Causa in Italia contro gli squatter che hanno aiutato i migranti

La procura di Torino ha chiesto l’incriminazione di 19 persone per aver occupato casa e stanze in una chiesa che ospita migranti che tentano di entrare in Francia. Ma il pubblico ministero ha chiesto alla corte di ritenere che gli squatter fossero motivati ​​da “motivi umanitari”.

Giovedì 14 luglio, il pubblico ministero della città settentrionale italiana di Torino, Giuseppe Dramis, ha chiesto la reclusione da sette a 11 mesi per 19 persone che occupavano una casa e stanze in una chiesa per ospitare gli immigrati.

Nel frattempo, l’attore ha detto alla corte che i difensori stavano agendo per motivi “umanitari” e questo dovrebbe essere considerato una circostanza attenuante nella loro condanna.

A partire dal 2018, attivisti pro-immigrati hanno occupato un ex vialetto sulla statale 24 e sale di chiese nella Valle di Susa (una valle alpina) in Italia per ospitare i migranti che cercavano di attraversare il confine.

Gli edifici sono stati convertiti in un rifugio autogestito, con l’obiettivo di assistere gli immigrati che speravano di attraversare la Francia.

circostanze estenuanti

Per questo, ha detto il pm, i 19 detenuti dovrebbero essere condannati, anche se il fatto che abbiano agito per ragioni di un certo valore sociale e morale dovrebbe essere riconosciuto come un’attenuante.

Il procuratore generale ha osservato che “è vero che le due strutture occupate sono state utilizzate come sede di manifestazioni di protesta contro le politiche del governo sulla gestione dei flussi migratori”.

Ha concluso: “Tuttavia, l’obiettivo di fornire assistenza deve essere riconosciuto. Le persone in estrema difficoltà sono state aiutate. Pertanto, questo è stato un atto umanitario”.

READ  Nico Magnion giocherà per l'Italia nelle qualificazioni olimpiche

Gli avvocati difensori criticano le indagini

La squadra legale che rappresenta l’imputato ha criticato l’indagine condotta dai Carabinieri italiani.

“Sembra molto chiaro che fin dall’inizio questa operazione è stata condotta contro le persone ideologicamente identificate. Sono stati identificati coloro che occupavano le strutture, ma non le persone che effettivamente le utilizzavano. Anche quando i migranti sono partiti per la montagna, hanno corso rischi molto seri e l’interesse degli inquirenti è rimasto concentrato su persone la cui lotta politica era ovviamente importante per loro”.

L’avvocato Valentina Coletta ha confermato che “su questo hanno insistito i testimoni dell’accusa [mentioning] Ideologia anarchica o non TAV [the movement against the high-speed rail line between Lyon and Turin] Come se fosse correlato [to the group’s other actions]. “

due lati

Il movimento NO TAV è stato coinvolto in una lotta profondamente controversa tra coloro che sostengono la linea ferroviaria rapida e gli investimenti nell’area e gli attivisti che affermano che distruggerà l’ambiente naturale delle Alpi. Dagli anni ’90 ci sono state molte lotte e aspre manifestazioni tra le due parti. Il movimento non ha rapporti diretti con gli immigrati, ma alcuni di coloro che si oppongono all’alta velocità potrebbero essere attivi anche in iniziative umanitarie a favore degli immigrati.

“La verità è che tra il 2017 e il 2020, 10.000 migranti si sono recati in Francia attraverso l’Alta Valle de Susa. Circa 10 di loro sono morti nel tentativo”, ha detto Coletta.

“Alcuni che erano lì hanno parlato di persone provenienti dall’Africa o dall’Asia che erano stanche, affamate, infreddolite, mal attrezzate per affrontare il clima freddo di montagna. Tuttavia, le istituzioni sono state indifferenti, lasciando la gestione dell’emergenza alle persone di buona volontà: una parrocchia il prete ci ha detto che le priorità erano [simply] Diverso.”

READ  L'indice INWIT dell'Italia aumenta la sua guida per il 2023 poiché i contratti seguono l'inflazione

La corte dovrebbe pronunciarsi sul caso in ottobre.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x