Borsa Italiana, commento alla seduta odierna (29 dicembre 2020)

L’indice headline di Milano oscilla a parità. In piazza Avari gli occhi si sono concentrati su Atlantia, che ha identificato come insufficiente la visione della Federazione Cdp di Aspi dell’88%

I principali indici europei rimangono in territorio piuttosto positivo, ma senza grandi differenze. Piazza Affari invece viaggia alla pari, un’altra giornata di scambi meticolosi e qualche evento societario. All’ordine del giorno, in mattinata, è stato posto I BOT sono semestrali Il controvalore di 6,5 miliardi di euro. L’asta ha confermato i ribassi negativi e storici dell’ultima asta.

Quindi alle 12.35 FTSEMib è salito dello 0,03% a 22.295 punti All Share è salito dello 0,07% a 24.277 punti. Sulla stessa linea si trovano Mid Cap (+ 0,48%) e Star (+ 0,38%).

Nell’arena degli affari, gli occhi indicati Atlantia (+ 2,12%). Il consiglio di amministrazione della holding ha definito “inadeguata” l’offerta di Cassa depositi e prestiti e dei fondi Blackstone e Macquarie per l’acquisto dell’88% di Autostrade in Italia. Secondo i rapporti del Sole24Ore, il consorzio avrebbe valutato asset per meno di 8 miliardi di euro. Atlantia è ancora in attesa di una proposta vincolante, che dovrebbe arrivare entro il 31 gennaio.

Anche loro hanno continuato positivamente Ferrari (+ 1,58%) e Campari (+ 1,18%). Invece, ne ha approfittato Pirelli (-1,44%).

Tra i banchieri i loro occhi MBBS (+ 0,48%). L’istituto comunica di aver ricevuto la decisione finale dalla Banca Centrale Europea in merito ai requisiti patrimoniali da soddisfare a partire dal 1 gennaio 2021. Di 25 punti base rispetto al 2020 Grazie alla recente attività ridicola: la banca deve quindi rispettare i requisiti patrimoniali complessivi SREP (SREP-TSCR requisiti patrimoniali totali10,75%. Requisiti minimi in termini di Coefficiente CET1 È pari all’8,74% mentre il rapporto relativo al coefficiente di capitale totale è del 13,44%.

READ  Francia e Germania prevedono di spendere miliardi per riprendersi dalla pandemia

Occhi anche Crival (-0,21%). Come indicato dalla Consob nella comunicazione sui big stock, DWS Investment è salita al 5,754% del patrimonio della banca il 16 dicembre, per poi scendere al 4,587% il 21 dicembre.

Anche dalla newsletter della Consob Intesa San Paulo (-0,42%) al 18 dicembre C. B. Morgan Chase Ha ridotto la quota totale detenuta nel capitale della banca, passando dal 6,58% del 22 giugno al 4,385%. In dettaglio, l’1,127% è relativo ai diritti di voto attribuiti alle azioni, il 3,02% è relativo ad altre posizioni lunghe con regolamento fisico e monetario e il restante 0,238% è relativo a potenziale acquisizione.


Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x