Canadese rapito ad Haiti con 16 americani: missionari

Il canadese era tra i 17 missionari presumibilmente rapiti ad Haiti sabato, riferisce Christian Aid Ministries Ha detto in una dichiarazione sul suo sito web.

L’organizzazione con sede negli Stati Uniti ha dichiarato domenica che si ritiene che anche cinque bambini facciano parte del gruppo.

L’organizzazione ha detto che stavano tornando da un viaggio per aiutare a costruire un orfanotrofio.

“Chiediamo una preghiera urgente per il gruppo di operatori del ministero degli aiuti cristiani che sono stati rapiti”, ha affermato l’organizzazione nella sua nota. “Stiamo cercando la guida di Dio per una soluzione e le autorità stanno cercando modi per aiutare”.

L’organizzazione non ha menzionato i nomi di nessuno dei rapiti, incluso al-Kindi.

Global Affairs Canada ha dichiarato domenica di aver appreso dai media i resoconti del rapimento di un cittadino canadese ad Haiti.

“I funzionari del governo canadese ad Haiti stanno lavorando con le autorità locali”, ha affermato Global Affairs in una dichiarazione inviata via e-mail.

“La prima priorità del governo canadese è sempre la sicurezza e la protezione dei suoi cittadini. A causa delle disposizioni della legge sulla privacy, non possono essere divulgate ulteriori informazioni”.

Ispettore di polizia haitiano. Frantz Champagne afferma che la banda Mauzu 400 ha rapito il gruppo a Günther, a est della capitale Port-au-Prince.

Le autorità dicono che la banda, il cui nome si traduce in 400 “uomini inesperti”, controlla la Croix des Bouquets, che include Gänthier.

Haiti sta lottando ancora una volta con un’ondata di rapimenti legati alle bande che si sono placati negli ultimi mesi dopo la sparatoria mortale del presidente Jovenel Moise a luglio e un terremoto di magnitudo 7,2 che ha colpito la regione sud-occidentale ad agosto, uccidendo più di 2.200 persone.

READ  È una domenica sera a Kiev. Ecco cosa devi sapere

Un rapporto delle Nazioni Unite afferma che ad Haiti sono stati segnalati 328 rapimenti nei primi otto mesi di quest’anno, rispetto ai 234 in tutto il 2020.

Le autorità affermano che il riscatto richiesto dalle bande variava da duecento dollari a oltre un milione di dollari.

Tra le vittime del rapimento ci sono scolari, medici, agenti di polizia e autobus pieni di passeggeri. Ad aprile, cinque sacerdoti e due suore sono stati rapiti da una banda, scatenando le proteste.

Haiti si sta preparando a nuove proteste lunedì per denunciare l’insicurezza nel paese impoverito.

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press il 17 ottobre 2021.

— Con i file dell’Associated Press.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x