ChatGPT ha violato le leggi europee sulla privacy, ha detto l'Italia al produttore di chatbot OpenAI

ChatGPT ha violato le leggi europee sulla privacy, ha detto l'Italia al produttore di chatbot OpenAI

Le autorità di regolamentazione italiane affermano di aver informato OpenAI che il suo chatbot AI ChatGPT ha violato le rigide norme dell'UE sulla privacy dei dati.

L'autorità nazionale per la protezione dei dati, nota come Garante, ha dichiarato lunedì di aver notificato a OpenAI, con sede a San Francisco, violazioni delle norme dell'Unione Europea, note come Regolamento generale sulla protezione dei dati.

L'organismo di vigilanza ha iniziato a indagare su ChatGPT l'anno scorso, quando ha temporaneamente vietato in Italia un chatbot in grado di produrre testo, immagini e audio in risposta alle domande degli utenti.

Sulla base dei risultati dell’”attività conoscitiva”, l’organismo di vigilanza ha affermato di “aver concluso che le prove disponibili indicano violazioni delle disposizioni” delle norme sulla privacy dell’UE.

OpenAI, che ha 30 giorni per rispondere alle accuse, ha affermato che lavorerà in modo costruttivo con le autorità di regolamentazione italiane.

Una dichiarazione della società afferma: “Crediamo che le nostre pratiche siano conformi al Regolamento generale sulla protezione dei dati e ad altre leggi sulla privacy e adottiamo ulteriori misure per proteggere i dati e la privacy delle persone. Vogliamo che la nostra intelligenza artificiale impari a conoscere il mondo, non gli individui. Siamo attivamente lavorando per ridurre i dati personali nella formazione.” I nostri sistemi, come ChatGPT, rifiutano anche richieste di informazioni private o sensibili sulle persone.

READ  L'Irlanda rimuove l'Italia e l'Austria dall'elenco di quarantena degli hotel

L’anno scorso la società ha dichiarato di aver soddisfatto una serie di condizioni richieste dal Garante per revocare il divieto su ChatGPT.

L'autorità di vigilanza ha imposto il divieto dopo aver scoperto che i messaggi e le informazioni di pagamento di alcuni utenti erano stati esposti e perché ChatGPT non disponeva di un sistema per verificare l'età degli utenti, consentendo ai bambini di ottenere risposte dallo strumento AI inadeguate alla loro età.

Ha inoltre messo in dubbio se esistesse una base legale per OpenAI per raccogliere le enormi quantità di dati utilizzati per addestrare gli algoritmi ChatGPT e ha sollevato preoccupazioni sul fatto che il sistema potrebbe talvolta generare false informazioni sugli individui.

Anche la crescente popolarità dei sistemi di intelligenza artificiale generativa come ChatGPT è oggetto di un crescente controllo da parte dei regolatori su entrambe le sponde dell’Atlantico.

I sistemi di intelligenza artificiale devono inoltre affrontare una supervisione più ampia da parte dell’Unione Europea, che sta finalizzando la rivoluzionaria legge sull’intelligenza artificiale, il primo regolamento completo al mondo per l’intelligenza artificiale. Si prevede che i 27 Stati membri del blocco ratificheranno una versione della legislazione venerdì.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x