Cervi con una strana condizione che si coprono i bulbi oculari con i capelli sono stati sistemati dai funzionari in Tennessee

Un cervo dalla coda bianca che cresce dai suoi bulbi oculari è stato scoperto mentre vagava in un sobborgo del Tennessee.

I residenti di Faragot, un sobborgo a circa 20 minuti fuori Knoxville, hanno denunciato il crimine alle autorità, dicendo loro che stava girando per strada, con evidente sanguinamento, nessuna consapevolezza delle persone intorno a lei e “qualcosa nei suoi occhi”.

Per paura che i cervi contrassero una malattia da deperimento cronico, una malattia da prioni contagiosa e mortale, gli agenti della Tennessee Wildlife Resources Agency (TWRA) hanno dovuto fermarla.

Poi hanno scoperto che Buck conteneva tumori pelosi, noti come dermoidi, che ricoprono completamente le cornee e le rendono quasi cieche.

Scorri verso il basso per visualizzare il video

Un cervo dalla coda bianca è stato trovato mentre vagava per la strada in un sobborgo del Tennessee, e aveva cisti di capelli, note come pelli corneali, che coprivano le loro cornee e le rendevano quasi cieche

La malattia da deperimento cronico (CW), nota anche come “coma dei cervi”, è una malattia mortale e altamente contagiosa correlata alla “malattia della mucca pazza”.

Colpisce cervi, alci e alci, causando una grave perdita di peso, tremori, salivazione, disorientamento e, infine, aggressività violenta e morte.

La CWD non è stata ancora riconosciuta nel Tennessee orientale, secondo Associazione nazionale dei cervi, Chi ha condiviso il rapporto sull’incidente la scorsa settimana.

Buck era negativo per CWD ma è risultato positivo per malattia emorragica epidemica (EHD), un altro virus caratterizzato da febbre alta e sanguinamento esteso.

È possibile che il cervo sia nato con la condizione, ma i veterinari ritengono che i tumori siano cresciuti nel tempo, consentendo loro di adattarsi a un campo visivo in continua diminuzione.

È possibile che il cervo sia nato con la condizione, ma i veterinari ritengono che i tumori siano cresciuti nel tempo, consentendo loro di adattarsi a un campo visivo in continua diminuzione.

I test post mortem nel Collaborative Wildlife Disease Study della Southeastern University of Georgia hanno rivelato che i bulbi oculari pelosi erano dovuti a una condizione nota come dermoidi corneali, che è descritta come “un tessuto simile alla pelle che si trova sul corpo da qualche parte diversa dalla pelle” secondo un rapporto del professore di medicina veterinaria Nicole Nemeth.

Le anomalie corneali congenite, che di solito sono benigne, possono consistere in follicoli piliferi, ghiandole sudoripare, sebo e altri elementi della pelle normale.

Che cos’è la “malattia dei cervi zombi”?

Nell’agosto 2020, la malattia da deperimento cronico (CWD), nota anche come “malattia da cervo zombi”, è stata segnalata in 24 stati.

Si ritiene che sia causato da proteine ​​dispiegate chiamate prioni ed è stato collegato alla BSE nei bovini e alla malattia di Creutzfeldt-Jakob negli esseri umani.

L’infezione attacca il cervello, il midollo spinale e altri tessuti di cervi, alci e alci, provocando una drammatica perdita di peso, mancanza di coordinazione e persino aggressività prima che muoiano definitivamente.

Non ci sono ancora prove che possa infettare gli esseri umani, secondo il CDC.

In laboratorio, invece, è stato trasmesso a scimmie scoiattolo, topi e macachi che mangiavano carne infetta.

È stata segnalata in cani e gatti, ma raramente è stata segnalata nei cervi.

Secondo l’NDA, c’è stato un altro caso di coda bianca: un cacciatore è stato ucciso da un cacciatore nel 2007 che aveva un mortale in un occhio.

READ  Serie internazionale "Plants for Life, Plants for Survival"

Il biologo della fauna selvatica della TWRA Stirling Daniels ha detto all’NDA che il cerbiatto incontrato nel Tennessee aveva la pelle spessa e i capelli che coprivano completamente le cornee, rendendolo quasi cieco.

“Potrebbe essere in grado di distinguere oggi dall’oscurità, ma non credo che sarà in grado di vedere dove è diretto”, ha detto Daniels.

Lo confronterò coprendoti gli occhi con un pezzo di stoffa. Puoi distinguere il giorno dalla notte, ma è tutto.

Nemeth ha detto che credeva che la pelle si fosse evoluta nel tempo, permettendo al cervo di adattarsi a un campo visivo ridotto.

Secondo la National Deer Association, l’incidente è avvenuto alla fine di agosto 2020.

Sebbene rari, gli esseri umani possono anche soffrire di demiociti corneali: nel 2013, un adolescente iraniano è stato sottoposto a un intervento chirurgico agli occhi per rimuovere le escrescenze pelose nella sua cornea destra.

Era nato con grumi, ma stava gradualmente crescendo fino a un quarto di pollice, il doppio della maggior parte dei tipi di pelle.

Secondo un rapporto pubblicato sul New England Journal of Medicine, “Non aveva dolore, ma il nodulo causava difetti visivi, un leggero fastidio quando batteva le palpebre e una sensazione intermittente di un oggetto estraneo”.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x