Casi di vaiolo delle scimmie sopra i 5.000, per lo più in Europa: OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato martedì che 5.322 casi confermati in laboratorio di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati durante l’attuale epidemia, l’85% dei quali in Europa.

Sebbene il numero dei casi stia aumentando rapidamente, l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite non ha fissato una data per il comitato di emergenza del vaiolo delle scimmie per un secondo incontro.

“Dal 1 gennaio al 30 giugno di quest’anno, abbiamo 5.322 casi confermati in laboratorio e un decesso”, ha detto ai giornalisti la portavoce dell’Oms Fadela Chaib a Ginevra.

Il numero è aumentato del 56 per cento in otto giorni. Il dato precedente fornito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, per il periodo fino al 22 giugno, era di 3.413 casi.

Un aumento dei casi di vaiolo delle scimmie è stato segnalato dall’inizio di maggio al di fuori dei paesi dell’Africa occidentale e centrale, dove la malattia è endemica da tempo.

Chaib ha affermato che finora i casi sono stati segnalati in 53 paesi.

“L’ottantacinque per cento dei casi si verifica in Europa, seguita dalla regione africana, dalle Americhe, dal Mediterraneo orientale e dal Pacifico”, ha affermato.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità continua a chiedere ai paesi di prestare particolare attenzione ai casi di vaiolo delle scimmie per cercare di fermare ulteriori infezioni.

La maggior parte dei casi di infezione da vaiolo delle scimmie finora è stata osservata negli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, in tenera età e principalmente nelle aree urbane, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

I normali sintomi iniziali del vaiolo delle scimmie includono febbre alta, linfonodi ingrossati e un’eruzione cutanea simile alla varicella.

READ  "Migliori piogge di meteoriti dell'anno": Perseid raggiunge il suo apice questa settimana

Il 23 giugno, l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha chiesto a un gruppo di esperti di emergenza di decidere se il vaiolo delle scimmie costituisse una cosiddetta emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (PHEIC), il più alto allarme che l’OMS potesse lanciare.

Ma la maggioranza ha ritenuto che la situazione non avesse ancora varcato quella soglia.

Tuttavia, hanno riconosciuto la natura di emergenza dell’epidemia e hanno affermato che il controllo della sua diffusione richiede ampi sforzi di risposta.

Il comitato può riunirsi di nuovo in qualsiasi momento, a seconda dell’evoluzione della situazione.

Il Comitato di emergenza dell’OMS sul vaiolo delle scimmie, composto da 16 membri, è presieduto da Jean-Marie Oko Bailey della Repubblica Democratica del Congo, un ex direttore del Dipartimento per i vaccini e l’immunizzazione dell’OMS.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x