Blinken afferma che il “libro di gioco” della Russia per l’invasione dell’Ucraina sta andando avanti, ma la guerra può ancora essere evitata

“Come l’abbiamo descritto, sembra che qualunque cosa abbia portato all’effettiva invasione stia accadendo”, ha detto Blinken domenica allo “State of the Union” della CNN.

Sabato il ministero della Difesa ucraino ha segnalato più di 100 violazioni del cessate il fuoco nell’Ucraina orientale e ha affermato che i bombardamenti sono continuati fino a domenica, mentre le forze russe sono rimaste in Bielorussia per continuare le esercitazioni militari che avrebbero dovuto terminare.

Blinken ha detto a Dana Bash della CNN di essere preoccupato che l’estensione delle esercitazioni fosse un altro segno che la Russia stava aprendo la strada a un’invasione, dopo le operazioni “false flag” di questa settimana e la mobilitazione di oltre 150.000 soldati russi lungo il confine ucraino.

“Ora stanno giustificando la continuazione degli ‘esercizi’ che hanno detto finiranno ora, la continuazione di quegli esercizi non citati sulla situazione nell’Ucraina orientale a tempo indeterminato – una situazione che hanno creato continuando ad aumentare le tensioni”, ha detto Blinkin.

Tuttavia, Blinken ha affermato che gli Stati Uniti continueranno a cercare di trovare un’ultima via diplomatica. Egli ha detto Presidente Joe Biden È pronto a parlare con il presidente russo Vladimir Putin “in qualsiasi momento e in qualsiasi modo” se aiuta a prevenire la guerra, dicendo che l’amministrazione Biden continuerà a fare tutto il possibile per cercare di persuadere Mosca a non invadere l’Ucraina.

“Pensiamo che il presidente Putin abbia preso la decisione, ma fino a quando i carri armati non sono davvero arrivati, gli aerei sono volati, coglieremo ogni opportunità e ogni minuto per vedere se la diplomazia può ancora dissuadere il presidente Putin dall’andare avanti”. Egli ha detto.

Presidente ucraino Volodymyr Zelensky Sabato era in Germania, dove ha incontrato il vicepresidente Kamala Harris alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Zelensky ha detto che stava esortando gli Stati Uniti e l’Europa a non aspettare le sanzioni contro la Russia, sostenendo che non avrebbero aiutato l’Ucraina se fossero state invocate solo dopo l’inizio dell’invasione.

Blinken ha detto domenica che gli Stati Uniti non volevano rivelare le sanzioni in anticipo perché ciò avrebbe “consentito alla Russia di provare a complottare contro di loro”.

READ  Serbia e Kosovo criticano le relazioni diplomatiche tra Israele e Kosovo | Israel News

“Le sanzioni mirano principalmente a cercare di dissuadere la Russia dall’andare in guerra”, ha affermato. “Una volta che li hai licenziati, quel deterrente è sparito e fino all’ultimo minuto, finché possiamo provare ad avere un effetto deterrente su questo, cercheremo di farlo”.

Se Putin fosse andato avanti con l’invasione, ha detto Blinken, gli Stati Uniti e la NATO erano chiari che avrebbero “affrontato lui e la Russia molto duramente”.

Alla domanda se Putin potesse barare, Blinken ha detto: “C’è sempre una possibilità, ma ogni indicazione che abbiamo visto, ogni mossa che ha fatto ha seguito lo spettacolo che abbiamo deciso di far vedere al mondo davanti agli Stati Uniti. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, è seguendo lo scenario quasi letteralmente.”

“Tutto ciò che stiamo vedendo indica che questo è molto pericoloso, che siamo sull’orlo di un’invasione”, ha aggiunto.

Domenica, il segretario stampa del Pentagono John Kirby ha detto che Putin aveva ancora delle opzioni sul tavolo se avesse scelto di uscire diplomaticamente dalle tensioni.

“Abbiamo avanzato proposte serie e parlato di cambiare, ad esempio, la portata e la portata di alcune delle nostre esercitazioni in Europa, la volontà di parlare di capacità missilistiche offensive in Europa. Abbiamo sicuramente avanzato altre proposte per cercare di impressionare il signor Putin. Siamo seri”, ha detto Kirby a Fox.

Ha anche chiarito che la questione dell’adesione dell’Ucraina alla NATO, tuttavia, è “la questione dell’Ucraina e della NATO”.

“Questo non è qualcosa a cui Putin può semplicemente porre il veto o decidere da solo”, ha detto.

Blinken ha detto a Margaret Brennan della CBS che gli Stati Uniti non avrebbero riconosciuto la cessione della Crimea o di qualsiasi altro territorio nell’Ucraina orientale alla Russia come un modo per evitare la guerra.

READ  Donald Trump afferma che sua figlia Ivanka è stata "tirata"

“No”, ha detto il ministro quando gli è stato chiesto su Face the Nation se gli Stati Uniti avrebbero usato questa tattica come mezzo diplomatico per evitare una guerra più ampia.

Nel frattempo, il presidente della Finlandia, Sauli Niinistö, che condivide un confine con la Russia, ha affermato domenica in un’intervista separata che Putin “ha agito in un modo difficile da aspettarsi”.

“È molto difficile identificare e definire l’altra persona nella realtà, nel profondo. Ma finora posso dire che si è comportato in un modo molto difficile da prevedere ma potrebbe anche essere intenzionale, cioè agire in questo modo, perché questo porta confusione nell’oceano”, ha detto Niinisto. .

I Blinken incontreranno alla fine di questa settimana il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in Europa, in quello che potrebbe essere un altro round di colloqui diplomatici di una settimana mentre le truppe russe continuano ad accumularsi al confine ucraino. Ma Blinken ha detto che l’incontro sarebbe stato annullato in caso di invasione.

“Dipende tutto da cosa farà la Russia nei prossimi giorni”, ha detto. “Se non invadi, io ci sarò.”

Chandelles Duster, Jasmine Wright, Sarah Fortinsky e Manvina Suri della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x