelligence su questioni come la sua valutazione che la Russia fosse intervenuta per aiutare Trump a vincere le elezioni del 2016 e il suo ruolo nel rivelare che Trump aveva fatto pressione sull’Ucraina . Indagine Biden.

Trump ha attraversato quattro direttori permanenti o ad interim dell’intelligence nazionale durante i suoi quattro anni in carica.

Le nostre newsletter sugli aggiornamenti mattutini e serali sono state scritte dagli editori di Globe, fornendo un riassunto conciso dei principali titoli della giornata. Registrati oggi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x