Calcio: Esclusiva: i club di Serie A vietano la vendita delle proprie azioni mediatiche – Harf

Un documento di martedì ha mostrato che sette squadre di calcio italiane di Serie A non vedono più la vendita di una partecipazione nel business dei media del campionato a un consorzio di private equity come un’opzione praticabile, bloccando effettivamente l’accordo da $ 2 miliardi.

La Serie A ha concordato in ottobre di entrare in trattative esclusive con un consorzio composto da CVC Capital Partners, Advent International e FSI italiana, che ha offerto 1,7 miliardi di euro ($ 2 miliardi) per una partecipazione del 10% in un’unità di nuova creazione della Serie A Media Business Dipartimento.

L’accordo richiede l’approvazione di almeno 14 dei primi 20 club del campionato in avanti, quindi sarebbe sufficiente respingere sette delle squadre, compresa la Juventus campione, per fermarlo.

Sotto pressione per far fronte al forte calo delle entrate causato dagli stadi vuoti durante la pandemia, i club di Serie A hanno cercato l’accordo come un modo per raccogliere nuovi soldi.

Ma alcuni club hanno espresso riserve e la decisione finale sull’accordo, prevista all’inizio di questo mese, deve essere posticipata.

Sette club, tra cui SS Lazio e Inter Milan, hanno scritto nel “foglio delle condizioni presentato ai club appartenenti al campionato non hanno raggiunto il consenso di qualificazione richiesta per l’approvazione … Mentre le cose continuano, questa opportunità di sviluppo non è più applicabile”. Una lettera indirizzata al presidente dell’Associazione, Paolo Dal Pino, e visionata da Reuters.

I club hanno affermato che una risposta migliore del previsto alla gara per assegnare i diritti televisivi nazionali al campionato di prima divisione nei colloqui con i potenziali acquirenti aveva avanzato argomenti contro la vendita della quota.

READ  Il debutto di Campbell in un nuovo club professionistico

Hanno detto che le conversazioni con le emittenti hanno sottolineato il grande fascino del calcio italiano e si sono rivelate un “successo commerciale” poiché i ricavi previsti sarebbero diminuiti meno del previsto.

Nella lettera, i sette club hanno chiesto un voto in una riunione di mercoledì in merito alla vendita dei diritti di trasmissione televisiva nazionale della Serie A italiana per la stagione 2021-2024.

Fonti affermano che il servizio di trasmissione sportiva DAZN è in testa alla gara a dispetto del principale giocatore di pay-TV del paese SKY, con un’offerta di 850 milioni di euro a stagione.

La Lega italiana potrebbe raccogliere poco più di 900 milioni di euro combinando uno spettacolo DAZN con un’offerta di SKY per vedere alcune partite sulla sua piattaforma di trasmissione, secondo le fonti.

I club hanno anche affermato nella lettera che non escludono colloqui con “istituzioni finanziarie” per aumentare il valore delle attività dell’associazione sui mercati internazionali, indicando che possono prendere in considerazione un accordo come quello discusso con società di private equity nel corso della lega. diritti dei media stranieri.

(Preparato da Elvira Polina; Montaggio di Keith Weir)

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x