Brawl a Londra mentre migliaia di persone si uniscono alle marce “kill the bill” in tutta la Gran Bretagna

LONDRA – Migliaia di manifestanti si sono uniti sabato a manifestazioni in tutta la Gran Bretagna contro una proposta di legge che conferisce alla polizia poteri aggiuntivi per frenare le proteste, con alcuni scontri scoppiati dopo una manifestazione a Londra.

Il disegno di legge su polizia, crimini, sentenze e tribunali mira a rafforzare le misure che gli agenti possono adottare per disperdere le manifestazioni, come l’imposizione di restrizioni sul tempo e sul rumore, che attivisti e attivisti temono verranno utilizzate per frenare il dissenso.

I raduni intitolati “Kill the Bill” si sono svolti in dozzine di paesi e città, con il sostegno di grandi gruppi di campagna come gli attivisti per il cambiamento climatico “Extinction Rebellion” e il movimento “Black Lives Matter”.

Quasi tutti sono morti pacificamente, ma nel centro di Londra si sono verificati piccoli scontri tra manifestanti e polizia a seguito di una manifestazione alla quale hanno partecipato diverse migliaia di persone.

La Metropolitan Police ha dichiarato su Twitter: “L’operazione di polizia nel centro di Londra è ora passata alla fase di implementazione e sono in corso gli arresti”. La forza ha dispiegato un gran numero di ufficiali nella capitale per porre fine alla protesta.

Il nuovo disegno di legge arriva sulla scia delle azioni di Extinction Rebellion che hanno paralizzato parti di Londra all’inizio del 2019 e ha suscitato richieste da parte di alcuni politici di dare alla polizia poteri più severi per prevenire interruzioni eccessive.

Da quando la proposta di legge è stata presentata al Parlamento il mese scorso, ci sono state manifestazioni sporadiche in tutto il paese e le marce del sabato facevano parte di quello che gli organizzatori hanno definito un fine settimana nazionale.

READ  I talebani cercano di isolare le popolazioni afghane: generale americano senior | Notizie di conflitto

“(Sono qui) per difendere i diritti della libertà di parola, i diritti delle organizzazioni della nostra società”, ha detto Jeremy Corbyn, l’ex leader del partito laburista di opposizione, che era tra coloro che hanno partecipato alla protesta di Londra.

“Queste manifestazioni, 50 delle quali oggi, faranno la differenza”, ha detto a Reuters davanti al Parlamento.

La maggior parte delle proteste finora si è concentrata nella città di Bristol, nel sud-ovest dell’Inghilterra, dove alcune manifestazioni si sono trasformate in atti violenti come gli ufficiali hanno lanciato razzi e appiccato il fuoco alle auto della polizia, che il primo ministro Boris Johnson ha descritto come “attacchi vergognosi”.

Sabato sera una grande folla si è riunita di nuovo a Bristol, anche se la marcia è stata pacifica.

Alcuni alti ufficiali hanno detto che il cartello “kill the bill” era intenzionalmente provocatorio perché “Bill” è un soprannome per la polizia in Gran Bretagna.

(Preparato da Jay Faulconbridge. Scritto da Michael Holden. A cura di Francis Kerry e David Holmes)

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x