Biden: Gli Stati Uniti non revoceranno le sanzioni contro l’Iran fino al rispetto dell’accordo sul nucleare Joe Biden News

Gli Stati Uniti e l’Iran rimangono bloccati su quale paese farà il primo passo per tornare all’accordo del 2015.

Il presidente Joe Biden ha affermato che gli Stati Uniti non revoceranno le sanzioni contro l’Iran fino a quando il paese non tornerà ai suoi impegni nell’ambito dell’accordo nucleare del 2015, l’ultima impasse nel confronto in corso tra i due paesi.

A Biden è stato chiesto durante un’intervista con CBS News se Washington avrebbe revocato le sanzioni per riportare Teheran nell’accordo, che ha visto il governo iraniano accettare di ridurre il suo programma nucleare in cambio di un sollievo dalle sanzioni.

Biden ha risposto “No”, secondo un estratto dall’intervista pubblicata online domenica.

Durante la sua campagna presidenziale, Biden ha affermato di sperare di tornare all’accordo sul nucleare iraniano e di conformare Teheran, che ha sempre più violato le restrizioni sull’arricchimento dell’uranio e le scorte.

Ma da quando è entrato in carica, la sua amministrazione ha assunto una posizione più aggressiva, affermando che i negoziatori statunitensi non si impegneranno con le loro controparti iraniane fino a quando Teheran non tornerà alla piena conformità.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato unilateralmente dall’accordo nel 2018 come parte di una strategia di “massima pressione” contro l’Iran.

Domenica scorsa, il leader supremo dell’Iran Ayatollah Ali Khamenei ha affermato che Washington deve prima tornare ai suoi obblighi ai sensi dell’accordo, noto formalmente come Piano d’azione globale congiunto (JCPOA), prima che Teheran faccia lo stesso.

Se vogliono che l’Iran torni ai suoi impegni JCPOA, gli Stati Uniti dovrebbero revocare completamente le sanzioni. E non solo verbalmente sulla carta. “Dovrebbero rimuovere le sanzioni sul lavoro e le verificheremo”, ha detto Khamenei nei suoi primi commenti sulla situazione da quando Biden è entrato in carica.

READ  La famiglia di Malcolm X ha emesso una lettera in cui affermava che l'FBI ha svolto il ruolo della polizia nella sua morte

Ha anche affermato che i firmatari europei che cercano di salvare l’accordo – Germania, Francia e Regno Unito – non hanno il diritto di stabilire condizioni.

La scorsa settimana, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha suggerito che un funzionario dell’UE coordini un ritorno “simultaneo” all’accordo.

Zarif ha anche esortato gli Stati Uniti ad agire rapidamente, rilevando che la legislazione approvata dal parlamento iraniano costringe il governo a inasprire la sua posizione il 21 febbraio, e le elezioni presidenziali di giugno potrebbero complicare il ritorno alla diplomazia.

Più tardi, domenica, un alto funzionario dell’amministrazione Biden ha detto all’agenzia di stampa Reuters: “Nulla è cambiato nella posizione degli Stati Uniti”.

Gli Stati Uniti vogliono il ritorno dell’Iran [compliance with] Il funzionario ha detto che i suoi impegni sono nel JCPOA e se lo farà, gli Stati Uniti faranno lo stesso.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x