Capo della CIA: la guerra in Ucraina costringe la Cina a ripensare “come e quando” Taiwan potrebbe invadere Taiwan

L’esperienza della Russia nel Ucraina Il capo della CIA mercoledì ha dichiarato che i calcoli della Cina su come e quando potrebbe decidere di invadere Taiwan.

All’Aspen Security Forum, il direttore della CIA Bill Burns ha minimizzato le speculazioni secondo cui il presidente cinese Xi Jinping potrebbe andare avanti. Taiwan Dopo un importante incontro del Partito Comunista alla fine di quest’anno.

“Ci sembra che la posta in gioco sia più alta, più si sale in questo decennio”, ha detto Burns, aggiungendo: “Non sottovaluterò la determinazione del presidente Xi ad affermare il controllo della Cina” sull’autogoverno di Taiwan.

Burns ha detto che la Cina era “instabile” quando ha considerato la guerra di cinque mesi della Russia in Ucraina, che ha definito un “fallimento strategico” del presidente Vladimir Putin perché sperava di rovesciare il governo di Kiev entro una settimana.

“Il nostro senso è che probabilmente influenzerà meno la questione se la leadership cinese potrebbe scegliere tra qualche anno di usare la forza per prendere il controllo di Taiwan, ma come e quando lo farà”, ha detto Burns.

Ha detto che credeva che la Cina avesse notato dall’Ucraina che “non si ottengono vittorie rapide e decisive con una forza deludente”.

“Penso che la lezione della leadership e dell’esercito cinese sia che devi radunare una forza schiacciante se hai intenzione di pensarci in futuro”, ha detto.

Ha aggiunto che la Cina ha probabilmente imparato che deve “controllare lo spazio dell’informazione” e “fare tutto il possibile per sostenere la propria economia contro la prospettiva di sanzioni”.

Gli Stati Uniti non ci credono, ha detto Burns, in linea con le precedenti valutazioni statunitensi Pechino fornisce supporto militare alla Russia nonostante il supporto retorico.

Ha detto che la Cina ha aumentato gli acquisti di energia russa, ma è apparsa cauta nel non imporre sanzioni occidentali.

La Cina considera l’autogoverno Taiwan come parte del suo territorio in attesa della riunificazione, se necessario con la forza.

I nazionalisti cinesi sconfitti fuggirono a Taiwan nel 1949 dopo aver perso la guerra civile sulla terraferma, ma da allora l’isola si è sviluppata in una vivace democrazia e in una potenza tecnologica di primo piano.

Parlando con Burns al Rocky Mountain Forum, l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Qin Gang, ha affermato che Pechino è ancora favorevole alla “riunificazione pacifica”.

Ma ha accusato gli Stati Uniti di sostenere le forze di “indipendenza” su Taiwan, con il presidente Tsai Ing-wen che ha affermato l’identità separata dell’isola.

“Nessun conflitto, nessuna guerra è il più grande consenso tra Cina e Stati Uniti”, ha detto Qin. Ma ha detto che gli Stati Uniti stavano “svuotando e offuscando” la loro politica dichiarata di riconoscere solo Pechino.

“Solo aderendo rigorosamente alla politica della Cina unica, solo unendo le mani per limitare e opporsi all’indipendenza di Taiwan, possiamo una riunificazione pacifica”, ha affermato.

In base a una legge approvata dal Congresso quando Washington ha cambiato il riconoscimento da Taipei a Pechino nel 1979, gli Stati Uniti sono tenuti a fornire armi a Taiwan per l’autodifesa.

Lo ha affermato a maggio il presidente degli Stati Uniti Joe Biden Gli Stati Uniti erano pronti a usare la forza per difendere Taiwan Tuttavia, da un attacco cinese, sembra chiarire l’ambiguità americana di lunga data sul fatto che si impegnerà militarmente La Casa Bianca ha subito ritirato i suoi commenti.

Biden ha detto ai giornalisti mercoledì che si aspettava di parlare con Xi “entro i prossimi 10 giorni”.

READ  Trump dice che il prossimo anno farà una campagna contro Murkowski in Alaska

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x