Campari aumenterà i prezzi delle bevande nel 2022 per compensare l’aumento dei costi

L’amministratore delegato dell’italiana Campari (CPRI.MI) ha affermato che la società sta pianificando aumenti più grandi del solito dei prezzi delle bevande il prossimo anno per compensare i maggiori costi per la logistica e le materie prime tra cui vetro, alcol e zucchero.

Martedì, il produttore di rinfreschi Aperol e Campari ha registrato un aumento annuo del 12,8% delle vendite comparabili nel periodo luglio-settembre, poiché i consumatori sono tornati a bevande, cibo da asporto e stuzzichini.

L’utile operativo rettificato, o EBIT, è stato di 137 milioni di euro (159,4 milioni di dollari), in crescita del 16% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, escludendo cambi, acquisizioni e dismissioni.

L’aperitivo più venduto del gruppo, ingrediente principale del cocktail Aperol Spritz, ha registrato un aumento delle vendite del 15,5% nel terzo trimestre.

Tuttavia, il gruppo ha notato i rischi derivanti dall’aumento dei costi e ha avvertito gli investitori di potenziali colli di bottiglia che rallentano le spedizioni di alcolici negli Stati Uniti e in Asia.

“Di solito aumentiamo i prezzi ogni anno… Nel 2022 prevediamo di ottenere aumenti più forti del solito, dati i costi più elevati su tutte le materie prime”, ha dichiarato il CEO di Campari Bob Koons Konsewitz in un’intervista telefonica con Reuters dopo i risultati del terzo trimestre .

Le azioni del gruppo con sede a Milano sono diventate negative dopo i risultati e sono scese di oltre il 4% alle 1450 GMT poiché gli investitori hanno incassato il titolo dopo aver toccato brevemente il massimo storico di € 13,10.

Kons-Konzwitz ha affermato che Campari aumenterà i prezzi in tutti i suoi principali mercati, compresi gli Stati Uniti, aggiungendo che le bevande speciali come Aperol e Campari potrebbero registrare aumenti maggiori rispetto a bevande più competitive, come la vodka.

READ  Il clima estremo in Italia è una nuova normalità - esperto

“Abbiamo aumentato i prezzi della tequila due volte in 18 mesi e dovremo farlo di nuovo nel 2022”, ha affermato.

Durante una teleconferenza sui risultati, i massimi dirigenti di Campari hanno affermato che il gruppo prevede che i costi di materiali, produzione e logistica aumenteranno del 5% a volumi costanti.

Altre aziende in tutto il mondo hanno avvertito investitori e consumatori dell’aumento dei costi e della carenza di lavoratori e materie prime. L1N2RH0LQ

Campari ha affermato di essere stata anche impegnata a ridurre l’impatto dei colli di bottiglia dovuti a problemi di spedizione e alla carenza di autisti di camion.

“Negli Stati Uniti abbiamo assistito a un boom dei consumi, ma abbiamo avuto problemi con le consegne nei porti e a terra… Stiamo facendo tutto il possibile per ridurre le tensioni della catena di approvvigionamento”, ha affermato Konze-Kunsewitz.

L’amministratore delegato di Campari ha affermato che il gruppo adotterà anche misure per essere più efficiente e adeguare il mix di prodotti venduti per proteggere la propria redditività.

“Prevediamo che lo slancio positivo del marchio e il mix di vendite positivo continueranno nel quarto trimestre, contribuendo in parte a compensare le intense pressioni sui costi di input, in particolare i costi logistici, gli investimenti accelerati nella costruzione del marchio e la graduale ristrutturazione dei costi”, ha affermato in una nota. .

(1 dollaro = 0,8593 euro)

Segnalazione di Francesca Landini; Montaggio di Keith Weir ed Emilia Sithole Mataris

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x